Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3096 - martedì 7 febbraio 2017

Sommario
- Scuola: audizione Conferenza Regioni sulla riforma
- La Sardegna impugna Finanziaria sugli accantonamenti
- Trenitalia, aumento tariffe: Bonaccini, Berrino, Bonavitacola
- Sanità: rapporto Health Consumer Powerhouse
- Coesione sociale e situazioni critiche del Mezzogiorno: parere sul Decreto
- Agricoltura: decreto su investimenti, intesa "subordinata"

+T -T
Sanità: rapporto Health Consumer Powerhouse

Lorenzin: l'Italia del Nord è top Europa e mondo, il Centro è in una situazione mediana e purtroppo il Sud è sotto la media europea

(Regioni.it 3096 - 07/02/2017) Nei risultati dell'ultima indagine sulla sanità internazionale di Health Consumer Powerhouse, che si basa sull'analisi di 6 aree (Diritti dei pazienti e informazione, accesso alle cure, risultati trattamenti, gamma servizi, prevenzione e l'uso di prodotti farmaceutici), la Sanità Italiana si posiziona al 22° posto in Europa, molto lontana da Paesi Bassi, Svizzera e Norvegia che sono ai primi posti.
Per capire come si collocano altri Paesi di riferimento come il nostro, la Germania è settima, la Francia è undicesima ed il Regno Unito è quindicesimo.
Da quel rapporto – afferma il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, “esce che l'Italia del Nord è top Europa e mondo, il Centro è in una situazione mediana e purtroppo il Sud è sotto la media europea. Questa è la grande sfida del Servizio sanitario nazionale e di chi ha a cuore la salute degli italiani: fare in modo che l'Italia meridionale riesca a essere alla pari del resto del Paese”.
Comunque Lorenzin sottolinea l'imèportanza degli ultimi provvedimenti del Governo in materia sanitaria, come i nuovi Lea e il piano vaccini, vanno nella giusta direzione. Eliminare le differenze in sanità  fra Nord, Centro e Sud Italia è "il grande impegno e la grande sfida". 
Lorenzin quindi fa notare che "innanzitutto si tratta di uno dei tanti rapporti che vengono pubblicati" e che "si basa su alcuni parametri di valutazione". A seconda di quelli che vengono presi in considerazione, "nei report internazionali passiamo dal secondo posto al 22esimo", osserva Lorenzin. Comunque bisogna arrivare a garantire 'pari opportunità' per tutti. E questo l'obiettivo. "Per questo – afferma Lorenzin - abbiamo puntato tutto sui Livelli essenziali di assistenza; su nuovi sistemi e misure di monitoraggio, dal Piano Esiti agli stessi Lea, e sul Piano nazionale vaccini. E lo abbiamo fatto mettendoci risorse (quasi 1 miliardo per le nuove prestazioni), sbloccando il turnover, sbloccando le assunzioni anche dei precari, e definendo dei modelli di organizzazione sanitaria. Pensiamo alle Centrali uniche di acquisto, ai Piani di rientro e all'attuazione del Patto della Salute che è praticamente tutta avvenuta. Ora bisogna andare a misurare sui diversi territori come queste azioni sono portate avanti”.

30/1/2017

Euro Health Consumer Index 2016

7/12/2016

Euro Heart Index 2016

26/1/2016

Euro Health Consumer Index 2015

 

 

Euro Health Consumer Index 2014.[5]

Country

Overall ranking

Patient rights and information ranking

Accessibility (waiting times for treatment) ranking

Outcomes ranking

Range and reach of services provided

Prevention

Pharmaceuticals

 Netherlands

1

1

7

1

1

13

1

  Switzerland

2

12

1

3

14

6

9

 Norway

3

22

22

1

3

1

7

 Finland

4

6

10

6

4

6

1

 Denmark

5

2

4

9

6

13

9

 Belgium

6

22

1

9

4

19

9

 Iceland

7

4

14

3

9

1

21

 Luxemburg

8

17

7

6

6

5

16

 Germany

9

10

7

3

21

6

1

 Austria

10

9

4

16

11

19

9

 France

11

12

10

9

14

13

13

 Sweden

12

12

35

6

1

1

7

 Portugal

13

6

14

14

21

19

19

 England

14

8

30

16

6

6

1

 Czech Republic

15

22

10

16

11

26

13

 Scotland

16

17

25

16

9

13

1

 Macedonia

17

4

3

33

21

6

21

 Estonia

18

10

19

16

11

36

21

 Spain

19

24

30

14

14

1

16

 Slovenia

20

24

27

9

18

13

16

 Slovakia

21

15

10

25

24

19

13

 Italy

22

19

22

22

24

6

21

 Ireland

23

30

35

9

19

13

1

 Croatia

24

19

14

23

19

34

21

 Cyprus

25

30

19

16

30

26

19

 Hungary

26

24

14

30

24

19

21

 Latvia

27

15

19

26

28

26

28

 Malta

28

29

25

30

14

6

33

 Greece

29

36

22

23

31

19

21

 Bulgaria

30

34

14

26

35

26

28

 Albania

31

28

4

33

37

32

36

 Poland

32

24

30

33

24

26

28

 Lithuania

33

19

30

26

28

37

28

 Serbia

34

30

27

36

31

25

33

 Montenegro

35

35

27

26

35

32

36

 Romania

36

30

30

36

34

26

28

 Bosnia and Herzegovina

37

37

37

30

31

34

33



( gs / 07.02.17 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top