Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3144 - venerdì 14 aprile 2017

Sommario
- Istat presenta "Noi Italia", 100 statistiche per capire il nostro Paese
- Reddito d'inclusione: il testo del memorandum
- Def 2017: audizione rappresentanti Conferenza delle Regioni il 18 aprile
- Pesca: Emilia-Romagna, Lazio e Veneto accelerano su uso fondo europeo
- Conferenza delle Regioni il 20 aprile
- Conferenza Unificata il 20 aprile
- Conferenza Stato-Regioni il 20 aprile

+T -T
Pesca: Emilia-Romagna, Lazio e Veneto accelerano su uso fondo europeo

(Regioni.it 3144 - 14/04/2017) Oltre 2,6 milioni di euro per sostenere la pesca dell’Emilia-Romagna: partono i primi due bandi finanziati dal Feamp, il Fondo europeo per gli affari marittimi e per la pesca. Le risorse puntano a  promuovere l’ammodernamento  delle infrastrutture portuali e a sostenere i giovani pescatori. Il Fondo, che mette a disposizione  dell’Emilia-Romagna complessivamente 39,5 milioni di euro, è uno strumento per favorire la competitività delle piccole e medie imprese nel settore della pesca e dell’acquacultura e favorire uno sviluppo equilibrato del territorio, l’occupazione e il miglioramento dell’ambiente costiero.
La  misura "Porti, luoghi di sbarco, sale per la vendita all'asta e ripari di pesca"  è indirizzata ai Comuni costieri dell’Emilia-Romagna. A disposizione ci sono 2,5 milioni di euro per migliorare le infrastrutture dei porti di pesca e delle sale per la vendita all’asta del pesce, comprese le strutture per la raccolta di scarti e rifiuti marini. Il contributo, in conto capitale, potrà coprire fino al 100% delle spese e l’11 luglio è il termine per la presentazione delle domande. Il bando “Sostegno all'avviamento per i giovani pescatori” mette a disposizione oltre 136 mila euro per l’acquisto di un’imbarcazione da parte di pescatori con meno di quarant’anni. Il contributo coprirà al massimo il 25% delle spese ammesse e non potrà, in ogni caso, superare i 75mila euro. Le domande dovranno essere presentate entro il 17 maggio. Le risorse a disposizione potranno aumentare sino a oltre 500mila euro,  se il ministero delle Politiche agricole accoglierà la richiesta, già avanzata dalla Regione, di rimodulazione del plafond a disposizione per questo intervento. “In Emilia-Romagna la pesca marittima e la trasformazione dei relativi prodotti continuano a rappresentare un settore importante- spiega l’assessore all’agricoltura, caccia e pesca, Simona Caselli il Feamp  è essenziale per sostenere il necessario processo di rafforzamento del comparto e in questa programmazione possiamo contare su risorse significative, circa 24,5 milioni in più rispetto alla precedente. La prima fase di attuazione è stata caratterizzata da ritardi significativi legati alla mancanza di indicazioni certe e regole chiare a livello nazionale. Per questo siamo fortemente impegnati con il Distretto di pesca nord adriatico, di cui fanno parte anche le Regioni Friuli Venezia Giulia e Veneto a rispettare i tempi stabiliti a livello comunitario per la conclusione delle attività. A partire da questi bandi  che sono un passo concreto per sostenere il processo di ammodernamento del settore”.
 Il Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca 2014-2020 nasce per favorire la competitività delle piccole e medie imprese nel settore della pesca e dell’acquacultura. All’Emilia-Romagna sono state assegnate risorse per complessivi  39,5 milioni di euro, contro i 15 milioni assegnati nel periodo 2007-2013. Un’ importante opportunità  per costruire una nuova stagione di sviluppo e di rilancio per il settore. Per l’attuazione del Feamp ogni Stato adotta un Programma operativo. Quello italiano prevede sei priorità articolate in misure e un’azione trasversale relativa all’assistenza tecnica. Delle sei priorità, due sono gestite direttamente dal Mipaaf  (quelle relative alla Politica comune della pesca e  alla Politica marittima integrata), quattro dalle Regioni. Queste le priorità regionali: la pesca sostenibile  e innovativa  che potrà contare su circa 11,2 milioni di euro di risorse  complessive;  lo sviluppo dell’acquacoltura con risorse pari a  14,3 milioni di euro; l’occupazione e lo sviluppo territoriale con 5,8 milioni euro; la  commercializzazione e  la trasformazione  dei prodotti della pesca con  6,3 milioni di euro. Infine per l’assistenza tecnica a supporto degli interventi sono previste risorse pari a 1,9 milioni.
I bandi, pubblicati sul Burert n. 96 del 10 aprile e n. 62 del 14 marzo, sono anche online sul portale regionale agricoltura: http://agricoltura.regione.emilia-romagna.it/.
