Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2917 - giovedì 7 aprile 2016

Sommario
- Bonaccini:"sistema conferenze" va riformato, non abbandonato
- Il "sistema delle Conferenze" alla luce della riforma della Costituzione
- Istat: Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo
- Aeroporti minori e voli low cost: Delrio incontra Abruzzo e Sardegna
- Difesa coste: firmato protocollo tra Regioni e ministero Ambiente
- Associazionismo comunale: tabella risorse regionali 2015

+T -T
Bonaccini:"sistema conferenze" va riformato, non abbandonato

Il Prresidente della Conferenza delle Regioni in audizione di fronte alla Bicamerale per le questioni regionali

(Regioni.it 2917 - 07/04/2016) “L’approvazione della riforma costituzionale, una volta che sia confermata dall’esito del referendum, comporterà una novità storica: il superamento del bicameralismo paritario”, lo ha affermato il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini nel corso dell’audizione di fronte alla commissione bicamerale per le questioni regionali, presieduta da Giuseppe D’Alia, nell’ambito dell'indagine conoscitiva sulle forme di raccordo tra lo Stato e le autonomie territoriali, con particolare riguardo al “sistema delle conferenze”.
Il Presidente Bonaccini ha lasciato agli atti della Commissione la posizione ufficiale assunta all’unanimità dalla Conferenza delle Regioni (vedi notizia successiva) e pubblicata sul sito www.regioni.it (nella sezione “Conferenze”).
“È evidente – ha proseguito Bonaccini - che il futuro Senato e il superamento delle Province comporterà una novità per il sistema delle Regioni, chiamato sempre più a svolgere un ruolo di cuscinetto tra lo Stato centrale e i Comuni. Una funzione che comporterà inevitabilmente un peso politico superiore rispetto ad oggi”. Siamo di fronte ad “un cambiamento che impone una riflessione sul sistema delle Conferenze e in particolare sulla Conferenza Stato-Regioni e sulla Conferenza Unificata, sulla definizione del loro ruolo e della loro missione, e sul loro concreto funzionamento. E’ evidente, insomma, che servirà una riforma delle Conferenze.
Un’idea che non porta però all’abbandono automatico delle Conferenze stesse. “Il ruolo del Senato – ha spiegato Bonaccini - andrà inquadrato nell'ambito del potere legislativo, distinto da quello degli esecutivi, siano essi espressione del Governo centrale, o dei governi regionali e locali” e quindi risulta difficile immaginare che “gran parte dei compiti svolti dalle conferenze sul versante degli esecutivi possano essere attribuiti a sedi legislative, basti pensare – ha spiegato Bonaccini - al riparto del fondo sanitario o agli interventi di riforma che il Governo sta portando avanti sulla riorganizzazione della pubblica amministrazione e sul Jobs act, o anche alla riduzione complessiva della spesa pubblica.
Ecco perché occorrerà invece una riflessione sul sistema di relazioni che dovrà intercorrere tra il nuovo Senato e il sistema delle Conferenze. Una riforma di quest’ultimo dovrà affiancarsi ed integrarsi con il futuro Senato, valutando anche ‘forme di raccordo’ con l’obiettivo di realizzare uno strumento unico di contatto delle Regioni sia col Governo che col Parlamento.
E’ chiaro che ogni considerazione va collegata alla futura legge elettorale per il nuovo Senato. Infatti al momento non è nota la compagine regionale, che sarà chiamata a rappresentare le Regioni nel Senato. Interpellato dai parlamentari in proposito, Bonaccini ha affermato che “i Presidenti delle Regioni dovrebbero partecipare di diritto al nuovo Senato delle autonomie anche per il ruolo che le Regioni assumeranno. Credo di poter interpretare in tal senso un’opinione assolutamente prevalente nella Conferenza delle Regioni e francamente mi sembra difficile che al momento di effettuare una scelta i Presidenti – peraltro eletti direttamente. - non vengano nominati, anche se è pur vero che ci sono Regioni con un numero di abitanti così contenuto che l''espressione del numero dei senatori dovrà comportare comunque una discussione approfondita. Ma questi aspetti – ha concluso Bonaccini - non costituiranno certo un vulnus per la riforma”.


( sm / 07.04.16 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top