Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2818 - martedì 27 ottobre 2015

Sommario
- Legge di stabilità: Conferenza delle Regioni per il 2 novembre
- Trasferimento personale Province : accelerazione nella legge di stabilità
- Serracchiani: Governo non ha in agenda nessun accorpamento Regioni
- Riforma Regioni: Bressa, Zaia, Frattura, Emiliano e Toti
- Norma "salva-Regioni": ipotesi Decreto
- Rapporto Svimez 2015: Sud ritorna a crescere

+T -T
Legge di stabilità: Conferenza delle Regioni per il 2 novembre

Prevista anche un'audizione in Parlamento

(Regioni.it 2818 - 27/10/2015) Il Presidente Sergio Chiamparino ha convocato la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome in seduta straordinaria per lunedì 2 novembre 2015 alle ore 14.30 (in Via Parigi, 11 a Roma).
All’ordine del giorno le “valutazioni sul disegno di legge “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato - Legge di stabilità 2016 (S 2111)”.
La riunione precede l’audizione di una delegazione della Conferenza delle Regioni, che sarà guidata dallo stesso presidente Chiamparino, dinanzi alle Commissioni riunite Bilancio di Senato e Camera nell’ambito dell’attività conoscitiva preliminare all’esame dei documenti di bilancio per il triennio 2016-2018, convocata il 2 novembre 2015, ore 17.30.

(02/11/2015) Ordine del Giorno - STRAORDINARIA - Conferenza Regioni e Province Autonome

 

+T -T
Trasferimento personale Province : accelerazione nella legge di stabilità

Sale ad 8 il numero delle regioni che hanno approvato il riassetto

(Regioni.it 2818 - 27/10/2015) Prosegue il monitoraggio della Segreteria della Conferenza delle Regioni (Settore affari istituzionali) sull’attuazione della Legge 56/2014. E’ stata infatti aggiornata la tabella che ricorda le tappe dell’attuazione della Legge Delrio relativa al riassetto delle Province: dall’invio della mappatura all’osservatorio nazionale, all’approvazione in Giunta del ddl di riordino, dallo stato di avanzamento del processo di riordino fino alla pubblicazione della legge Regione sul Bollettino Ufficiale.
L’ultimo aggiornamento riguarda l’approvazione definitiva della  Legge delle Regione Abruzzo, n.32 del 20 ottobre 2015, “Disposizioni per il riordino delle funzioni amministrative delle Province in attuazione della Legge 56/2014”.
Sale così a 8 (su 15) il numero delle Regioni a Statuto ordinario che hanno legiferato in materia.
Nel frattempo il governo - con il disegno di legge di stabilità 2016 - imprime una certa accelerazione all’intero processo. L’articolo 38 del provvedimento, ora all’attenzione, del Senato, prevede “alle Province e alle Città metropolitane delle Regioni a statuto ordinario” sia “attribuito un contributo complessivo di 400 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 20161 di cui 150 milioni di euro a favore delle Province e 250 milioni di euro a favore delle Città metropolitane finalizzato al finanziamento delle ...

+T -T
Serracchiani: Governo non ha in agenda nessun accorpamento Regioni

(Regioni.it 2818 - 27/10/2015) Dopo l’articolo pubblicato da “l’Unità” che rilancia la riforma delle Regioni con l'ordine del giorno "Ranucci" approvato in Parlamento, è intervenuta Debora Serracchiani, presidente del Friuli Venezia Giulia e vicesegretario del Pd.
“L'ipotesi di un accorpamento delle Regioni – spiega Serracchiani - rifiorisce a intervalli più o meno regolari, senza mai tener conto che il Governo non ha in agenda nulla del genere e che lo stesso vale per il Pd”.
“L'assetto delle Regioni - aggiunge Serracchiani - non è toccato dalla riforma costituzionale, a cominciare dal disegno dei confini e non potrà essere un ordine del giorno a incidere, in un modo oltretutto così pesante, sull'iter e sui tempi che ci siamo dati”.
“Nel merito dell'ordine del giorno Ranucci - sottolinea Serracchiani - va notato che il Governo non l'ha fatto proprio nel testo originario, che conteneva ...

+T -T
Riforma Regioni: Bressa, Zaia, Frattura, Emiliano e Toti

Bressa: non possiamo imporre noi una soluzione

(Regioni.it 2818 - 27/10/2015) In un’intervista a 'l'Unità' il sottosegretario agli Affari regionali, Gianclaudio Bressa, interviene sulla possibile riforma delle Regioni, spiegando che il Governo sta “discutendo sulla semplificazione e sulle dimensioni delle Regioni, ma sulla base della Costituzione e con un discorso che deve partire dal basso piuttosto che da proposte di legge. Una riforma costituzionale che riduca il numero delle Regioni a 12 non è nell'agenda del governo”.
Bressa aggiunge che “l'articolo 117, comma 8, della Carta prevede già che le Regioni possano attuare accordi e gestire in comune progetti e funzioni proprie”, perchè “il problema è infatti il dimensionamento delle Regioni piccole. Ma devono attivarsi loro con i poteri che la Costituzione dà loro, non possiamo imporre noi una soluzione. Non si possono fare operazioni illuministiche”.
Mentre al “Corriere della Sera” Luca ...

+T -T
Norma "salva-Regioni": ipotesi Decreto

(Regioni.it 2818 - 27/10/2015) Il Consiglio regionale del Piemonte affronterà nei prossimi giorni il dibattito in sulla Legge di Stabilità. Lo ha preannunciato il presidente della Regione, Sergio Chiamparino, il 27 ottobre in aula.
“La discussione sull'impianto della Legge di stabilità - ha detto Chiamparino - è doverosa. Al di là delle slides, il testo della legge è giunto solo in questi giorni. Il 2 novembre abbiamo come Conferenza delle Regioni un'audizione al Senato, alle 17,30”, preceduta nel primo pomeriggio da una “riunione della Conferenza” (vedi notizia precedente).
Per questo motivo – ha spiegato Chiamparino – “mi sembrerebbe più utile fare la discussione su questo martedì, in tempo assolutamente utile per ricavarne elementi eventualmente da proporre ai parlamentari piemontesi come ipotesi di modifica”.
Chiamparino si è poi concesso una battuta sulle sue dimissioni ...

+T -T
Rapporto Svimez 2015: Sud ritorna a crescere

(Regioni.it 2818 - 27/10/2015) Il Pil al Sud riprende a salire dopo molti anni. Lo rileva il Rapporto Svimez 2015. Nell’anno in corso il Pil italiano “dovrebbe crescere dello 0,8%, risultato del +1% del Centro-Nord e del timidissimo +0,1% del Sud. Se confermata, si tratta della prima variazione positiva di prodotto del Sud da sette anni a questa parte”.
Le stime Svimez spiegano inoltre come la crescita sia trainata dall'andamento positivo dei consumi. Il Rapporto Svimez rileva inoltre che il Sud è “sempre più povero: il 62% dei cittadini guadagna al massimo il 40% del reddito medio”.
Nel 2015, gli investimenti fissi lordi sono diversi: “+1,5% al Centro-Nord, mentre continuano a calare al Sud (-1%), anche per effetto della contrazione degli investimenti pubblici (-3%)”.
Nel 2014 gli investimenti fissi lordi avevano segnato al Sud -4% e al Centro-Nord -3,1%; dal 2008 al 2014 sono crollati del 38% al Sud e del 27% nel ...
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top