Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2860 - mercoledì 13 gennaio 2016

Sommario
- Audizione ministra Boschi su futuro Senato e "sistema Conferenze"
- Franceschini: 2015 anno d'oro per i musei italiani
- Libri: nel 2015 solo il 42% degli italiani ne ha letto almeno uno
- SVIMEZ: studio sulla qualità della Pubblica Amministrazione
- Lombardia approva legge di Bilancio
- Gazzetta Ufficiale: la rassegna di dicembre

+T -T
SVIMEZ: studio sulla qualità della Pubblica Amministrazione

(Regioni.it 2860 - 13/01/2016) SVIMEZ (Associazione per lo sviluppo dell'industria nel Mezzogiorno) propone uno studio sulla qualità delle istituzioni, con tanto di classifica basata su specifici criteri adottati. In particolare si sottolinea che bisogna ancora colmare i divari nei diritti di cittadinanza nel Paese.
In questa graduatoria la qualità della Pubblica Amministrazione è più alta al Centro/Nord che al Sud, analizzando le performance di regioni e province italiane negli anni 2004-2012. In testa è la regione Toscana e la provincia di Firenze in particolare.
La Toscana quindi si conferma la regione con la qualità delle istituzioni più alta quasi a pari merito con il Trentino Alto Adige, che sale alla seconda posizione mentre l'Emilia Romagna va all'ottavo posto, a pari merito con l' Abruzzo.
Nel 2004 erano in testa Toscana, Lombardia ed Emilia-Romagna alla classifica in base all'Iqi (Institutional quality index: l'indice che raccoglie i parametri raccolti e riferiti a partecipazione, efficacia dell'azione di governo, qualità della regolamentazione, certezza del diritto, corruzione). Ultime erano le regioni Campania, Sicilia e Calabria.
Nel 2012 si trovano in testa alla classifica Toscana, Trentino-Alto Adige e Umbra, ultime Molise, Sicilia e Calabria.
Secondo Svimez l'obiettivo di ridurre i divari e riavviare un processo di sviluppo non può essere perseguito senza avere istituzioni di qualità in tutto il territorio e una P.A. ispirata a criteri e valori di equità, trasparenza, responsabilità, efficacia ed efficienza. Quindi la forbice in tal senso Nord-Sud incide in misura significativa sulle reali potenzialità di sviluppo economico e aggrava le condizioni di disuguaglianza e sofferenza sociale.
SVIMEZ spiega la qualità delle istituzioni nel 2012 per regione: “Toscana in testa, l’Abruzzo sale dal 12 al 9 posto. Otto anni dopo, la Toscana si conferma la regione italiana con la qualità delle istituzioni più alta con un valore di 0,8, quasi a pari merito con il Trentino Alto Adige, che sale dalla 5° alla 2° posizione. L’Emilia Romagna scivola dal terzo all’ottavo posto, con 0,72, a pari merito con la regione Abruzzo. Giù anche la Lombardia, dal secondo al decimo posto (0,71). Le regioni del Sud si confermano ancora in coda: la Sardegna al 14° posto (0,45), la Puglia al 15° (0,41) con la Basilicata, seguiti dalla Campania (0,36), Molise (0,25), Sicilia (0,22) e Calabria (0)”.

 

[Svimez] - Studio sulla qualità delle Istituzioni nella P.A. - 13.01.2016

Tab.1 Valori IQI in Italia per regione nel 2004

Rank

Regione

IQI

1

Toscana

0,90011

2

Lombardia

0,80437

3

Emilia-Romagna

0,76296

4

Valle d'Aosta

0,75538

5

Trentino-Alto Adige

0,73449

6

Veneto

0,71725

7

Umbria

0,70124

8

Piemonte

0,70121

9

Friuli-Venezia Giulia

0,68568

10

Marche

0,65494

11

Lazio

0,64647

12

Abruzzo

0,64133

13

Liguria

0,58359

14

Puglia

0,47054

15

Basilicata

0,45961

16

Sardegna

0,38967

17

Molise

0,34497

18

Campania

0,32804

19

Sicilia

0,24335

20

Calabria

0,14073

 

Tab.2 Valori IQI in Italia per regione nel 2012

 

Rank

Regione

IQI

1

Toscana

0,88555

2

Trentino-Alto Adige

0,86434

3

Umbria

0,75044

4

Valle d'Aosta

0,74688

5

Veneto

0,73506

6

Marche

0,73313

7

Friuli-Venezia Giulia

0,72728

8

Emilia-Romagna

0,72712

9

Abruzzo

0,72530

10

Lombardia

0,71227

11

Piemonte

0,70991

12

Lazio

0,67919

13

Liguria

0,54709

14

Sardegna

0,45398

15

Puglia

0,41975

16

Basilicata

0,41724

17

Campania

0,36161

18

Molise

0,25636

19

Sicilia

0,22906

20

Calabria

0,09224



( gs / 13.01.16 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top