Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3003 - venerdì 9 settembre 2016

Sommario
- Cassa integrazione in deroga, 163 milioni per 12 regioni
- Sanità: Rossi e Gallera sui nuovi Lea
- Lotta alla violenza di genere: al via cabina di regia
- Consiglio dei ministri 9 settembre esamina leggi regionali
- Atti della Conferenza Unificata del 3 agosto
- Atti della Conferenza Stato-Regioni del 3 agosto

+T -T
Lotta alla violenza di genere: al via cabina di regia

(Regioni.it 3003 - 09/09/2016) L’8 settembre a Palazzo Chigi si è svolta la prima riunione della cabina di regia interistituzionale contro la violenza di genere, a renderlo noto è stata la ministra delle Riforme, Maria Elena Boschi, con un messaggio su Twitter.
La Cabina di regia, che era stata costituita nelle scorse settimane, è il primo organismo governativo di coordinamento politico che sia mai stato istituito a livello nazionale sui temi della violenza sessuale e di genere. Sarà la sede del confronto e del raccordo politico, strategico e funzionale tra le Amministrazioni statali, le Regioni e gli Enti locali, con l'obiettivo di una sempre maggiore coerenza tra le attività di contrasto alla violenza sul territorio nazionale. Nella riunione di oggi - si legge nella nota della ministra - è stato verificato lo stato di attuazione del Piano attraverso una ricognizione degli interventi posti in essere dalle Amministrazioni coinvolte, anche attraverso il monitoraggio degli interventi compresi quelli realizzati dalle Regioni anche grazie ai finanziamenti statali trasferiti e ripartiti nel 2014. Questi finanziamenti hanno avuto ad oggetto azioni territoriali volte all'apertura di nuovi centri anti violenza e case rifugio e al potenziamento di quelli esistenti. Complessivamente le azioni territoriali nei due anni passati hanno avuto la disponibilità di quasi 31 milioni di euro, di cui oltre 16 milioni trasferiti dallo Stato alle regioni e oltre 14 milioni resi disponibili dalle regioni stesse. Il completamento del monitoraggio dell'uso delle risorse finanziarie è propedeutico ai prossimi trasferimenti di ulteriori fondi statali alle regioni, previsti dallo stesso Piano, pari a circa altri 31 milioni di euro: oltre 18 milioni destinati alle azioni territoriali (centri antiviolenza e case rifugio) e 13 milioni a precise finalità previste dal Piano (formazione, autonomia abitativa e lavorativa, sistemi informativi). Il relativo progetto di riparto sarà sottoposto alle stesse regioni nelle prossime settimane.
Sull'utilizzo delle risorse, nella Cabina - prosegue la nota - sono emerse la necessità di una sempre maggiore trasparenza, efficacia e consapevolezza e l'esigenza di individuare percorsi anche innovativi che consentano di realizzare pienamente tutte le finalità del Piano, per proseguire l'impegno italiano a dare la più ampia attuazione alle indicazioni della Convenzione di Istanbul. Si è quindi convenuto sulla necessità di una programmazione delle risorse, coordinata tra livelli istituzionali per sfruttare le sinergie tra le azioni a livello centrale e territoriale. “
Ogni giorno deve essere un passo avanti nella lotta e contrasto alla violenza sulle donne. L'insediamento della Cabina di regia è il segnale tangibile dell'impegno del Governo sul tema della lotta alla violenza: l'obiettivo è quello di un maggiore coordinamento delle azioni messe in campo dalle amministrazioni e dai livelli istituzionali, al fine di renderle più efficaci ed efficienti", ha dichiarato Boschi.
Alla riunione di oggi hanno partecipato, per il Governo, i ministri Giannini e Costa, il vice ministro Bubbico, i sottosegretari Sesa Amici, Della Vedova, Chiavaroli, De Micheli e Lucia Annibali, consulente del dipartimento Pari opportunità.
La Regione Emilia-Romagna è in prima fila nel contrasto alla violenza contro le donne ed è una Regioni (designate dalla Conferenza delle Regioni) nell'ambito della Cabina di regia interistituzionale per il Piano straordinario contro la violenza di genere. L'assessore regionale alle Pari opportunità, Emma Petitti, ha espresso soddisfazione per l'esito dell'incontro anche perché dal Governo sono arrivate le rassicurazioni sullo sblocco dei fondi per i centri antiviolenza. Il ministro Boschi ha dichiarato che entro ottobre verranno assegnati alle Regioni le previste risorse. All'Emilia-Romagna spetteranno circa 1,3 milioni. “Si è trattato di un momento assolutamente importante e positivo nel quadro generale del contrasto alla violenza contro le donne. Come Regione abbiamo già messo in campo diverse iniziative, tra cui un piano regionale, che ora vanno a coniugarsi con quelle nazionali. Inoltre i fondi stanziati da Roma si sommeranno al milione di euro che la Regione Emilia-Romagna metterà a disposizione con un bando che sarà pubblicato nei prossimi giorni".
