Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3089 - venerdì 27 gennaio 2017

Sommario
- Giorno della Memoria: le commemorazioni dei Presidenti
- Obbligatorietà vaccini: ministro si riserva di sottoporla al governo
- Demanio balneazione: Governo vara Ddl su riordino concessioni
- Consiglio dei Ministri approva un ampio movimento di prefetti
- Spettacolo: bene normativa unitaria, ma occorre coinvolgimento Regioni
- Unesco: candidato paesaggio Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene
- Difesa: assunzioni P.A. e riserva per i volontari congedati

+T -T
Unesco: candidato paesaggio Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene

Zaia: giornata storica per il Veneto

(Regioni.it 3089 - 27/01/2017) “Con questa candidatura vogliamo affermare il grande valore culturale e ambientale che la nostra agricoltura riveste, in special modo in territori eccezionali come le colline di Conegliano e Valdobbiadene, area che racchiude la zona di produzione del Prosecco Docg”.
La Commissione Nazionale Italiana per l'Unesco ha infatti candidato, a nome del governo italiano spiega il ministro Martina, il paesaggio vitivinicolo del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene per l’ingresso nella lista di quest’area del Veneto tra i beni materiali. Sono solo 9 i paesaggi vitivinicoli iscritti nella Lista dell'Unesco su un totale di 1052. Il logo Unesco lo hanno in Italia solo 51 siti materiali e 7 elementi immateriali. Il sito rappresenta oltre 20mila ettari e coinvolge 15 comuni. Secondo i dati del 2014, quest'area è stata visitata da 56.840 turisti
Il ministro dell’Agricoltura, Maurizio Martina, ha quindi firmato il dossier di candidatura, che fu avviata nel 2009 dall'allora ministro Luca Zaia, ora presidente della regione Veneto.
Per Martina si tratta di una “candidatura che esprime con forza la capacità del Prosecco di valorizzare un territorio agricolo e promuovere l'Italia nel mondo”.
Si punta così a rafforzare il primato mondiale detenuto dall'Italia con 51 riconoscimenti, seguito dalla Cina che ne ha 50, e dalla Spagna che sta a 49.
Martina ribadisce che così si rafforza “il posizionamento a livello mondiale di una delle produzioni vitivinicole più pregiate e apprezzate del nostro Paese”.
Sulle colline del territorio candidato, precisa il Ministero dell’Agricoltura, si estendono circa 5.000 ettari di vigneto su cui operano oltre 3.000 agricoltori. Sono presenti 20 poli museali, numerosi itinerari di interesse a carattere storico ed enogastronomico, tra cui la prima strada del vino inaugurata nel 1966. Sono 79,2 milioni le bottiglie di vino certificato come Docg, - informa il ministero dell’Agricoltura - corrispondente a 593.798 ettolitri, prodotte nel 2014 in centinaia di unità produttive caratterizzate prevalentemente da piccole aziende agricole.
“E' un giornata storica per il Veneto. – afferma Zaia - Voglio innanzitutto ringraziare tutti quelli che hanno lavorato al dossier, una fantastica squadra che ha visto intrecciarsi professionalità di altissimo livello, veri e propri cultori e conoscitori del territorio. Scienza e amore per la nostra terra. Un'altra porzione di Veneto sta dunque per entrare nell'olimpo dei grandi siti dell'umanità".
La Commissione nazionale italiana dell'Unesco è presieduta da Franco Bernabè, che Zaia ringrazia insime a “tutti i ministri del governo rappresentati nel Cniu, che hanno sostenuto la candidatura con l'approvazione, e i loro tecnici”.
Le colline del Prosecco, ricorda Zaia, sono una delle due candidature tricolori per l'esclusiva classifica dell'Unesco: ogni Stato membro ha infatti un limite annuale di due candidature da presentare per la lista dei patrimoni dell'umanità, una a valenza spiccatamente culturale e una a valenza naturalistico-paesaggistica, quali sono appunto le terre del Prosecco.
"Ora - prosegue Zaia - ci manca l'ultimo miglio per raggiungere l'ambito risultato. Il raggiungimento del marchio Unesco è un grande risultato per il Veneto, che premia un dossier ben fatto, con tutte le carte in regola, e un territorio che ha fortemente creduto in questa candidatura. La tutela Unesco rappresenterà l'inizio di una nuova era, che affida una grande responsabilità al Veneto e ai veneti, e motiverà l'intero territorio. Ci riteniamo ufficialmente a disposizione, come ente e territorio, per il segretariato Unesco".
A Parigi, sede dell’Unesco, ad agosto 2018, sarà dato il verdetto internazionale. Voteranno 21 Paesi degli oltre 150 facenti parte del "sistema" Unesco.



( Giuseppe Schifini / 27.01.17 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top