Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3085 - lunedì 23 gennaio 2017

Sommario
- Conferenza delle Regioni il 26 gennaio
- 1,2 milioni di giovani tentati dal gioco d'azzardo
- Emiliano: via al Piano di riordino ospedaliero della Puglia
- Istat: statistiche culturali
- Emergenza terremoto: Governo stanzia 30 milioni
- Poste: le Regioni in un tour filatelico

Presentati i dati di "Young Millennials Monitor", indagine Nomisma-Unipol

+T -T
1,2 milioni di giovani tentati dal gioco d'azzardo

Bonaccini: "come Conferenza delle Regioni proseguiremo il nostro lavoro per arrivare a un'intesa con il Governo proprio sul gioco d'azzardo"

(Regioni.it 3085 - 23/01/2017) Un ragazzo su due in Italia si è lasciato affascinare dal gioco d'azzardo. Sono oltre 1,2 milioni, infatti, quelli che hanno tentato la fortuna almeno una volta nel 2016. Gli effetti del gioco su chi è utilizzatore più frequente sono allarmanti: secondo il “Young Millennials Monitor”, ideato da Nomisma e Unipol, ha un rapporto “problematico” il 5% degli studenti, il 9% è etichettato come “a rischio”, ovvero manifesta i primi potenziali segnali di rischio di approccio problematico al gioco.
In base ai dati raccolti dall'indagine che ha coinvolto 11 mila giovani tra i 14 e i 19 anni, il giocatore maggiormente problematico è maschio, maggiorenne, frequenta istituti tecnici/professionali, ha un rendimento scolastico basso e proviene dalle regioni meridionali.
I dati di “Young Millennials Monitor” diffusi a Bologna indicano che il numero di giocatori è in leggero calo: nel corso del 2016 il 49% dei giovani studenti ha tentato la fortuna almeno una volta (circa 1.240.000 di ragazzi). Molti giovani (il 21%) iniziano a giocare per curiosità o per caso (20%); altri per semplice divertimento (18%), per il fatto che amici e familiari giochino (11%), o per la speranza di vincere una somma di denaro (11%). Dopo aver sfidato la sorte almeno una volta i giovani tendono a pensare che il gioco d'azzardo sia soprattutto una perdita di denaro (lo pensa il 32% degli studenti tra i 14 e i 19 anni).

Ora slot e videolottery potrebbero, però, progressivamente sparire dai bar e dagli esercizi commerciali per essere “confinate” esclusivamente nelle sale gioco. Questa la prospettiva disegnata dal provvedimento messo a punto dal governo e dalle Regioni. A parlarne è stato il ministro degli Affari Regionali, Enrico Costa, proprio a margine della presentazione dell'indagine realizzata da Nomisma. “E’ un provvedimento articolato in molti passaggi - ci sarà una riduzione dei punti di gioco, delle macchine, con una prospettiva di arrivare a confinare certe situazioni in luoghi deputati”. Insomma, puntualizza il ministro, “gli esercizi generalisti devono dedicarsi ad altro e non a coltivare queste abitudini”. Si tratta ancora, “di una linea di tendenza”, in ogni caso. Peraltro, aggiunge Costa, occorre "cercare di conciliare il percorso con i provvedimenti che gli enti locali hanno messo in essere e che devono essere salvaguardati perché gli enti locali hanno una consapevolezza di quanto fenomeni attecchiscano”. Il provvedimento rappresenta, dunque, "un grande passo avanti: arriverà in conferenza unificata delle Regioni e di fatto è ultimato”. Certo, conclude Costa, “non basta: si deve procedere ad un'attività fortissima nelle scuole”.
In Emilia-Romagna, il 22,7% della popolazione tra i 15 e i 64 anni riferisce di aver giocato d'azzardo almeno una volta nel corso dell'anno. Tra questi, il 4,4% e' a rischio - moderato o grave - di dipendenza. Ed e' proprio per contrastare, prevenire e ridurre questo pericolo che la Regione ha rafforzato la propria normativa in tal senso, dopo che, prima in Italia a farlo, gia' nel 2013 aveva approvato una legge specifica sul tema.
Due mesi fa, infatti, c'e' stato il via libera "al Testo unico per la promozione della legalita' e per la valorizzazione della cittadinanza e dell'economia responsabili, con l'obiettivo di dire no alle mafie, legge che fra le altre misure introduce il divieto di installare apparecchi per il gioco d'azzardo entro una distanza di 500 metri da scuole, luoghi di aggregazione giovanili e di culto, cioe' quelli piu' frequentati dai ragazzi". Lo ha sottolineato il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, intervenendo anche lui alla presentazione della prima indagine realizzata dall'Osservatorio "Young millennials monitor" di Nomisma su motivazioni e approccio dei giovani verso il gioco d'azzardo. E anche se l'indagine ha rilevato in Emilia-Romagna una propensione al gioco, tra i giovani della fascia d'eta' 14-19 anni, inferiore rispetto al Centro e Sud Italia, "l'attenzione resta alta, soprattutto per i soggetti piu' vulnerabili, e quindi anche giovani e giovanissimi. A maggior ragione - ha ribadito il presidente della Giunta - come Conferenza delle Regioni proseguiremo il nostro lavoro per arrivare a un'intesa con il Governo sul gioco d'azzardo".
Bonaccini ha poi ricordato anche il bando regionale, da poco chiuso, che assegna ai Comuni 150.000 euro per progetti che valorizzino gli esercenti che scelgono di non installare macchine per il gioco d'azzardo nei loro locali e che, pertanto, aderiscono al marchio etico "SlotFreeER" voluto dalla Regione. Il presidente della Regione ha colto l'occasione per annunciare che nel nuovo bando del prossimo anno l'impegno finanziario raddoppiera', passando dagli attuali 150mila a 300mila euro.Le persone che nel 2015 si sono rivolte ai servizi per le dipendenze delle Aziende Usl dell'Emilia-Romagna per dipendenza da gioco d'azzardo sono state 1.310 (ultimo dato disponibile). L'utenza e' in prevalenza di sesso maschile e la fascia di eta' piu' rappresentata e' quella tra i 41 e i 50 anni.




( sm / 23.01.17 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top