Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2871 - lunedì 1 febbraio 2016

Sommario
- Conferenza delle Regioni il 4 febbraio
- Economia: dati Unioncamere, 45.000 imprese in più nel 2015
- Ragioneria: spesa statale regionalizzata 2014
- Contrasto alla povertà e inclusione sociale: il ruolo delle Regioni
- Gli atti della Conferenza Unificata 20 gennaio 2016
- Bonaccini: buon lavoro al ministro Costa

Documento della Conferenza delle Regioni del 20 gennaio

+T -T
Contrasto alla povertà e inclusione sociale: il ruolo delle Regioni

(Regioni.it 2871 - 01/02/2016) La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nella riunione del 20 gennaio presieduta da Stefano Bonaccini, ha approvato un documento sul ruolo delle Regioni nelle politiche di inclusione sociale attiva nella strategia Europa 2020 e nell’ambito del piano nazionale di contrasto alla povertà.
Il documento è stato oggetto di specifici approfondimenti da parte di tre Commissioni della Conferenza delle Regioni : la Commissione istruzione e lavoro (coordinata dalla Regione Toscana), , la Commissione politiche sociali (coordinata dalla Regione Molise) e la commissione affari comunitari e internazionali (coordinata dalla regione Umbria) ed era già stato preannunciato e illustrato in linea di massina dal Presidente della Toscana, Enrico Rossi (vedi “Regioni.it” n. 2840).
Il documento è stato inviato dal presidente Bonaccini al ministro Giuliano Poletti (vedi anche "Regioni.it" n. 2870) ed è stato pubblicato sul sito www.regioni.it . Si riporta di seguito il testo integrale.
Preso atto:
-delle posizioni espresse dalla Conferenza delle Regioni al tavolo nazionale di concertazione sull’Accordo di Partenariato 2014-2020 e sulla centralità, in questo ambito, della strategia per l’inclusione sociale attiva in coerenza con la Raccomandazione 2008 del Parlamento UE;
- del sostegno che la Conferenza delle Regioni ha inteso esprimere all’Alleanza contro la Povertà, di cui figura tra i soggetti promotori, vista la necessità che tutte le Istituzioni pubbliche si attivino per contrastare efficacemente l’aumento della povertà, in particolare tra i nuclei familiari con figli minori, e delle povertà estreme, anche in relazione agli esiti della più complessa e duratura crisi economico-finanziaria vissuta dal nostro Paese dal secondo dopoguerra;
- del DDL di Stabilità per il 2016 che mette a sistema da subito il SIA (Sostegno per l’Inclusione Attiva), una misura nazionale di sostegno al reddito per il supporto di percorsi di inclusione sociale attiva per persone e nuclei familiari in condizioni di particolare fragilità economica e sociale;
- dell’impegno assunto dal Governo nazionale di adottare entro il giugno 2016 un Piano nazionale per il Contrasto della Povertà, di intesa con il sistema delle Regioni e delle Autonomie Locali, in ottemperanza agli obblighi comunitari relativi alle condizionalità ex ante come previsto nell’Accordo di Partenariato.
- del positivo percorso di collaborazione ormai già intrapreso tra Ministero del Lavoro e Politiche Sociali e Regioni, ANCI e Città Metropolitane al “tavolo dei programmatori sociali” per strutturare tutte le azioni e definire le scelte strategiche e operative richieste per l’implementazione del SIA su larga scala e per la successiva definizione di un più organico Piano Nazionale per il Contrasto della Povertà;
- del complesso quadro normativo comunitario relativo ai fondi SIE per il periodo 2014-2020, posto a disciplina della loro programmazione, attuazione e gestione;
- dell’impegno che l’Italia si assume annualmente, insieme agli altri Stati Membri dell’UE, nel perseguimento degli obiettivi fissati nell’ambito della Strategia Europa 2020, tra i quali il Target n.8 Lotta alla povertà e all'emarginazione (almeno 20 milioni di persone a rischio o in situazione di povertà ed emarginazione in meno);
- che l'Italia ha registrato uno degli aumenti più elevati dei tassi di povertà e di esclusione sociale nell'Unione, con ripercussioni soprattutto sui minori, come ricordato nella Raccomandazione del Consiglio sul Programma Nazionale di Riforma 2015 dell'Italia (2015/C 272/16 del 14 luglio 2015, 19 consideranda).
Richiamate:
- la necessità di attivare congiuntamente e in modo integrato e complementare le politiche nazionali e regionali per l’attivazione rispetto all’accesso ovvero al reinserimento nel mondo del lavoro, per accrescere l’accessibilità delle famiglie ai servizi di cura e socio educativi, per assicurare condizioni di vita dignitose a tutti i cittadini, e dunque di costruire programmi di intervento territoriali e progetti individuali capaci di integrare la leva del sostegno al reddito, i percorsi di inserimento socio lavorativo, la fruizione di servizi sociali socio assistenziali e sociosanitari di qualità;
