Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3081 - martedì 17 gennaio 2017

Sommario
- Sanità: sui Lea confronto Regioni- Governo per corretta applicazione
- Patto Basilicata: incontro Pittella con De Vincenti
- Politica agricola comune: osservazioni per intesa su condizionalità
- Regioni finanziano cinema e audiovisivo
- Veneto: intesa Giunta-Consiglio sul referendum per l'autonomia
- Spano: Regioni al lavoro per livelli essenziali prestazioni tecniche ambientali

Documento della Conferenza delle Regioni del 22 dicembre

+T -T
Politica agricola comune: osservazioni per intesa su condizionalità

(Regioni.it 3081 - 17/01/2017) “Intesa condizionata” sulla disciplina del regime di condizionalità previsto dal Regolamento europeo sul finanziamento, sulla gestione e sul monitoraggio della politica agricola comune. Nel corso della Conferenza Stato-Regioni del 22 dicembre è stato infatti consegnato al Governo un documento che contiene alcune proposte di modifica al testo. Tali emendamenti condizionano l’intesa delle Regioni.
Si riporta di seguito il testo integrale del documento della Conferenza delle Regioni (pubblicato anche sul sito www.regioni.it, nella sezione “Conferenze”)
Punto 16) O.d.g. Conferenza Stato-Regioni
La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome condiziona l'espressione dell’intesa all'accoglimento delle seguenti proposte di modifica:
- ripristinare la formulazione dell’articolo 9 così come definita in sede di istruttoria tecnica il 5 e il 6 dicembre 2016 e cioè:
“Art. 9
(Applicazione dell’articolo 97, paragrafo del Regolamento (UE) n. 1306/2013)
Lo Stato Membro non si avvale della facoltà prevista dall’articolo 97, paragrafo 3 del regolamento (UE) n. 1306/2013; pertanto, le riduzioni ed esclusioni si applicano comunque, anche quando l’importo complessivo delle stesse è pari o inferiore a 100 euro per beneficiario e per anno civile.”;
- riformulare come segue l'allegato 1, Settore 1, IV tema principale, BCCA 7:
La Conferenza segnala inoltre la presenza di un refuso all'allegato 1, Settore 1, I Tema principale, BCCA 1 punto 4) dove andrebbe richiamato il comma 4 dell'articolo 3 e non il comma 5 che non esiste più.
Roma, 22 dicembre 2016
ALLEGATO
IV TEMA PRINCIPALE: Livello minimo di mantenimento dei paesaggi
Ambito di applicazione: tutte le superfici agricole come definite all’articolo 3, comma 4, lettera d).
Descrizione della norma e degli impegni
Al fine di assicurare un livello minimo di conservazione dei terreni ed evitare il deterioramento dei paesaggi tramite il mantenimento degli elementi caratteristici del paesaggio sull’intero territorio nazionale, è stabilito come impegno la tutela degli elementi caratteristici del paesaggio, naturali o semi-naturali, qualora identificati territorialmente, nonché la non eliminazione di alberi monumentali, muretti a secco, siepi, stagni, alberi isolati o in filari, terrazze, sistemazioni idraulico-agrarie caratteristiche. Salvo diversa disciplina regionale, Gli interventi di potatura di siepi e di alberi caratteristici del paesaggio di cui alla presente “norma” non si eseguono nella stagione della riproduzione e della nidificazione degli uccelli stabilito stabilita a livello nazionale nel periodo dal 15 marzo al 15 agosto, salvo diversa disciplina regionale in relazione al predetto periodo.
Intervento delle Regioni e Province autonome
Le Regioni e Province autonome, a norma dell’articolo 23 comma 1 del presente decreto, specificano con propri provvedimenti, in base alle condizioni del suolo, al clima, ai sistemi aziendali esistenti, gli impegni relativi alla presente norma.
Disposizioni vigenti in assenza dell’intervento delle Regioni e Province autonome
A norma dell’articolo 23 comma 3 del presente decreto, in assenza dei provvedimenti delle Regioni e Province autonome, vige la norma stabilita a riguardo dal presente Decreto, che prevede il mantenimento degli alberi monumentali identificati nel registro nazionale degli alberi monumentali, ai sensi del D.M. 23 ottobre 2014, o tutelati da legislazione regionale e nazionale, nonché deglielementi caratteristici del paesaggio quali muretti a secco, siepi, stagni, alberi isolati o in filari, terrazze, sistemazioni idraulico-agrarie caratteristiche ed il divieto di potatura di siepi e di alberi caratteristici del paesaggio di cui alla presente “norma” nella stagione della riproduzione e della nidificazione degli uccelli stabilita a livello nazionale nel periodo dal 15 marzo al 15 agosto, salvo diversa disciplina regionale in relazione al predetto periodo.
Ai fini dell’individuazione dell’elemento caratteristico del paesaggio per il suo mantenimento, è stabilita una lunghezza minima di 25 metri per gli elementi lineari.
Per “siepi” si intendono delle strutture lineari, regolari od irregolari, costituite da specie vegetali arboree od arbustive e situate generalmente lungo i margini delle strade, dei fossi, dei campi nelle zone agrarie. La larghezza minima è di 2 metri; la larghezza massima di 20 metri; la lunghezza minima di 25 metri; la copertura arboreo-arbustiva > 20%. Per larghezza si intende la proiezione ortogonale della chioma sul terreno.
Per “filare” si intende un andamento lineare ovvero sinuoso caratterizzato dalla ripetizione di elementi arborei in successione o alternati.
Per “sistemazioni idraulico-agrarie caratteristiche” si intendono i reticoli di regimazione delle acque che abbiano carattere di stabilità nel tempo e di integrazione con l’ambiente agrario circostante. Sono ricompresi i fossi e canali aziendali, comprensivi delle scarpate inerbite o coperte da vegetazione spontanea. Le sistemazioni idraulico agrarie hanno una larghezza massima totale di 10 metri.
Deroghe
1.
Presenza di motivazioni di ordine fitosanitario riconosciute dalle autorità competenti.
2. Elementi caratteristici del paesaggio realizzati anche con l’intervento pubblico, che non presentino i caratteri della permanenza e della tipicità.
3. Interventi di ordinaria manutenzione delle formazioni arboreo ovvero arbustive, comprendenti anche il taglio a raso di ceppaie e il taglio dei ricacci delle capitozze.
4. Eliminazione di soggetti arborei o arbustivi appartenenti a specie invadenti, pollonanti o non autoctone (ad es. ailanto, robinia pseudoacacia, ecc …) o eliminazione di soggetti arbustivi lianosi (ad es. rovo).
5. In relazione alle sistemazioni idraulico-agrarie caratteristiche, è fatta salva la possibilità di eliminarle in presenza di normativa che lo consente.
Le deroghe di cui ai punti 2, 3 e 4 non si applicano nella stagione della riproduzione e della nidificazione degli uccelli e comunque nel periodo compreso tra il 15 marzo e 15 agosto, salvo diversa disciplina a livello regionale in relazione al predetto periodo.

Documento Approvato - Sviluppo rurale: Regolamento Ue, osservazioni per l'intesa su disciplina regime di condizionalità


( sm / 17.01.17 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top