Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2814 - mercoledì 21 ottobre 2015

Sommario
- Legge di stabilità: Regioni, conferenza stampa il 22 ottobre alle 13
- Zaia: i tagli alla sanità dal Patto Salute alla Legge di Stabilità
- Assistenza malati rari: reti regionali in circuito di eccellenza europeo
- Piemonte: disavanzo a 5,8 miliardi
- Ambiente: dichiarazione sulla ricerca di idrocarburi in mare
- Agenas: cresce spesa sanitaria

+T -T
Agenas: cresce spesa sanitaria

L'aggiornamento online dei dati relativi al periodo 2008-2014

(Regioni.it 2814 - 21/10/2015) “In questi ultimi giorni leggo sui giornali attacchi alle Regioni e alla loro gestione della sanità. Me ne dispiaccio, e soprattutto li trovo ingiusti”, l'assessore al diritto alla salute della Regione Toscana, Stefania Saccardi. A suscitare le riflessioni da parte dell’assessore toscano sono state le dichiarazioni del ministro Lorenzin, che ha definito "un errore fatale" aver delegato, con il titolo V, la sanità alle Regioni e, da ultimo, l'elenco degli ospedali con i bilanci in rosso stilato da Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali) su mandato del ministro Lorenzin, elenco nel quale figurano tutte e quattro le aziende ospedaliero-universitarie toscane.
“In un momento di difficoltà come questo, in cui le persone hanno bisogno di certezze - è il commento di Stefania Saccardi - mi sembra sbagliato demonizzare il servizio sanitario pubblico e contribuire a creare sfiducia nei cittadini. Nel nostro Paese c'è una buona sanità, anche confrontata con quella di altri Paesi europei. Voglio ricordare tra l'altro che l'Italia è il Paese con il più basso rapporto tra Pil e spesa sanitaria, ma è anche tra quelli con i migliori dati di salute e i livelli di aspettativa di vita più elevati”.
L'aggiornamento online di Agenas dei dati sulla spesa sanitaria nazionale e regionale relativi al periodo 2008-2014, indica che torna a crescere la spesa sanitaria nel 2014, con un aumento dello 0,89% rispetto al 2013 (e un'inversione di tendenza rispetto agli anni 2008-2013).
Lo studio s'incentra sull'analisi dei dati ricavati dai Conti Economici (CE) consuntivi compilati dalle Regioni stesse e inseriti sul Nuovo Sistema Informativo Sanitario (NSIS) del Ministero della Salute. Rispetto al precedente aggiornamento, il lavoro presenta ulteriori elementi di analisi, quali la spesa per Livelli Essenziali di Assistenza basata sui modelli LA prodotti dalle Regioni e l'andamento nel tempo della mobilità passiva.
I costi che hanno inciso maggiormente sono stati: prodotti farmaceutici ed emoderivati (+7,09%), dispositivi medici (3,41%), manutenzioni e riparazioni (+5,62%). Per quel che riguarda la mobilità passiva, si conferma il trend in crescita con un costo pari a circa 3,8 miliardi di euro l'anno. Mentre l'analisi del finanziamento della spesa sanitaria rileva un aumento del Fondo sanitario nazionale che dal 2008 al 2014 cresce del 9%. Per quel che riguarda invece le entrate proprie, la compartecipazione alla spesa (ticket) si conferma la voce principale con una crescita del 26% dal 2008 al 2014.Inoltre, la spesa per Livelli Essenziali di Assistenza indica che l'assistenza ospedaliera passa dal 48,16% del 2008 al 44,72% del 2013; quella per l'assistenza distrettuale passa dal 47,51% del 2008 al 51,09% del 2013; mentre la prevenzione rimane stabile intorno al 4%.Va specificato che pur in presenza di una crescita della spesa sanitaria, non si arresta il trend in diminuzione dei disavanzi regionali. Il sistema sanitario nazionale, dopo le coperture registra un avanzo di circa 600 milioni di euro.