- l’opportunità di mettere a sistema gli interventi, individuando modalità integrate di finalizzazione delle risorse in campo, disponibili per il finanziamento delle politiche di inclusione sociale attiva e delle azioni di sistema, di empowerment e di monitoraggio ad esse connesse: il PON Inclusione 2014-2020, i POR 2014-2020 per le programmazioni attivate su FSE (OT VIII – OT IX – OT X), i finanziamenti nazionali per il SIA, i finanziamenti regionali per le misure di sostegno al reddito e azioni complementari, le risorse già programmate dagli Enti Locali nei rispettivi Piani Sociali di Zona per il pronto intervento sociale e il contrasto alle povertà estreme: tutte insieme possono e devono concorrere ad accrescere l’efficacia delle politiche pubbliche in materia di inclusione sociale attiva, riducendo gli sprechi, accrescendo il valore aggiunto degli sforzi compiuti e evitando rischi di cumulo ovvero dispersione di risorse per interventi sovrapposti;
- la opportunità di accompagnare l’attuazione di una strategia nazionale, regionale e locale condivisa per le politiche di inclusione sociale attiva, tenendo in considerazione i diversi contesti organizzativi, con importanti riforme in settori strategici, quali ad esempio la riorganizzazione della rete dei servizi pubblici (riorganizzazione dei CPI) e privati per le politiche attive del lavoro e il completamento degli assetti istituzionali locali per l’attuazione dei sistemi integrati di intervento sociosanitari (Piani Sociali di Zona);
- la necessità di sottoporre ad attento monitoraggio l’utilizzo delle risorse di cui ai POR ed ai PON FSE 2014-2020 nell’ambito della complessiva strategia del Piano nazionale per il Contrasto della Povertà, alla luce delle regole comunitarie che governano la programmazione e l’attuazione del Fondo Sociale Europeo.
Considerato:
- che l'Italia, insieme alla Grecia, è l'unico paese europeo a non aver ancora istituito una misura universale di contrasto alla povertà e di sostegno al reddito, cioè un contributo economico per affrontare le spese primarie accompagnato da servizi alla persona, che promuova un atteggiamento attivo dei beneficiari, tenendo conto anche delle specificità territoriali;
- che le Regioni, come richiamato nelle premesse, pur apprezzando lo sforzo fatto dal governo con il DDL Stabilità in termini di individuazione di un insieme di misure e di risorse di natura sociale, ritengono necessario introdurre anche in Italia un reddito di inclusione attiva che progressivamente vada a coprire una platea crescente di beneficiari, fino a diventare una misura di carattere universale.
Tanto premesso, richiamato e considerato, le REGIONI chiedono al governo:
- di considerare il SIA, in una prospettiva di allargamento, un primo passo verso una misura universalistica di contrasto alla povertà, interamente finanziata dallo Stato; pertanto, il relativo stanziamento di 800 milioni deve essere considerato un investimento iniziale da rendere strutturale e crescente;
- di tenere distinto dagli investimenti per il contrasto alla povertà il finanziamento di 600 milioni per l’ASDI, che rimane un intervento a favore di lavoratori fuoriusciti dal mercato del lavoro e si rivolge quindi ad una platea diversa da quella su cui deve intervenire una misura universale contro la povertà;
- di rendere strutturale la misura nazionale di contrasto alla povertà e quindi di prevedere un incremento progressivo dello stanziamento negli anni 2017, 2018 e 2019, fino ad arrivare a una copertura annuale a regime di almeno 7 miliardi di euro, così come indicato dall'Alleanza contro la Povertà, tenendo anche in considerazione le differenze territoriali;
- di rendere accessibili e fruibili, nel rispetto delle norme sulla privacy, i dati necessari alla realizzazione degli interventi di sostegno al reddito e di politiche attive, strutturando l’architettura informatica mancante e garantendo l’interoperabilità dei sistemi esistenti, anche al fine di assicurare un adeguato sistema di monitoraggio degli interventi.
Dal canto loro le REGIONI si impegnano a:
- accompagnare gli interventi nazionali sopra citati con proprie misure di politiche attive (come i “lavori di pubblica utilità” e i tirocini di inclusione sociale), da realizzare anche attraverso il contributo del FSE, oltre che con azioni finalizzate al potenziamento e all’ammodernamento delle reti dei servizi pubblici per le politiche attive del lavoro e per i servizi sociali, chiamati a potenziare e a qualificare, in una logica di integrazione e multidimensionalità, la presa in carico dei soggetti più fragili sul piano economico-sociale e delle barriere all’accesso al mondo del lavoro;
- promuovere e favorire forme di coinvolgimento delle imprese profit, anche nell’ambito di sistemi territoriali di responsabilità sociale d’impresa e di welfare aziendale, per la creazione di distretti e filiere commerciali che possano incrementare anche indirettamente – con forme di clausole sociale negli appalti – la domanda di lavoro adeguata per i soggetti fragili al fine di attivare le persone destinatarie di forme di sostegno per l’inclusione attiva;
