Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2882 - martedì 16 febbraio 2016

Sommario
- Pajno: giustizia amministrativa al passo con le sfide di cambiamento
- Inps: +764.129 contratti a tempo indeterminato nel 2015
- Banda ultralarga: il testo dell'accordo quadro Stato-Regioni
- Educazione alla cittadinanza globale
- Lavoro autonomo e flessibilità dipendenti: parere su Ddl
- Barriere architettoniche: rifinanziare il fondo

+T -T
Inps: +764.129 contratti a tempo indeterminato nel 2015

Serracchiani: Jobs Act permette l'attuazione del diritto al lavoro

(Regioni.it 2882 - 16/02/2016) Sempre più contratti a tempo indeterminato. L’Inps, infatti, comunica i dati relativi all’occupazione nel corso del 2015: sono +764.129 i contratti a tempo indeterminato rilevati dall'Osservatorio sul precariato.
Nel 2015 si sono registrate oltre 2,4 milioni di assunzioni a tempo indeterminato (comprese le trasformazioni di rapporti a termine e apprendisti) a fronte di 1.684.911 cessazioni (+764.000 posti stabili nell'anno).
Nel 2014 il saldo dei posti stabili era stato negativo per 52.137 unità. La percentuale dei nuovi rapporti di lavoro attivati/variati a tempo indeterminato sul totale dei rapporti attivati/variati è stata del 41% rispetto al 32% del 2014. Per i giovani fino a 29 anni, questa quota è passata dal 24,5% al 33,6%.
Le assunzioni sono salite a dicembre di 272.512 unità, oltre il doppio di novembre, mentre nell'anno riguardano 1,44 milioni di persone. Nel 2015, spiega l’Inps, sono stati venduti 115 milioni di voucher (+66%): quasi due terzi sono stati acquistati al Nord.
Sempre l’Inps rende noto che nel 2015 ci sono state anche meno domande di disoccupazione, che sono state nel complesso 2.056.683, risultando in calo del 15,9% rispetto all'anno precedente, quando erano state 2.444.465.
Nel solo mese di dicembre sono state in totale 143.817, il 33,7% in meno rispetto al mese di dicembre 2014 (216.863 domande). Nel mese di gennaio invece il numero di ore di cassa integrazione autorizzate è stato di 56,9 milioni, in aumento del 12,8% rispetto allo stesso mese del 2015 (50,5 milioni).
L’Inps rileva anche che per quanto riguarda l’insieme delle posizioni di lavoro con contratti diversi dal tempo indeterminato (tempo determinato, intermittente, apprendistato, somministrazione) “si registra, sempre nel confronto con la situazione a fine 2014, una modesta contrazione (-158.000 posizioni di lavoro). Tale dinamica risulta dovuta non ad una flessione della complessiva domanda per tipologie contrattuali diverse dai contratti a tempo indeterminato quanto alla crescita delle trasformazioni verso il tempo indeterminato”.
Si registra per le assunzioni a tempo indeterminato una crescita delle retribuzioni intermedie (tra 1.250 euro e 2.250) con una diminuzione della quota sia di quelle inferiori che di quelle superiori.
Per i contratti a termine si evidenzia un leggero slittamento verso retribuzioni maggiori, con una riduzione della quota di quelle inferiori a 1.500 euro.
Per quanto riguarda i voucher, i buoni lavoro, nel 2015 risultano venduti 114.921.574 voucher destinati al pagamento delle prestazioni di lavoro accessorio, del valore nominale di 10 euro, con un incremento medio nazionale, rispetto al corrispondente periodo del 2014 (69.172.879), pari al 66%. In presenza di un utilizzo corretto dello strumento, se ad ogni voucher corrisponde effettivamente un’ora di lavoro, il volume di ore remunerate dai voucher venduti nel 2015 corrisponde a circa 57.000 unità di lavoro equivalenti.
Il dato dell’Inps sui contratti a tempo indeterminato risente degli sgravi previsti in legge di stabilità per le assunzioni a tempo indeterminato e delle misure previste nel Jobs act. E’ quanto evidenzia Debora Serracchiani, presidente della regione Friuli Venezia Giulia: “nel 2015 in Italia +764.129 contratti di lavoro a tempo indeterminato rispetto al 2014. #JobsAct permette attuazione del diritto al lavoro”. Serracchiani aggiunge che “nel 2015 in Italia +764.129 contratti di lavoro a tempo indeterminato rispetto al 2014. Il Jobs Act permette l'attuazione del diritto al lavoro”.

[INPS] OSSERVATORIO SUL PRECARIATO - 16.02.2016

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO



( gs / 16.02.16 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top