Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2867 - martedì 26 gennaio 2016

Sommario
- Conferenza delle Regioni il 29 gennaio alle 14.30
- Conferenza Stato-Regioni il 29 gennaio alle 15.00
- Il "sistema delle Conferenze": dossier dei servizi studi di Camera e Senato
- Istat: industria, commercio al dettaglio ed estero extra Ue
- Ilva: Toti, Regione è pronta a fare la propria parte
- Sanità: Garavaglia su risorse e rinnovo contratti

+T -T
Ilva: Toti, Regione è pronta a fare la propria parte

Gozi: sì UE a lavori su bonifiche ambientali e a tutela della salute

(Regioni.it 2867 - 26/01/2016) I lavoratori dell'Ilva di Genova chiedono chiarimenti sull'accordo di programma, siglato nel 2005, e sulle relative garanzie occupazionali e salariali. E il sottosegretario Sandro Gozi rende nota una riunione tecnica a Bruxelles nella quale si è definito che “l'Italia può proseguire i lavori per le misure che riguardano le bonifiche ambientali e a tutela della salute”. Ma questi interventi vanno fatti celermente. Gozi quindi parla di “un risultato non scontato ma di buon auspicio sul futuro del siderurgico”.
Il presidente della regione Liguria, Giovanni Toti, spiega che “nel prossimo incontro al ministero dello Sviluppo economico la Regione Liguria è pronta a dialogare con il Governo per trovare una soluzione duratura per lo stabilimento Ilva di Genova nel pieno rispetto dell'Accordo di Programma sottoscritto a suo tempo da tutti i rappresentanti delle istituzioni locali e dall'esecutivo”.
“La Regione è pronta a fare la propria parte come già ha dimostrato in precedenza” aggiunge l'assessore regionale allo Sviluppo Economico, Edoardo Rixi.
“Al Comitato di sorveglianza - sottolineano Toti e Rixi - pensiamo debba essere presente un rappresentante del governo per dare sicurezza e certezza a tutti, dagli enti locali ai lavoratori. Se le istituzioni avessero collaborato meglio, oggi probabilmente avremmo una situazione di maggior sicurezza per tutti. Intanto aspettiamo di sapere dal governo qualcosa di più a partire dal piano industriale. Auspichiamo che, alla chiusura della manifestazione di interesse il prossimo 10 febbraio, si presentino degli acquirenti in grado di fornire un piano industriale serio. In questo quadro, pertanto, comprendiamo le preoccupazioni dei lavoratori ma li invitiamo, in un momento così delicato per l'azienda, a mantenere un atteggiamento prudente e responsabile”.
Secondo Toti “il governo deve fare chiarezza su quello che sara' il destino dell'Ilva in tutte le sue parti, da Taranto a Genova che è parte di una realtà industriale che il governo si è impegnato a salvare. Vedremo quali saranno le risposte. Il 10 febbraio - ha ricordato Toti - scade la manifestazione di interesse da parte dei privati per l'acquisto dell'azienda e mi auguro che le manifestazioni di interesse prevedano un piano industriale serio per rilanciare questo settore strategico per il nostro paese”.
Mentre l'ad Fabio Gallia in audizione alla Commissione Attività produttive della Camera, afferma che sull'Ilva la Cdp “è disponibile a un progetto che permetta all'azienda di tornare competitiva”, ma comunque avremmo “un ruolo di minoranza”. Quindi la Cassa Depositi e Prestiti si dice disponibile a sostenere un rilancio di Ilva.
Il ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi afferma che “il Governo sta continuando a fare quello che ha sempre dichiarato: rimettere velocemente tutto il complesso Ilva sul mercato, rilanciarlo, fare un turnaround complesso e complicato, soprattutto mantenere giusti impegni sull'aspetto ambientale e rilanciare (l'Ilva) senza perdere la strategicità di un impianto siderurgico. Questo vale per tutta l'Ilva non solo per Genova".
Infine la commissione Bilancio al Senato ha espresso parere favorevole, senza condizioni né osservazioni, al dl Ilva, che sarà ora esaminato in aula a Palazzo Madama.

 
 
 
  
 
 
 
 
 


( gs / 26.01.16 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top