Ma “entrando nello specifico dei bilanci - osserva l'assessore Saccardi - inserire le aziende ospedaliere della Toscana in articoli dal titolo 'Il buco nero degli ospedali', come abbiamo letto nei giorni scorsi, non solo è fuorviante, ma non corrisponde alla realtà delle cose, dal momento che i bilanci della sanità toscana sono in regola, certificati da tempo. C'è un equivoco di fondo su ciò che viene interpretato come disavanzo. Almeno in Toscana, quelli che vengono citati come disavanzi, in realtà sono soltanto il frutto della metodologia di governo del fondo sanitario regionale adottata in corso d'anno”.
“Si dovrebbe sapere - sottolinea Stefania Saccardi - che il sistema di erogazione delle risorse alle aziende avviene in due momenti distinti, il secondo dei quali alla fine dell'anno, quando, in presenza di situazioni di passivo, questo viene ripianato con risorse che la Regione si è trattenuta. In prima istanza, infatti, solo una parte del fondo viene distribuita alle aziende; per questo motivo il disavanzo che i bilanci delle aziende toscane mostrano prima della definitiva chiusura non è altro che l'espressione della residua porzione di fondo ancora da ricevere”.
“Il governo del fondo ed il monitoraggio dei bilanci delle aziende sanitarie da parte della Regione - ricorda Saccardi - avviene peraltro proprio in ragione del mantenimento del disavanzo mostrato nei conti economici aziendali entro i limiti pattuiti attraverso accordi regionali e tali da garantire che la somma della quote residue di fondo da distribuire alle aziende sia coerente con la capienza complessiva del fondo sanitario a disposizione”.
Un esempio significativo di questo meccanismo è il caso dell'Aou Careggi, dove il disavanzo della prechiusura 2014, pari a 19 milioni di euro, corrisponde alla porzione di fondo sanitario da ricevere a chiusura dell'esercizio. Tale importo, ricorda la Regione Toscana, è il risultato delle azioni gestionali intraprese dall'azienda per rispettare gli obiettivi previsti dal Piano di Rientro sottoscritto con la Regione durante l'anno e soprattutto equivale esclusivamente alla valorizzazione delle prestazioni erogate dall'azienda e non riconosciute economicamente attraverso il fenomeno compensativo della mobilità per effetto del meccanismo dei tetti.
“La lettura del fenomeno del disavanzo per la Toscana è in sintesi fuorviante su entrambe le dimensioni; quella regionale e quella aziendale - ribadisce Saccardi - La valutazione dell'equilibrio economico del Sistema Sanitario Regionale deve essere fatta tenendo conto dei risultati di chiusura, non di prechiusura delle aziende, alla luce della distribuzione di tutte le risorse del Fondo Sanitario. In questo senso la Regione Toscana mostra un risultato 2014 in equilibrio”.
“Negli articoli - osserva ancora l'assessore Saccardi - non si ricorda invece l'alto livello di qualità dei servizi della sanità toscana, certificato dal fatto che la nostra regione è prima nella classifica dei Livelli essenziali di assistenza (Lea) del Ministero della salute e che, aldilà di questo primato, destina oltre 100 milioni di euro a servizi extra Lea, per offrire prestazioni ancor più di qualità e rispondere a bisogni a cui le altre Regioni non rispondono.
Quando si forniscono cifre e dati - conclude - è necessaria una maggiore responsabilità, specialmente in un momento in cui le risorse diminuiscono e i bisogni in relazione ai costi, anche per farmaci innovativi, aumentano”.
I dati pubblicati dall'Agenas sono suddivisi per regione e sono relativi al conto economico consuntivo 2014 di Aziende ospedaliere (AO), Aziende ospedaliere universitarie (AOU) e Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS) pubblici.
Aziende divise per Regioni - CE 2014 (PDF)


( red / 21.10.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top