Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2982 - giovedì 14 luglio 2016

Sommario
- Istat: 4.598.000 persone nel 2015 in povertà assoluta
- Anticorruzione: Cantone, soddisfazione per vigilanza collaborativa
- Aran: contratti pubblici, firmato l'accordo per la riduzione dei comparti
- Basilicata: al via la nuova Giunta
- Sanità: Lorenzin illustra i nuovi Livelli Essenziali di Assistenza
- Spesa pubblica locale: analisi di Confcommercio

+T -T
Spesa pubblica locale: analisi di Confcommercio

Replica dell'Anci: confusione e criteri poco ortodossi

(Regioni.it 2982 - 14/07/2016) L'Ufficio studi di Confcommercio ha diffuso uno studio sulla spesa pubblica locale che nel 2013 ammonterebbe a 176,9 miliardi di euro, di cui 74,3 miliardi, ovvero il 42% della spesa complessiva – secondo Confcommercio - sarebbero riconducibili a sprechi o inefficienze. Dalla ricerca emerge il dato che gli effetti della spesa locale raggiungono quasi il 67% nelle regioni a statuto speciale, il 65% al sud, il 48,7% nelle regioni piccole a statuto ordinario e circa il 40% elle regioni grandi. La Lombardia è – secondo l’analisi di confcommercio - la regione piu' virtuosa per costi, quantità e qualità dei servizi pubblici locali, seguita dal nord est. Fanalino di cosa il sud, con la Sicilia all'ultimo posto.
Soddisfatto il Presidente della Regione Lombardia che su twitter scrive “Spesa pubblica locale: la Lombardia è la regione piu' virtuosa, parola di Confcommercio”.
"Abbiamo tenuto sui servizi ma la riduzione delle spese e' stata pesante. Siamo orgogliosi di aver tenuto la spesa e abbiamo fatto dei tagli", ha detto il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, intervenendo proprio al convegno di Confcommercio intitolato "Meno tasse, meno spesa. Binomio della ripresa" (dove è stato diffuso lo studio). "Abbiamo veramente colpito sulla spesa corrente, abbiamo ridotto drasticamente i costi della politica - ha aggiunto Rossi -, se tutti facessimo cosi' forse avremmo dei risultati importanti. Abbiamo fatto anche interventi sulla sanita', ma continueremo ad erogare servizi di qualita', abbiamo sviluppato  una lotta forte all'evasione che ci ha consentito di recuperare una cifra importante che ci ha consentito di non avere aumento di tasse nella nostra regione".
Per il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia  "'E' innegabile che gli sprechi nella pubblica amministrazione sono ancora ingenti, soprattutto in alcune aree del Paese, ma la risposta c'è: rompere gli indugi e costringere tutti ad applicare rigorosamente i costi standard, in tutti i settori della spesa pubblica: una siringa deve costare uguale in Veneto e in tutto il resto d'Italia, e così deve valere per ogni euro speso, per le matite come per i grandi appalti''.
Dura la reazione dell’Anci che ha diffuso una nota a commento dell’analisi di Confcommercio. “In un momento in cui i Comuni sono impegnati a lavorare sui fabbisogni standard e sul riequilibrio della spesa, faticosamente ma in modo scientifico ed efficace, fa specie leggere di rapporti confezionati con criteri poco ortodossi, per usare un eufemismo, e che generano l’unico effetto di creare inutile confusione su un tema tanto delicato quanto quello della spesa degli enti locali. E’ innanzitutto fuorviante, prosegue la nota, inserire nello stesso calderone le spese di Regioni, Province e Comuni, prendendo tra l’altro a riferimento i dati di una sola Regione. I circa mille euro di spesa corrente pro capite dei Comuni, che si stanno riequilibrando su tutto il territorio nazionale, rappresentano spese per servizi ben diversi, con costi ben diversi e rivolti a fasce di popolazione ben diverse rispetto alle risorse spese da Regioni o Province, per fare solo un esempio. I dati certificati, non solo dall’ANCI o dall’Ifel, ma da Istat e dalla Corte dei Conti, raccontano una realtà ben diversa: un comparto, quello dei Comuni, letteralmente salassato negli ultimi anni, all’interno del quale la spesa per i servizi essenziali ai cittadini continua ad essere garantita nonostante i tagli, nonostante l’obbligato aumento delle tasse locali che non rimangono sui territori, e nonostante rapporti di valenza assai relativa, per usare ancora un eufemismo, utili solo ad alimentare ragionamenti su presunti miliardi di sprechi”.
 
Fisco: Anci; enti locali i più virtuosi,no dati inverosimili 

SPESA PUBBLICA LOCALE: MARONI "LOMBARDIA REGIONE PIU' VIRTUOSA" 

CRISI. ROSSI: PREOCCUPATO DA TAGLIO INVESTIMENTI, SERVE RIFLESSIONE 

FISCO. ROSSI: A PRATO ALTISSIMA EVASIONE, INTERVENIRE ANCORA 

TOSCANA: ROSSI "TENUTO SU SERVIZI MA RIDUZIONE SPESA E' STATA PESANTE" 

P.A.: CONFCOMMERCIO, NEL 2015 USCITE TOTALI 826 MLD 

Confcommercio: in spesa pubblica locale sprechi per 74,3 mld 

P.A.: SANGALLI "IN ITALIA SI SPENDE TROPPO DENARO CONTRIBUENTI"

[Confcommercio] Convegno Confcommercio su tasse e spesa pubblica - 14.07.2016

COMUNI: FASSINO A SANGALLI "PRESTO CONFRONTO SU RIDUZIONE SPESA"




( red / 14.07.16 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top