Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3018 - venerdì 30 settembre 2016

Sommario
- Martina, Di Gioia e Casini su intesa per promozione filiera "grano-pasta"
- Segnalazione certificata di inizio attività, SCIA: intesa sul decreto
- Riforma camere commercio e contratti pubblici: audizioni Regioni
- Salute: via libera al portale trasparenza
- Agricoltura: intesa su criteri ripartizione fondo per settore cerealicolo
- Legge di stabilità e ICT: regioni pronte al confronto

+T -T
Martina, Di Gioia e Casini su intesa per promozione filiera "grano-pasta"

(Regioni.it 3018 - 30/09/2016) La Conferenza Stato-Regioni del 29 settembre ha dato il via libera al decreto che fissa criteri e modalità di ripartizione delle risorse del fondo di 10 milioni di euro per la filiera grano-pasta (cfr. notizia successiva). Per il settore si prevede un contributo per ettaro al produttore nei limiti del regime 'de minimis'.
“E’ una notizia importante - dichiara il ministro per le politiche Agricole Maurizio Martina - l'approvazione del decreto che individua criteri e modalità di ripartizione del fondo previsto dal decreto enti locali. Serve adesso un patto strategico per valorizzare la filiera grano-pasta italiana. Un impegno concreto e comune che valorizzi il lavoro dei nostri agricoltori e consenta ai produttori di pasta di approvvigionarsi sempre di più di grano italiano di qualità”.
“Per questo - aggiunge Martina - investiamo 10 milioni di euro per il sostegno ai contratti di filiera, con l'obiettivo di aumentare del 20% le superfici coltivate coinvolte passando da 80.000 a 100.000 ettari. Accanto a questa operazione è necessario lavorare per dare sempre più informazioni al consumatore sull'origine della materia prima attraverso un'etichetta chiara e trasparente”.
C’è stato un lavoro di squadra, sottolinea Leonardo Di Gioia, coordinatore della commissione Agricoltura della Conferenza delle Regioni (assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia).
Un lavoro di squadra, afferma Gioia, che è stato “portato a termine insieme a tutti i colleghi delle Regioni, delle Province autonome e in collaborazione con il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. L'intesa e' stata raggiunta in 24 ore: il decreto ci consente l'avvio della nuova campagna produttiva con uno strumento di sostegno importante. Per le imprese e i produttori tutti e' una risposta concreta alle criticità più volte manifestate. Una boccata di ossigeno – spiega di Gioia - per le imprese che operano nel settore di tutte le Regioni, le quali hanno, ad oggi, anche l'opportunità di incrementare qualità e la produttività delle coltivazioni, contribuendo al rafforzamento di tutta la filiera cerealicola, nel medio-lungo periodo”.
Mentre l’assessore della regione Marche all’Agricoltura, Anna Casini, queste “Misure finanziarie urgenti per gli enti territoriali ed il territorio” per il perseguimento di quattro obiettivi sostenere l’aggregazione e l’organizzazione economica dei produttori di grano duro e dell’intera filiera produttiva e favorire le ricadute positive sulle produzioni agricole;
valorizzare i contratti di filiera nel comparto cerealicolo;
migliorare e valorizzate la qualità del grano duro attraverso l’uso di sementi certificate;
favorire investimenti per la tracciabilità e la certificazione della qualità del grano duro.
Le risorse da assegnare nel quadro dell’applicazione del decreto ammontano a 3 milioni di euro per l’anno 2016 e a 7 milioni di euro per l’anno 2017.
“Alle imprese agricole – spiega l’assessore all’Agricoltura Anna Casini -  che hanno sottoscritto, direttamente o attraverso cooperative, consorzi e organizzazioni di produttori riconosciute di cui sono socie, contratti di filiera di durata almeno triennale, è concesso un aiuto di 100 euro per ogni ettaro oggetto del contratto.  L’aiuto spettante a ciascun soggetto beneficiario è commisurato alla superficie agricola, espressa in ettari, coltivata a grano duro nel limite di 50 ettari. Questo aiuto va ad aggiungersi a quello della PAC accoppiato che come note è di circa 60 €/ha. Sappiamo che le Marche coltivano annualmente oltre 100 mila ettari di grano duro e la loro capacità di aggregazione e di fare filiera sta aumentando, anche per le azioni previste dal PSR precedente , ed ancor più per quelle dell’attuale periodo di programmazione, che hanno promosso e favorito i contratti di filiera. Per cui i produttori della regione – conclude Casini -  hanno una ottima possibilità di intercettare le risorse del fondo”.
L’aiuto è concesso nel limite dell’importo massimo di 15.000 euro nell’arco di tre esercizi finanziari, in applicazione del “de minimis agricolo”. Fermo restando il limite massimo di 100 euro ad ettaro, l’importo unitario dell’aiuto, per ciascun ettaro coltivato a grano duro, sarà determinato in base al rapporto tra l’ammontare dei fondi stanziati e la superficie totale coltivata a grano duro, con contratti di filiera, per la quale è stata presentata domanda di aiuto. Per tutte le imprese che sono iscritte all’anagrafe la domanda sarà semplificata con dichiarazione de minimis, dichiarazione per la superficie coltivata e copia del contratto di coltivazione.

[Marche] IN ARRIVO 10 MILIONI PER LE FILIERE DEL GRANO DURO 
[Puglia] Grano. Approvato decreto di ripartizione risorse, di Gioia: “Soddisfazione per risultato raggiunto” 

[Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali] GRANO, MIPAAF: APPROVATO IN CONFERENZA STATO REGIONI DECRETO SU RIPARTIZIONE FONDO PER COMPARTO CEREALICOLO - 30.09.2016


( gs / 30.09.16 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top