Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2833 - martedì 17 novembre 2015

Sommario
- Migliora qualità cure: Agenas presenta Programma nazionale esiti 2015
- Conferenza Unificata straordinaria il 19 novembre
- Terrorismo Isis: Bonaccini, Zaia, Maroni, Toti, Emiliano
- Le Regioni per le reti di impresa: guida ai finanziamenti regionali
- Province: primi dati sul collocamento del personale
- Commissione UE: primi giudizi sulla legge di stabilità dell'Italia

+T -T
Migliora qualità cure: Agenas presenta Programma nazionale esiti 2015

(Regioni.it 2833 - 17/11/2015) Migliora la qualità delle cure, ma non dappertutto. L’Agenas ha presentato il Programma nazionale esiti 2015. Si tratta di un lavoro che è sviluppato da Agenas per conto del Ministero della Salute, che fornisce valutazioni comparative a livello nazionale sull’efficacia, la sicurezza, l’efficienza e la qualità delle cure prodotte nell’ambito del servizio sanitario.
L’Agenas ricorda quindi l’importanza di queste analisi che rappresentano un utile strumento operativo per migliorare la qualità dei servizi sanitari attraverso una corretta analisi delle criticità.
Tra le evidenze del Programma nazionale esiti si rileva una maggiore efficienza degli ospedali, ma permangono le disparità territoriali e non solo quelle classiche Nord e Sud, ma anche all’interno della stessa regione.
Tra gli aspetti sanitari trattati, ad esempio, sono cresciute (da 70 nel 2010-2011 a 161 nel 2014) le strutture che impiegano solamente due giorni per operare le fratture del collo del femore negli over-65, ma scendono i parti cesarei primari e meno della metà degli ospedali italiani raggiunge la soglia minima del numero di ricoveri per tumori fissata dall’Oms.
Ma resta ancora quindi l’”estrema eterogeneità nell'accesso della popolazione ai trattamenti di provata efficacia”.
L'Italia è il paese europeo con il più alto numero di parti cesarei, ma la proporzione dei cesarei primari scende lievemente ma progressivamente dal 28,3% del 2010 al 25,7% del 2014. La riduzione corrisponde a un totale di circa 32.000 donne alle quali è stato evitato un cesareo primario negli ultimi 4 anni, con conseguente esposizione a un minore rischio di successivo parto chirurgico.
Per quanto riguarda invece gli infarti trattati con angioplastica coronarica entro due giorni, si è passati dal 32% del 2010 al 41% del 2014, è in crescita anche il numero dei ricoveri per la chirurgia del tumore al colon, mentre diminuisce lievemente la mortalità.
Le fratture del collo del femore sono rischiose negli over-65 ed è auspicabile operarle entro 48 ore dall'ingresso in ospedale. Nel 2014 in Italia il 50% dei pazienti è stato operato entro due giorni, a fronte di una percentuale che nel 2010 era solo del 31%.
Il ministero della Salute fissa al 60% la proporzione minima per struttura di interventi chirurgici entro 48 ore: gli ospedali che rispondevano a questo standard erano solo 70 nel 2010-2011 e sono 161 nel 2014. Prendendo come riferimento il criterio del 60%, si vede che in Abruzzo, Molise e Calabria nessuna struttura raggiunge questo standard minimo. In tutte le altre regioni, almeno uno struttura raggiunge il 60%.
In quasi tutte le regioni c'è almeno uno struttura che supera l'80%. Confrontando i dati del 2014 con quelli del 2013, si osserva un miglioramento del valore medio regionale in tutte le Regioni, con aumenti più significativi in Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Liguria, Lazio, Sardegna e Puglia.
Diminuiscono anche i giorni di degenza a seguito di intervento per asportazione della colecisti. Il numero di chi resta in ospedale meno di 3 giorni è passato dal 58,8% del 2010 al 66,5% del 2014. I valori migliori si riscontrano in Piemonte, Liguria, Emilia Romagna e Toscana. Di conseguenza, negli ultimi 4 anni sono circa 18.000 i pazienti che hanno beneficiato dell'intervento tempestivo, con un evidente beneficio di salute ma anche in termini di risorse impiegate, visto che sono state risparmiate 120.000 giornate di degenza, di cui 34.000 nel 2014.
Diminuiscono anche i ricoveri inappropriati per i bambini. L'ospedalizzazione per togliere tonsille è passata dal 2,9 per mille del 2010 al 2,4 del 2014, riduzione che corrisponde, negli ultimi 4 anni, a 10mila bambini in meno operati per un intervento ad alto rischio di inappropriatezza, di cui 3800 solo nel 2014. A dirlo
Diminuiscono pertanto le giornate di ricovero. Il tasso di ospedalizzazione per asma pediatrico si è ridotto dallo 0,9 per mille nel 2010 allo 0,5 nel 2014. In pratica 11000 bambini, hanno evitato il ricovero per un problema che può essere trattato a livello territoriale. Ad esempio il tasso di ospedalizzazione per gastroenterite pediatrica, condizione che in genere non lo richiede, si è ridotto dal 2,1 per mille nel 2010 al 1,5 nel 2014, pari a circa 24.000 bambini in meno ricoverati in ospedale. “Si tratta di un aspetto positivo perché diminuisce l'impatto psicologico negativo del ricovero sui bambini e sulla famiglia ed espone anche a minor rischio di infezioni”.
“Il divario tra regioni del Centro-Nord e del Centro-Sud – afferma il ministro della Salute Beatrice Lorenzin - è ancora troppo forte, motivo per il quale dobbiamo focalizzare tutto il nostro lavoro sul rispetto dei Livelli essenziali di assistenza (Lea) nel Meridione, soprattutto nelle regioni commissariate”.
Un'esigenza, aggiunge Lorenzin, che “abbiamo già colto in questa Legge di Stabilita”, visto che “abbiamo vincolato 800 milioni proprio a garantire i Lea e abbiamo previsto, per gli ospedali, un piano di rientro dal deficit, non solo per motivi economici ma anche per il mancato rispetto dei parametri di qualità di assistenza”.
"I risultati del PNE arrivano a pochi giorni dai punteggi Lea, Livelli essenziali di assistenza, che per il secondo anno consecutivo hanno assegnato il primato alla Toscana, con 217 punti su 225 - è il commento di Enrico Rossi, presidente della regione Toscana - Ora i risultati dell'Agenas convalidano anche l'efficacia delle cure ospedaliere erogate in Toscana. Non posso che rallegrarmi, e di nuovo ringraziare tutti gli operatori del servizio sanitario della Toscana, per aver contribuito a questi ottimi risultati".
“Siamo soddisfatti di questo grande e importante lavoro svolto”, afferma Francesco Bevere, direttore generale di Agenas: “i risultati del Piano nazionale esiti ci indicano infatti che Regioni e ospedali collaborano e che, quindi, c'e' sempre più attenzione alla qualità delle cure. Ma ora, come indicato anche dal ministro, abbiamo in testa di procedere con sistemi sempre più diffusi, cercando di mettere insieme i dati di efficacia clinica con il monitoraggio dell'efficienza gestionale delle strutture ospedaliere”.

 
  




( gs / 17.11.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top