- costruire proposte e percorsi condivisi, tenendo in considerazione quanto già realizzato sui territori, assicurando la più costruttiva e continua partecipazione al Tavolo dei programmatori sociali già insediato presso il Ministero del Lavoro e Politiche Sociali per accompagnare il percorso di avvio del PON Inclusione 2014-2020 di cui la Direzione Generale per l’Inclusione e le Politiche Sociali ha la responsabilità dell’Autorità di Gestione;
- finalizzare gli sforzi di attuazione dei rispettivi Programmi Operativi Regionali 2014-2020, con specifico riferimento ai fondi FSE (e FESR ove previsto), al finanziamento di azioni collegate alle priorità strategiche già individuate e condivise, di seguito elencate:
le azioni per ridurre la povertà e la marginalità estrema a carico di persone e famiglie con grave disagio sociale, favorendo l’inclusione al lavoro e ponendo in essere anche azioni che contrastino il disagio personale, familiare e abitativo il rafforzamento e l’innovazione dell’offerta e il miglioramento della qualità dei servizi sociali e socio sanitari, anche nelle aree extraurbane (agendo sulla professionalità degli addetti, sugli strumenti, le attrezzature e la comunicazione), particolarmente per la prima infanzia e per i minori, incrementando i servizi ed i programmi di supporto alla genitorialità, incrementando e consolidando i servizi e gli interventi di cura a favore di persone non autosufficienti l’incremento della occupabilità, favorendo anche la partecipazione al mercato del lavoro delle donne, dei giovani e delle persone vulnerabili, con specifiche misure attive di accompagnamento e rafforzando le imprese sociali e l’economia sociale; il rafforzamento dell'economia sociale, incrementando attività economiche e produttive che abbiano ricadute sociali (impresa sociale, cooperazione, etc.), consolidando la collaborazione tra imprese, organizzazioni del terzo settore e amministrazioni pubbliche e promuovendo la responsabilità sociale delle imprese secondo principi di inclusione sociale. - assumere una funzione di raccordo fra il livello centrale e quello locale, nel quadro delineato dal Piano Nazionale per la Lotta alla Povertà avanzato dal Ministro Poletti, attraverso un’attuazione coordinata dei servizi e delle misure, assicurando il funzionamento dei patti individuali di inclusione sociale attiva, ma anche la maggiore efficacia dei progetti territoriali di rafforzamento amministrativo per la gestione dei servizi sociali e per le politiche attive del lavoro. Sul ruolo delle Regioni si richiama anche quanto già esplicitato dall’Alleanza contro la povertà per cui “le Regioni hanno un ruolo di raccordo tra lo Stato e i territori e rendono possibile l’infrastruttura nazionale per il welfare locale”, infatti numerosi compiti, ad esempio, programmano in modo integrato con le misure di politica passiva tutte le altre politiche territoriali che concorrono a ridurre l’esclusione (abitative, trasporti, istruzione, politiche attive del lavoro); stabiliscono le eventuali ulteriori misure contro la povertà che si affiancano al programma nazionale; realizzano il supporto tecnico degli Enti capofila e dei Comuni. . contribuire, in linea con quanto proposto dal Ministero del Lavoro e Politiche Sociali, per rafforzare la lotta contro la povertà attraverso interventi finalizzati a migliorare la governance, a coordinare l'azione degli attori delle politiche sociali e occupazionali al fine di aumentare l'efficacia dell'offerta di inserimento sociale e lavorativo delle persone in condizioni di estrema povertà. L'accompagnamento verso un inserimento al lavoro sostenibile, sarà supportata dalle Regioni attraverso percorsi integrati multiprofessionali come previsto a livello nazionale.
A tal fine, si chiede al Ministero del Lavoro e Politiche Sociali di rendere stabile un tavolo di confronto e concertazione con le Regioni e le Province Autonome, per il tramite delle due Commissioni competenti Politiche Sociali e Istruzione, Lavoro, Innovazione e Ricerca, anche in raccordo con la Commissione Affari Europei ed Internazionali, che si focalizzi su tre filoni di lavoro:
- il sostegno economico all’inclusione sociale, ossia l’individuazione di risorse per la misura universale di contrasto alla povertà e di criteri di accesso e calcolo degli importi;
- l’organizzazione sinergica di servizi efficaci, con particolare attenzione alla presa in carico da parte dei servizi sociali e del lavoro, nonché all’interoperabilità dei sistemi informativi;
- l'attuazione di politiche del lavoro finalizzate all’inserimento, attraverso soprattutto tirocini di inclusione sociale, lavori di pubblica utilità e strumenti quali borse o voucher di lavoro.


( sm / 01.02.16 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top