Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3001 - mercoledì 7 settembre 2016

Sommario
- Bonaccini: nuovi Lea alzano asticella tutela della salute
- Sanità: osservazioni per l'Intesa relativa all'aggiornamento Lea
- Nuovi Lea: Viale e Saitta
- Comitato di Settore al lavoro per atto indirizzo personale e dirigenza sanità
- Provincia autonoma di Trento: soddisfazione per nuovi Lea
- Nuovi Lea: Lorenzin, migliorano servizi per i cittadini

+T -T
Nuovi Lea: Lorenzin, migliorano servizi per i cittadini

(Regioni.it 3001 - 07/09/2016) "Intesa con le Regioni sui nuovi Lea: aggiornato elenco di cure e screening garantiti ai cittadini attraverso le risorse pubbliche del SSN". Lo scrive su twitter il ministro della Salute Beatrice Lorenzin.
In un successivo tweet Lorenzin aggiunge: ”Con i nuovi Lea migliorano i servizi per i cittadini, più assistenza per malattie rare, croniche e invalidanti”.
Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, al termine della Conferenza Stato-Regioni che ha dato il via libera definitivo ai Lea, facendo riferimento alle osservazioni delle Regioni (vedi articolo precedente) ha assicurato che “la cifra di due miliardi di euro in più per il Fondo sanitario nazionale, "è prevista nel Def. Poi, nelle fasi di bilancio, ognuno difende il proprio capitolo".
"L'aumento di due miliardi del Fondo – ha detto - è una cifra totalmente adeguata alle richieste". Se l'aumento verrà confermato, il fondo sanitario passerebbe dagli attuali 111 a 113 miliardi.
Per il prossimo anno, ha quindi sottolineato Lorenzin, “serve mantenere la sostenibilità del Fondo sanitario nazionale per raggiungere due nuovi obiettivi: intervenire sui precari della Sanità ed il personale sanitario, con lo sblocco del turnover, e anche garantire l'accesso ai nuovi farmaci, oltre che - ha concluso - rifinanziare il Fondo
Quanto alla cifra di circa 800 milioni di euro vincolata per l'attuazione dei Livelli essenziali di assistenza (Lea) è confermata anche per i prossimi anni: “Si tratta di una misura strutturale e non di una misura una tantum” ha detto la ministra. Inoltre, ha precisato il ministro "ci sarà un meccanismo di aggiornamento e le regioni, all'interno del Sistema sanitario nazionale, potranno aumentare le risorse; ovviamente si risparmierà da altre parti per reinvestire nel Servizio sanitario, come sta accadendo già - ha concluso Lorenzin - con le centrali uniche di acquisto”.
Tra le principali novità introdotte nella sanità pubblica italiana con i nuovi Livelli Essenziali di Assistenza (Lea), rientra una ridefinizione e l'aggiornamento degli elenchi delle malattie rare e di quelle croniche e invalidanti. Inoltre arriva un nuovo nomenclatore della specialistica ambulatoriale, aggiornato per l'ultima volta nel 1996. Questo nuovo nomenclatore introduce tutte le prestazioni di procreazione medicalmente assistita, sia omologa che etereologa. Fino ad oggi erano erogate solo in regime di ricovero. E’ poi profondamente rivisto l'elenco delle prestazioni di genetica e viene inserita la consulenza genetica.Per quanto concerne i vaccini, entrano nei Lea l'anti-papillomavirus e l'anti-pneumococco. Tra le malattie croniche è ora inclusa l'endometriosi, che in Italia colpisce circa 3 milioni di persone.
Si rinnova anche il nomenclatore dell'assistenza protesica, che prevede fra le altre cose gli arti artificiali a tecnologia avanzata. Per quanto riguarda la revisione dell'elenco delle malattie rare, è previsto l'inserimento di oltre 110 nuove malattie, ad esempio la sarcoidiosi, la sclerosi sistemica progressiva e la miastenia grave. Con la revisione dell'elenco delle malattie croniche vengono introdotte 6 nuove patologie tra cui quelle renali e l'osteomielite cronica.
La celiachia cambia classificazione e diventa una malattia cronica, non più una malattia rara. "Per tutte queste novità abbiamo chiesto 800 milioni di euro. E' una stima basata su uno studio molto approfondito", aveva spiegato lo scorso mese di luglio il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, sottolineando che "alcune Regioni già erogavano queste prestazioni ma al di fuori dei Lea”. Inoltre, aveva precisato Lorenzin, i nuovi Lea, "con i quali viene di fatto superato il decreto sull'appropriatezza prescrittiva, saranno aggiornati ogni anno”.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


( sm / 07.09.16 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top