Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3004 - lunedì 12 settembre 2016

Sommario
- Conferenza delle Regioni il 15 settembre
- Firmato il patto per la Puglia
- Via libera al patto per la Sicilia
- Istat: cresce l'occupazione nel secondo trimestre 2016
- Immigrazione: vertice Lombardia, Veneto e Liguria
- Sanità: livelli essenziali di assistenza, il testo del decreto

+T -T
Firmato il patto per la Puglia

Poco più di due milardi per 41 interventi

(Regioni.it 3004 - 12/09/2016) Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, e il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano hanno firmato il Patto per la Puglia, che assegna 2,07 miliardi di euro alla Regione per la realizzazione di infrastrutture e altri interventi. La firma si è svolta in pochi minuti e molto sobriamente, in coda alla cerimonia di inaugurazione della 80/a edizione della Fiera del Levante. Erano presenti anche il sottosegretario alla presidente del Consiglio, Claudio De Vincenti, e il capo di gabinetto della Regione, Claudio Stefanazzi.
Il patto prevede la realizzazione di 41 interventi strutturali in materia di mobilità, logistica, sicurezza nei trasporti, sociale e adeguamento della rete ospedaliera.
Resta comunque la diversità di opinione fra il Presidente del consiglio e il Presidente della Regione Puglia su alcuni temi di fondo emersa durante i rispettivi interventi in sala, con le critiche del presidente pugliese al Governo, specie sulla riforma costituzionale, e le secche repliche del premier.
“Se la riforma costituzionale avesse sancito la effettiva parificazione tra le Regioni del Sud e le Regioni del Nord, almeno per il diritto alla salute - ha sottolineato Emiliano - non credo che ci sarebbero dubbi sull'esito” del referendum, “ma purtroppo non è così. Le diseguaglianze di sempre sono ignorate dalla riforma". Stesso tono anche nel campo del turismo dove, secondo Emiliano, “sebbene la riforma costituzionale tolga alle Regioni la competenza, possiamo dire con un certo orgoglio di aver lavorato alla grande in questi anni".
“Guardate in faccia alla competizione globale, non chiudetevi nelle piccinerie della nostra discussione interna", gli ha risposto Renzi, paragonando i numeri dei flussi in Puglia o Sicilia a quelli, ben maggiori, delle Baleari o delle Canarie e definendo “un errore” la concessione di “competenza frammentate ai singoli territori” sul turismo. Emiliano ha poi attaccato sul fronte dell'energia, dicendosi in “trepidante attesa” di una risposta dal governo alla sua proposta di decarbonizzare l'Ilva e la centrale Enel di Brindisi, e chiedendo ancora una volta di spostare in un altro sito l'approdo del gasdotto Tap dalla bellissima spiaggia salentina di Melendugno.
“Le discussioni che ci sono state nel passato credo che continueranno a esserci - ha tagliato corto Renzi a chi gli chiedeva commenti sulle polemiche con Emiliano - Ma questa parte qui interessa molto ai politici, un po' a voi giornalisti ma zero ai cittadini. Chi vuol litigare litighi, ma la maggioranza della gente vuole i risultati da chi governa, io sono chiamato a lavorare”, ha aggiunto il capo del governo. “Il Mezzogiorno ha un futuro industriale, va fatto salvaguardando l'ambiente ma va fatto come nel resto nel mondo", ha spiegato poi in una intervista tv annunciando che presenterà a Milano il 21 settembre Italia 4.0 e proponendo al sindaco di Bari, Antonio Decaro, di farlo anche nel capoluogo pugliese. Un modo di sottolineare il legame di vicinanza con il primo cittadino barese a fronte della distanza ostentata con Emiliano. Una distanza raffigurata anche nella battuta che Renzi ha fatto in apertura di giornata quando, alla guida di una 500, ha inaugurato il ponte 'sospeso' che collega due quartieri nevralgici della città sinora separati dalla ferrovia. "La notizia è che Emiliano e De Vincenti non hanno litigato", aveva scherzato con i giornalisti riferendosi agli attriti che ci sono stati tra Regione e governo.
Per l’ex presidente della Regione Puglia, Raffaele Fitto: "La Fiera del Levante era l'occasione per illustrare le principali scelte in materia economica per l'Italia e per il Mezzogiorno. Oggi, invece, si è trasformata in un ring per l'ennesimo ed inutile scontro all'interno del Pd tra Emiliano e Renzi".
Ingenti somme per l'adeguamento strutturale della rete ospedaliera regionale; interventi per l'adeguamento delle infrastrutture dei consorzi di bonifica, il rafforzamento del sistema della depurazione, la bonifica dei siti inquinati e delle discariche, la costruzione degli impianti di valorizzazione dei rifiuti da raccolta differenziata: sono alcuni dei 40 interventi che la Regione realizzerà con i 2 miliardi e 71 milioni di euro previsti dal Patto per la Puglia siglato oggi a Bari, al termine della cerimonia inaugurale della Fiera del Levante, dal premier Matteo Renzi, e dal governatore pugliese Michele Emiliano.
Alle risorse previste dal Patto si aggiungono quelle stanziate dal Cipe, e cioè 1,4 miliardi di euro, per 21 interventi su importanti progetti nel settore della mobilità. In particolare, grande attenzione è stata posta sulla sicurezza del sistema dei trasporti regionali con interventi volti, per esempio, all'eliminazione di passaggi a livello, ovvero al loro adeguamento tecnologico, e al rinnovo del materiale rotabile.
E ancora: previsti aiuti alle imprese ed ulteriori risorse sono state destinate alla valorizzazione dei beni culturali e alla promozione del patrimonio immateriale. Infine, si è ulteriormente rafforzato il sistema di interventi a sostegno dell'occupazione e della qualificazione delle risorse umane e dell'inclusione sociale con particolare attenzione allo strumento regionale del Reddito di dignità (Red). Tra i 21 interventi con i fondi Fsc del Cipe, si segnalano “il progetto storico e determinante, insieme alla Talsano-Avetrana già finanziata con il Patto, per connettere il versante adriatico a quello jonico della Puglia, e da qui la Puglia con la Basilicata, ovvero la strada Bradanico-Salentina; l'investimento sulla tratto pugliese dalla A 14 e il consequenziale adeguamento strutturale e ammodernamento della tratta viaria Bari-Lecce.

Link:
Accordo
Scheda interventi 
 
 
 
 


( red / 12.09.16 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top