Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3072 - mercoledì 21 dicembre 2016

Sommario
- Bonaccini convoca la Conferenza delle Regioni per il 22 dicembre
- Internet: Istat, aumenta il numero delle famiglie connesse da casa
- Lorenzin: firmati nuovi Lea e nomenclatore protesi
- Istat: integrazione alunni con disabilità
- Aifa: spesa farmaceutica nei primi 8 mesi del 2016
- Integrati gli odg della Stato-Regioni e Unificata del 22 dicembre

+T -T
Istat: integrazione alunni con disabilità

Anno scolastico 2015-2016 nelle scuole primarie e secondarie

(Regioni.it 3072 - 21/12/2016) Nell’anno scolastico 2015-2016 gli alunni con disabilità nella scuola primaria sono 88.281 (pari al 3% del totale degli alunni), nella scuola secondaria di I grado 67.690 (il 4% del totale). Nelle regioni del Mezzogiorno si registra il maggior numero di ore medie di sostegno settimanali assegnate. Lo fa sapere l’Istat pubblicando i dati sull’integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di primo grado.
“Nell’anno scolastico 2015-2016 – rileva l’Istat - sono circa 156 mila gli alunni con disabilità in Italia (il 3,4% del totale degli alunni), di cui più di 88 mila nella scuola primaria (pari al 3,1% del totale degli alunni, erano il 2,1% nell’anno scolastico 2001-2002) e circa 68 mila nella scuola secondaria di primo grado (il 3,9% del totale, 2,6% nel 2001-2002). La percentuale più elevata si riscontra in Abruzzo e in Sicilia per la primaria (3,6%) e ancora in Abruzzo per la secondaria di primo grado (4,8%), mentre la percentuale minore si registra in Basilicata (il 2,3% degli alunni della scuola primaria e 2,7% di quelli della scuola secondaria di primo grado)”.
La disabilità intellettiva, i disturbi dell’apprendimento e quelli dello sviluppo rappresentano i problemi più frequenti negli alunni con disabilità in entrambi gli ordini scolastici considerati.
Da queste stime si desume che l’8% degli alunni con disabilità non sia autonomo in nessuna delle seguenti attività: spostarsi, mangiare o andare in bagno. Nella scuola secondaria di primo grado è indicativamente pari al 6%.
Gli insegnanti di sostegno rilevati dal ministero dell’Istruzione (MIUR) sono più di 82 mila, 1 ogni 2 alunni con disabilità.
Il 16% degli alunni con disabilità della scuola primaria ha cambiato insegnante di sostegno durante l’anno scolastico, il 19% nella scuola secondaria di primo grado. Il 42% degli alunni della scuola primaria ha cambiato l’insegnante di sostegno rispetto all’anno precedente, mentre nella scuola secondaria di primo grado ciò accade nel 36% dei casi.
L’Istat rileva che gli assistenti educativi culturali o gli assistenti ad personam svolgono, in media, circa 10 ore settimanali in entrambi gli ordini scolastici, con forti differenze tra Nord e Sud.
Circa un quarto delle scuole primarie e secondarie di primo grado non ha postazioni informatiche destinate alle persone con disabilità, con percentuali più elevate nel Mezzogiorno: il 31,5% delle scuole primarie e il 26,4% delle scuole secondarie, e più basse nel Centro con il 25,2% di scuole primarie e il 20,3% di scuole secondarie.
La regione che ha più scuole con postazioni informatiche adattate è l’Emilia-Romagna con l’84,5% delle scuole primarie e l’85,7% delle secondarie di primo grado. Le scuole meno dotate, sia per la scuola primaria che secondaria, sono quelle del Molise (con rispettivamente il 57,7% e il 52,5% delle scuole).