L'obiettivo della Cabina di regia, composta da Governo ed Enti locali, è mettere insieme le nuove strategie per il contrasto alla violenza di genere. Saranno avviate delle audizioni con le Regioni per migliorare i criteri qualitativi. E' in programma, inoltre, un osservatorio nazionale con cui si coordinerà l'osservatorio regionale.
"Come Regione abbiamo diversi impegni su cui lavorare nella Cabina di regia, della quale fanno parte anche Lazio, Lombardia e Veneto - spiega l'assessore Petitti -. In particolare il nostro impegno non è solo per il contrasto ma anche per la prevenzione e la diffusione della cultura del rispetto, attraverso un lavoro sul linguaggio e una campagna di comunicazione contro gli stereotipi. Resta fondamentale il nostro lavoro di ricerca di nuovi fondi europei”.
Simona Lembi, presidente della commissione Pari opportunità dell’Anci, al termine della riunione a cui hanno partecipato anche i rappresentanti dei Comuni di Bari e Ravenna, Francesca Bottalico e Giovanna Piaia ha espresso soddisfazione “per l'insediamento della cabina di regia Governo-Regioni-Comuni che ha il compito di monitorare il Piano nazionale antiviolenza sulle donne. Al contempo, però, abbiamo invitato il governo a sbloccare i fondi necessari a dare concretezza al Piano stesso".
Obiettivo della cabina di regia è insomma quello di mettere insieme le nuove strategie per il contrasto alla violenza di genere, per cui saranno avviate delle audizioni con Anci e Regioni per migliorare i criteri qualitativi. Governo ed Enti locali, quindi, si metteranno subito al lavoro con azioni mirate che punteranno sullo sblocco dei fondi, entro ottobre, per i centri antiviolenza, su linee guida sulla prevenzione condivise da Regioni e Comuni, su una normativa integrata e sulla ricerca di finanziamento attraverso i fondi europei. E' in programma, infine, un osservatorio nazionale, così come preannunciato dalla ministra boschi, coordinato con l'osservatorio regionale che, oltre al contrasto della violenza, avrà l'obiettivo della prevenzione e della diffusione della cultura del rispetto, attraverso un lavoro sul linguaggio e una campagna di comunicazione contro gli stereotipi.
Il Governo era presente e ben rappresentato durante la seduta della Cabina di regia interistituzionale del Piano straordinario contro la violenza sessuale e di genere che si è tenuta ieri a Roma. Si tratta di un segnale forte che attesta l'alto livello di attenzione sul tema e la volontà di trovare soluzioni per contrastare il fenomeno. Finalmente si sta mettendo in campo un piano operativo che guarda oltre l'emergenza emotiva che suscitano i singoli casi e mira a soluzioni di sistema", così Monica Cerutti, assessora alle Pari Opportunità della Regione Piemonte.
La riunione è il primo passo previsto dal Piano straordinario contro la violenza sessuale e di genere: "Il fatto che oltre alla ministra alle Pari Opportunità abbiano partecipato alla Cabina di regia anche Stefania Giannini, ministra all'Istruzione, ed Enrico Costa, ministro per gli Affari regionali e Autonomie, e numerosi sottosegretari in rappresentanza degli altri ministeri, è il segno che l'approccio che si intende adottare è di sistema. Allo stesso modo abbiamo fatto noi in Regione Piemonte nella stesura della legge regionale numero 4 del 24 febbraio 2016 contro la violenza di genere, della quale da poco è stata conclusa, coinvolgendo direttamente i centri antiviolenza, la scrittura del regolamento attuativo", ha dichiarato Monica Cerutti, assessora alle Pari Opportunità della Regione Piemonte. "È importante che la ministra Boschi abbia sottolineato che costruiremo insieme le linee guida per la definizione dei criteri per l'assegnazione e la rendicontazione dei fondi per i centri antiviolenza; questo servirà a superare le problematiche che sono sorte con gli ultimi finanziamenti e renderà il procedimento più trasparente. L'altra novità assolutamente positiva è l'assicurazione che si procederà entro il mese di ottobre alla ripartizione dei fondi per i centri antiviolenza. Al Piemonte spettano 1.250.000 euro", ha aggiunto Monica Cerutti che ha voluto  infine sottolinerare l'importanza di affrontare il tema della violenza di genere con politiche strutturali: "Dobbiamo cambiare l'aggettivo del Piano da "straordinario" in "ordinario" garantendo la continuità delle azioni messe in campo insieme ai finanziamenti".


[PIEMONTE] CABINA DI REGIA NAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE: IL PIANO DA STRAORDINARIO DIVENTI ORDINARIO



( sm / 09.09.16 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top