Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2867 - martedì 26 gennaio 2016

Sommario
- Conferenza delle Regioni il 29 gennaio alle 14.30
- Conferenza Stato-Regioni il 29 gennaio alle 15.00
- Il "sistema delle Conferenze": dossier dei servizi studi di Camera e Senato
- Istat: industria, commercio al dettaglio ed estero extra Ue
- Ilva: Toti, Regione è pronta a fare la propria parte
- Sanità: Garavaglia su risorse e rinnovo contratti

+T -T
Sanità: Garavaglia su risorse e rinnovo contratti

Intervista a "Quotidiano sanità"

(Regioni.it 2867 - 26/01/2016) “La ripresa del confronto con le parti sociali e la chiusura degli atti d’indirizzo è una priorità, perlomeno per gli aspetti normativi e d’inquadramento. Noi ce la metteremo tutta per concludere in primavera”. E’ quanto dichiara Massimo Garavaglia in un’intervista a “Quotidiano Sanità”. Così il presidente del Comitato di settore Regioni-Sanità e assessore all’Economia della Lombardia, affronta in particolare il tema dei rinnovi di contratto e delle convenzioni. E' necessario andare “avanti anche se il Governo ha deciso di non investire” nella sanità, ma nel contempo “bisogna superare la vecchia distinzione dei quattro ruoli sanitari (sanitario, professionale, tecnico e amministrativo) che appartengono ad un mondo che non c’è più”.
In merito alle risorse sanitarie per le Regioni, Garavaglia sostiene che “alcune ce la faranno, altre dovranno alzare ticket e addizionali”, e aggiunge che “le regioni responsabilmente lavoreranno per trovare soluzioni per tenere in piedi il sistema ma dev’essere chiaro che la scelta di disinvestire è di Governo e Parlamento. Ci sono regioni messe meglio che riusciranno in ogni caso a migliorare i servizi nonostante i tagli di risorse, altre - ribadisce Garavaglia - che invece si troveranno costrette ad aumentare i ticket e le addizionali facendo pagare ai cittadini i tagli del Governo”.
Sempre sulle risorse indispensabili alla sanità, Garavaglia (che è anche coordinatore della commissione Affari finanziari della Conferenza delle Regioni) spiega che per il 2016 “è stato messo un miliardo in più rispetto al 2015 ma ricordiamoci che rispetto alle previsioni sono in realtà 2 miliardi in meno. Il problema è poi che questo miliardo per il 2016 deve scontare almeno 2,5 mld di nuove spese (tra gli 800 mln per i nuovi Lea, che sono sacrosanti, 500 mln di farmaci innovativi, 350 mln per il payback che non c’è sui farmaci anti epatite, 300 mln per l’assunzione delle nuove 6.000 unità che servono per far fronte alla normativa sugli orari di lavoro). Quindi in realtà quest’anno siamo a -1,5 mld”.
Quindi per il 2017 Garavaglia si attende “una riduzione rispetto alla previsione di 4,7 mld con una percentuale della spesa sanitaria sul pil che è già oggi al 6,6% e nel giro di due anni potrebbe scendere al 6,38%”.  
Sul rinnovo dei contratti il Governo ha stanziato 300 milioni (lo 0,2%) su un monte salari di tutta la Pubblica amministrazione di oltre 160 miliardi, Garavaglia quindi ribatte: “non esiste sindacato al mondo che si siede a trattare per lo 0,2%”.
Comunque molte regioni sono andate avanti: “chi più chi meno nonostante il blocco ha messo in campo dei modelli organizzativi che si sono adeguati ai tempi e ai nuovi bisogni di salute. E quindi il primo lavoro da fare sarà quello di fare una fotografia di questi cambiamenti, prenderne atto, e trovare strumenti contrattuali per inquadrare con le normative queste competenze avanzate specialistiche che sono state messe in campo dagli operatori”.
Nel contempo il Comitato di settore inizierà a lavorare sui nuovi atti d’indirizzo con la ripresa del confronto: "la chiusura degli atti d’indirizzo è una priorità”.
lunedì 25 gennaio 2016

[Quotidiano Sanità] Contratti e convenzioni. Garavaglia: Avanti anche se il Governo ha deciso di non investire. Atti d’indirizzo entro primavera

 



( gs / 26.01.16 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top