ALUNNI CON DISABILITÀ PER TIPOLOGIA DI ATTIVITÀ NELLE QUALI NON SONO AUTONOMI, RIPARTIZIONE GEOGRAFICA E ORDINE SCOLASTICO. Anno scolastico 2015-2016. Valori per 100 alunni con disabilità

RIPARTIZIONE GEOGRAFICA

Non autonomo nello spostarsi

Non autonomo nell'andare in bagno

Non autonomo nel mangiare

Scuola primaria

Nord

10,7

15,8

8,1

Centro

13,7

18,3

10,3

Mezzogiorno

15,2

23,5

11,1

Italia

12,9

19,1

9,6

Scuola secondaria di primo grado

Nord

8,3

9,3

5,0

Centro

11,5

13,0

6,8

Mezzogiorno

15,7

18,9

8,1

Italia

11,6

13,4

6,5

 

SCUOLE CON CARATTERISTICHE A NORMA PER REGIONE E ORDINE SCOLASTICO. Anno scolastico 2015-2016. Valori 100 scuole della stessa regione

Scuola primaria                                     Scuola secondaria di primo grado

 

 REGIONE

 

Scale

 

Servizio Igienico

Mappe a rilievo e percorsi tattili

Percorsi sia Interni che Esterni

 

Scale

 

Servizio Igienico

Mappe a rilievo e percorsi tattili

Percorsi sia Interni che Esterni

 

 

Piemonte

     81,5      

78,1

     23,7      

43,5

   82,8    

79,2

       23,7      

45,0

Valle d’Aosta-Vallée d’Aoste

     85,7      

82,1

     20,2      

60,7

   90,5    

85,7

       28,6      

57,1

Lombardia

     82,9      

85,4

     26,6      

50,1

   86,3    

87,7

       28,7      

51,8

Trentino-Alto Adige

     89,6      

81,4

     27,2      

58,4

   90,8    

86,7

       29,5      

52,6

P.A. Bolzano-Bözen

     93,3      

82,0

     25,1      

55,4

   97,7    

90,9

       36,4      

53,4

P. A. Trento

     84,2      

80,5

     30,3      

62,9

   83,5    

82,4

       22,4      

51,8

Veneto

     77,8      

81,9

     25,6      

48,3

   85,9    

83,4

       26,4      

48,7

Friuli-Venezia Giulia

     78,6      

79,6

     27,9      

57,4

   85,7    

82,1

       26,8      

63,7

Liguria

     78,6      

65,7

     29,7      

41,5

   86,6    

72,1

       27,4      

42,3

Emilia-Romagna

     79,7      

85,3

     29,4      

52,1

   84,7    

86,4

       30,1      

50,9

Toscana

     73,7      

78,6

     20,3      

48,3

   84,1    

81,2

       20,4      

47,2

Umbria

     77,3      

80,3

     30,1      

48,2

   83,1    

87,1

       30,6      

51,6

Marche

     80,0      

71,9

     17,1      

41,1

   82,5    

73,1

       15,8      

37,2

Lazio

     72,4      

70,6

     15,1      

34,0

   78,4    

74,5

       16,8      

35,0

Abruzzo

     73,3      

71,9

     18,1      

40,1

   81,9    

71,7

       15,9      

40,3

Molise

     64,3      

70,5

     13,2      

32,6

   76,6    

77,9

       14,3      

32,5

Campania

     72,8      

62,1

     14,1      

40,0

   82,4    

69,4

       14,4      

42,7

Puglia

     85,2      

77,7

     18,9      

44,1

   88,3    

81,4

       16,6      

47,1

Basilicata

     87,6      

71,8

     16,3      

38,1

   90,8    

75,2

       14,2      

40,4

Calabria

     60,7      

63,0

     12,3      

35,1

   76,8    

66,4

       13,4      

39,3

Sicilia

     72,7      

71,9

     16,0      

39,8

   85,1    

79,3

       19,1      

42,6

Sardegna

     73,8      

81,3

     16,5      

43,1

   75,3    

80,8

       12,8      

42,7

Italia

R

77,0

75,7

21,0

44,4

83,6

79,2

21,4

45,3

 

 



( gs / 21.12.16 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top