Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2819 - mercoledì 28 ottobre 2015

Sommario
- Visco: Bankitalia, crescita Pil 2015 potrebbe sfiorare l'1%
- Il Ddl di stabilità 2016 e le politiche sociali
- Rossi: costruire una macroregione dell'Italia centrale
- Scuola: Save the Children su servizi mensa ai bambini in Italia
- Gli atti della Conferenza Unificata del 1° ottobre

+T -T
Il Ddl di stabilità 2016 e le politiche sociali

(Regioni.it 2819 - 28/10/2015) Il settore salute e politiche sociali della segreteria della Conferenza delle Regioni ha elaborato schede di sintesi sulle principali disposizioni contenute del Ddl di stabilita 2016 in materia di welfare.
In particolare sono analizzati i contenuti dell’articolo 24, relativo alla lotta alla povertà, dell’articolo 25, relativo alle non autosufficienza e alla adozioni internazionali, infine sono riassunti in una tabella gli stanziamenti previsti dalla tabella C: dal servizio civile alle politiche per la famiglia, dalle pari opportunità all’assistenza e sostegno alle donne vittime di violenza, dal fondo per le politiche sociali a quello per l’infanzia e l’adolescenza, al fondo per le politiche giovanili
Per quanto riguarda l’articolo 24, la scheda spiega che Il Ddl di stabilità prevede un “Fondo per la lotta alla povertà e all’esclusione sociale” cui sono assegnate le risorse di 600 milioni di euro per l'anno 2016 e di 1.000 milioni di euro a decorrere dall’anno 2017. Il Piano è triennale e le risorse per l’anno 2016 sono destinate ai seguenti interventi: 380 milioni di euro per l’astensione su tutto il territorio nazionale della carta acquisti. E’ incrementata anche la voce relativa all’assegno di disoccupazione (ASDI) per 220 milioni di euro. Al Fondo per la lotta alla povertà e all’esclusione sociale sono assegnati altresì 54 milioni di euro a decorrere dall’anno 2016 a valere sul Fondo per l’occupazione. In via sperimentale per gli anni 2016, 2017 e 2018 è istituito un Fondo per il contrasto alla povertà educativa mediante apposito capitolo di bilancio alimentato da versamenti effettuati dalle Fondazioni bancarie. A tali Enti è pertanto riconosciuto un contributo sotto forma di credito di imposta pari al 75% dei versamenti effettuati al Fondo di cui sopra.
L’articolo 25 istituisce un Fondo presso il Ministero dell’economia e delle finanze, con una dotazione di 90 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2016, destinato al finanziamento di misure per il sostegno delle persone con disabilità grave, in particolare stato di indigenza e prive di legami familiari di primo grado (‘dopo di noi). Le modalità di utilizzo saranno definite con un’intesa in Conferenza Stato–Regioni.
Lo stanziamento del Fondo per le non autosufficienze, anche ai fini del finanziamento degli interventi a sostegno delle persone affette da sclerosi laterale amiotrofica, è incrementato di 150 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2016. Pertanto, sommato allo stanziamento previsto dalla precedente Legge di stabilità, 250 milioni di euro, il tale fondo risulta essere pari a 400 milioni di euro come per l’anno 2015.
Previsto anche un fondo per le adozioni internazionali con una dotazione di 15 milioni di euro. A decorrere dall’anno 2016 conseguentemente viene ridotta nella misura di 15 milioni di euro annui la dotazione del Fondo per le politiche della famiglia. Non risulta rifinanziato –annota il settore salute e politiche sociali della Segreteria della Conferenza delle Regioni - il Fondo che la legge di stabilità 2015 al comma 131 aveva istituito con una dotazione di 112 milioni di euro per l'anno 2015, da destinare a interventi in favore della famiglia, di cui una quota pari a 100 milioni di euro riservata per il rilancio del piano per lo sviluppo del sistema territoriale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia. Inoltre si sottolinea che “non compare più la disposizione riportata in una prima bozza del Ddl che recepiva la richiesta più volte avanzata dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome al Governo di razionalizzazione e riorganizzazione dei diversi Dipartimenti, prevedendo il trasferimento al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali delle funzioni esercitate dalla Presidenza del Consiglio quali: gioventù, politiche per la famiglia e servizio civile”.
Infine un prospetto riepiloga i fondi previsti dalla tabella c).

 

2016

2017

2018

Fondo nazionale per il servizio civile

€ 115.730.527

€ 115.730.527

€ 115.730.527

Fondo per le politiche della famiglia

€ 22.621.227

€ 22.621.227

€ 22.621.227

Fondo per le pari opportunità

€ 9.599.591

€ 9.599.591

€ 9.599.591

Fondo assistenza e sostegno donne vittime di violenza

€ 9.007.627

€ 9.057.403

€ 9.057.403

Fondo nazionale per le politiche sociali

€ 312.589.741

€ 312.553.204

€ 312.553.204

Fondo nazionale infanzia e adolescenza

€ 28.794.000

€ 28.794.000

€ 28.794.000

Fondo per le politiche giovanili

€ 5.559.878

€ 6.136.837

€ 6.136.837






( red / 28.10.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top