Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3051 - venerdì 18 novembre 2016

Sommario
- Legge di bilancio 2017: le proposte e gli emendamenti delle Regioni
- Istat: spesa per la ricerca e lo sviluppo
- Piemonte esce dal Piano di rientro in sanità
- Discariche abusive e rivalsa: serve tavolo di confronto con il ministero
- Il 27% degli italiani acquista almeno una volta prodotti illegali
- Codice appalti: le posizioni di Delrio e Bonavitacola

+T -T
Il 27% degli italiani acquista almeno una volta prodotti illegali

Il dato emerge da un'analisi di Confcommercio

(Regioni.it 3051 - 18/11/2016) Il 27% circa dei consumatori italiani acquista almeno una volta prodotti illegali o ha utilizzato servizi offerti da soggetti non autorizzati (+1% sul 2015). Lo riferisce Confcommercio nell'indagine "Legalità, mi piace", relativa all’anno 2016, sottolineando anche che il fenomeno della contraffazione e dell' abusivismo danneggia il 65% delle imprese.
Abbigliamento (+2,1%) e audiovisivi, videogiochi, musica (oltre il +2%) svettano su tutti, ma tra i settori più colpiti ci sono anche i gioielli e i generi alimentari.
Cresce anche l'acquisto illegale sul web, dai farmaci all'elettronica. Il 72% circa dei consumatori pensa che acquistare prodotti illegali sia "normale" o "utile" per chi è in difficoltà. Lo sostengono in prevalenza uomini e giovani fra i 18 ed i 24 anni.
Nel 2016 la percentuale delle imprese del commercio, del turismo, dei servizi e dei trasporti che ritengono di essere state danneggiate "in generale" dall'azione della illegalità è cresciuta al 65,1% rispetto al 62,1% del 2015. La percezione è più forte tra le imprese del Mezzogiorno.
L'indagine, effettuata tra le imprese e i consumatori da Confcommercio-Imprese per l'Italia in collaborazione con Format Research nell'ambito della giornata sulla legalità del 22 novembre, indica anche che i consumatori che acquistavano illegalmente nel 2015 erano il 57,9%, oggi sono il 60% (+2,1%).
Si acquistano prodotti illegali, spiega l'associazione, in prevalenza "perché si pensa di fare un buon affare risparmiando" (lo dice il 73,3% dell'intero campione degli intervistati, contro il 70% del 2015) o "perché non si hanno i soldi per acquistare i prodotti legali" (lo dichiara il 73,2% contro il 72,1% del 2015). A ritenere che acquistare prodotti illegali sia “normale” e "utile" per chi è in difficoltà economiche sono in prevalenza gli uomini e i giovani fra i 18 ed i 24 anni. Farmaci e prodotti alimentari sono, secondo l'80% dei consumatori, gli acquisti più pericolosi perché strettamente legati alla salute.
La consapevolezza del rischio sale al 96% per quanto concerne l'acquisto illegale sul web. Un contrasto evidente con il 27% dei consumatori che, nonostante i rischi, nel 2016 ha acquistato prodotti o servizi venduti illegalmente. In ogni caso i consumatori conoscono i rischi a cui vanno incontro: il 70% circa è informato sul rischio di sanzioni amministrative per chi è sorpreso ad acquistare prodotti contraffatti o servizi abusivi, un tasso leggermente superiore a quello del 2015.
Il consumatore di prodotti e servizi illegali è in prevalenza donna (54%) e ha fra i 35 e i 54 anni. Significative, tuttavia, anche le percentuali di coloro che hanno oltre 64 anni (18,3%), risiedono più frequentemente nelle regioni del Mezzogiorno (43,7%) e in quelle del Centro Italia (24,7%). Il fenomeno risulta invece meno diffuso nel Nord Italia, con poco più del 30% dei prodotti comprati illegalmente (fra Nord Ovest e Nord Est). Oltre il 20% di coloro che acquistano contraffatto sono pensionati, mentre è aumentata del 3,5% la percentuale dei consumatori di famiglie monoreddito con bassa capacità di spesa che acquistano prodotti illegali.

L'impatto sulle imprese del terziario, quindi, è pesante: nel 2016 la percentuale delle imprese del commercio, del turismo, dei servizi e dei trasporti che ritiene di essere stata danneggiata da meccanismi commerciali fuori dalle regole che alterano la concorrenza e inquinano il mercato è cresciuta al 65,1% rispetto al 62,1% del 2015. Lo 'accusano' in prevalenza le imprese che operano nel Mezzogiorno. Gli effetti dell'economia illegale che pesano di più sulle imprese sono: concorrenza sleale, riduzione del fatturato, peso degli investimenti per la sicurezza dell'azienda (acquisto di servizi di videosorveglianza/antitaccheggio, etc), non poter assumere nuovi addetti (o mantenere quelli attuali) per il peso dei costi, perdita di appeal della propria impresa.


( red / 18.11.16 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top