Anche l’assessore regionale all’Agricoltura, Caccia e Pesca della Regione Lazio, Carlo Hausmann, annuncia che “Con una dotazione finanziaria di 2,2 milioni di euro, diamo il via al bando Feamp (Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e per la Pesca) 2014-2020, per sostenere la trasformazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura”. Questa misura (la 5.69) concorre a migliorare la competitività delle micro, piccole e medie imprese attraverso il finanziamento di investimenti che: contribuiscono a risparmiare energia, migliorano la sicurezza, l’igiene, la salute e le condizioni di lavoro, sostengono la trasformazione delle catture di pesce commerciale che non possono essere destinate al consumo umano, si riferiscono alla trasformazione dei prodotti dell’acquacoltura biologica e portano a prodotti, a processi e a sistemi di gestione nuovi o migliorati. L’aiuto pubblico ammonta al 50% della spesa ammissibile che dovrà essere da un minimo di 15.000 euro a un massimo di 1 milione di investimento. Una scelta orientata a dare anche alle più piccole realtà imprenditoriali, l’opportunità di migliorare le attività di pesca e le condizioni di lavoro. L’attivazione del bando è stata preceduta da una serie di incontri con le associazioni della pesca e l’acquacoltura del Lazio per confrontare e condividere strategie e obiettivi. “Vogliamo utilizzare al meglio il FEAMP – ha sottolineato l’assessore Hausmann – per dare concretezza alle grandi potenzialità di sviluppo della pesca nel Lazio. Abbiamo iniziato con l’avviso pubblico sulla selezione dei Gruppi di Azione Costiera (FLAG) e continuiamo con l’apertura del bando oggi e su altri 3 bandi che apriremo entro l’estate. Con una dotazione complessiva di 2 milioni di euro infatti, raccoglieremo i progetti per i porti, i ripari di pesca e i luoghi di sbarco (misura 1.43), per la commercializzazione (misura 5.68) e per l’aumento del potenziale dei siti di acquacoltura (misura 2.51)”. L’avviso pubblico “Trasformazione dei prodotti della pesca e trasformazione” è pubblicato sul Burl numero 30 supplemento 1 del 13/04/2017 ed è consultabile su www.regione.agricoltura.lazio.it
Sempre nell’ambito della programmazione comunitaria relativa al Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (FEAMP) anche la Giunta regionale del Veneto ha approvato ulteriori 13 bandi per accedere ai contributi per le misure di intervento previste dal programma operativo nazionale. I bandi, che hanno una dote finanziaria di 1.470.387 euro tra finanziamento comunitario, quota nazionale e quota regionale, diventeranno operativi dopo il parere della terza commissione consiliare. I bandi adottati daranno infatti attuazione alla programmazione Feamp 2014/2020 per le misure in gestione alla Regione del Veneto secondo la tripartizione consueta delle quote: 50% di quota comunitaria per 735.193,50 euro, 35% di quota nazionale per 514.635 euro e 15% di quota regionale per 220.558 euro. “Con l’attivazione di questi 13 bandi – commenta l’assessore regionale alla pesca, Giuseppe Pan - sono rese disponibili le risorse FEAMP ad esaurimento delle disponibilità per l’esercizio 2017. In precedenza, sono stati approvati altri 15 bandi per l’attivazione di 23 misure di intervento e per un totale di risorse pubbliche pari a 7,2 milioni. In totale, quindi, quest’anno la Regione ha messo in moto 8,7 milioni per il settore ittico”. I nuovi bandi sono finalizzati allo sviluppo sostenibile della pesca: gli interventi finanziabili riguardano l’innovazione nelle piccole e medie imprese ittiche, la creazione di posti di lavoro, la diversificazione del reddito, i collegamenti in rete, lo sviluppo di attività complementari, il sostegno all’avviamento per giovani pescatori, la protezione e il ripristino della biodiversità degli ecosistemi marini , il miglioramento dell’efficienza energetica dei pescherecci, gli investimenti nelle strutture portuali per i pescatori nelle acque interne, servizi di gestione per le imprese, interventi per lo sviluppo dell’acquacoltura. Ogni bando riporta le specifiche modalità di attuazione nonché i limiti minimi e massimi delle spese ammissibili e la quota di contributo erogabile in favore dei progetti che saranno utilmente inseriti nelle rispettive graduatorie.

[Emilia - Romagna] Pesca. Dalla Regione in arrivo oltre 2,6 milioni di euro per migliorare le infrastrutture dei porti e sostenere i giovani che vogliono diventare pescatori
[Lazio] REGIONE LAZIO: AL VIA BANDO DA 2,2 MILIONI PER LA TRASFORMAZIONE DELLA PESCA E DELL’ACQUACOLTURA
[Veneto] PESCA: ASSESSORE PAN, “PRONTA L’APERTURA DI ALTRI 13 BANDI DI ASSEGNAZIONE FONDI FEAMP – IN TOTALE SONO 8,7 MLN I FONDI DESTINATI AL SOSTEGNO DEL SETTORE”


( red / 14.04.17 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top