Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2929 - mercoledì 27 aprile 2016

Sommario
- Rossi (Regioni): Audizione al Senato sul capolarato
- Stati generali della ricerca sanitaria
- Boschi: nel nuovo Senato siederanno i presidenti delle Regioni
- Rapporto Osservasalute 2015: meno prevenzione meno aspettativa di vita
- Brennero: aumenta la tensione con l'Austria
- Appalti: il recepimento delle Direttive UE, seminario del Cinsedo

+T -T
Rapporto Osservasalute 2015: meno prevenzione meno aspettativa di vita

Zaia: politica dei tagli è cosa diversa da una seria spending

(Regioni.it 2929 - 27/04/2016) E’ in calo l’aspettativa di vita. Lo rileva il “Rapporto Osservasalute 2015”, spiegando che l'aspettativa di vita scende nel 2015 a 80,1 anni per gli uomini e a 84,7 per le donne. E’ la prima volta che avviene e in tutte le Regioni. Secondo il rapporto Osservasalute (Osservatorio sulla Salute delle Regioni dell'università Cattolica di Roma) il dato è soprattutto legato ad un calo delle attività di prevenzione sanitaria nel nostro Paese.
Nel 2015 la speranza di vita è stata infatti di 80,1 anni per gli uomini e 84,7 per le donne, contro 80,3 e 85 calcolati nel 2014.
Inoltre l'Istat evidenzia che i giovani rappresentano il 21,1% della popolazione, ma nel 20150 scenderanno al 20,2%. La percentuale è quasi pari per over-65, destinati però ad aumentare portando l'indice di vecchiaia (rapporto fra giovani e anziani) da 157,7 al 257,9 nel 2065.
Non si investe abbastanza in prevenzione. Come abbiamo visto nel 2015 la speranza di vita per gli uomini è stata 80,1 anni, 84,7 anni per le donne. mentre nel 2014, la speranza di vita alla nascita era maggiore e pari a 80,3 anni per gli uomini e 85,0 anni per le donne.
In prevenzione l'Italia è tra le ultime nazioni nell'Ocse, con una spesa pari al 4,1% del Pil, ma il ministro della Salute Beatrice Lorenzin parla però di 'dati da verificare': “qualora, ad ogni modo, i dati risultassero effettivi, ha rilevato il ministro, “ciò evidenzierebbe un concetto che sosteniamo da tempo, e cioè la necessità di investire di più in prevenzione, in tutte le regioni”.
“Lo dicevamo da tempi non sospetti – afferma il presidente della regione Vaneto, Luca Zaia -  la politica dei tagli è cosa diversa da una seria spending e i tagli che si sono susseguiti, e che ancora ci attendono nel futuro, ci hanno portato verso quel 6,5% del Pil dedicato alla sanità che l’Oms indica come soglia sotto la quale inizia a calare l’aspettativa di vita della gente e si prefigura la violazione dell’articolo 32 della Costituzione che sancisce l’universalità delle cure in Italia. Secondo i nostri calcoli sui tagli prospettati avremmo dovuto arrivarci nel 2018, quando in Italia il rapporto Pil spesa sanitaria è previsto al 6,38%. E’ successo prima, e questo è un campanello d’allarme che nessun governante può permettersi di sottovalutare”.





( gs / 27.04.16 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top