Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3148 - venerdì 21 aprile 2017

Sommario
- Marini: determinati a dare un futuro alla politica regionale di coesione
- Il futuro della politica regionale di coesione
- Programma nazionale di riforma (PNR) 2017: il contributo delle Regioni
- Consiglio di Stato su obbligo di vaccinazione
- Referendum su autonomia: Maroni e Zaia, proposta la data del 22 ottobre
- Atti della Conferenza Stato-Regioni del 6 aprile
- Atti della Conferenza Unificata del 6 aprile

Documento della Conferenza delle Regioni del 6 aprile

+T -T
Programma nazionale di riforma (PNR) 2017: il contributo delle Regioni

(Regioni.it 3148 - 21/04/2017) La Conferenza delle Regioni, nella riunione del 6 aprile ha approvato una “Posizione sul programma nazionale di riforma 2017”.
Il documento contiene anche il “contributo delle Regioni e delle Province autonome al Programma Nazionale di Riforma 2017 (PNR 2017)”, un Riepilogo best practices e la “Griglia consuntiva degli interventi”, testi che sono stati trasmessi dal presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, al ministro dell’economia, Pier Carlo Padoan e al Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Sandro Gozi.
L’intera documentazione è disponibile nella sezione “Conferenze” del sito www.regioni.it o nella specifica directory www.regioni.it/pnr (dove dono riportati anche gli analoghi documenti degli anni precedenti).
Si seguito si riporta il testo della sola posizione assunta dalla Conferenza.
Posizione della Conferenza delle Regioni e delle province autonome sul programma nazionale di riforma 2017
La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, considerato
- che il Programma Nazionale di Riforma (PNR) confluisce, insieme al Programma di Stabilità e Crescita (PdS), nel Documento di Economia e Finanza (DEF) da presentare alla Commissione europea entro il 15 aprile di ogni anno;
- che il PNR 2017 è il documento mediante il quale ogni Stato membro presenta le specifiche politiche che intende realizzare per conseguire finalità comuni, sostenibilità delle finanze pubbliche e riforme strutturali, nonché i propositi per realizzare gli obiettivi di crescita ed occupazione, in osservanza delle Raccomandazioni europee specifiche per Paese (Country Specific Recommendations -CSR) del semestre europeo e ai decennali obiettivi (Target) della Strategia Europa 2020;
- che le Regioni e le Province autonome intendono essere protagoniste delle riforme strutturali per lo sviluppo e la crescita del Paese;
- che tutte le Regioni e le Province autonome hanno predisposto un proprio contributo sullo stato di implementazione delle riforme in atto a livello regionale sui temi oggetto delle Raccomandazioni Specifiche della Commissione europea e sullo stato di realizzazione degli obiettivi della strategia UE2020;
- che sulla base di questi contributi, la struttura tecnica di supporto (il Regional team per il PNR - Re.Te. PNR), costituita nell’ambito della collaborazione tra Cinsedo e Tecnostruttura delle Regioni, ha predisposto il contributo delle Regioni mediante modelli standard e linee guida per favorire la predisposizione di contributi paragonabili (Focus delle Regioni e delle Province autonome);
- che il processo di redazione del contributo, attraverso l’analisi delle CSR annuali, la sensibilizzazione dei referenti regionali PNR e l’organizzazione di seminari tematici rappresenta il monitoraggio e l’analisi comparata dei processi di riforma regionali, anche per favorire la diffusione delle informazioni tra Regioni e la riconduzione degli interventi alle macromisure tematiche strategiche e prioritarie;
- che il PNR 2017 è anche un’occasione per effettuare una lettura di raccordo con la programmazione 2014-2020 dei Fondi SIE ( gli interventi di riforma rilevati dalle Regioni, classificati per macromisure tematiche, secondo le indicazioni contenute nelle CSR del semestre europeo, e i target della Strategia Europa 2020 sono stati ricondotti, laddove possibile, ai Risultati Attesi (RA), previsti dall’Accordo di Partenariato 2014-2020;
- che le macromisure e i risultati attesi contenuti nel contributo delle Regioni al PNR 2017 sono anche contributi al raggiungimento degli obiettivi dell’agenda 2030 (Sustainable Development Goals -SDGs) delle Nazioni Unite;
ritiene che l’apporto delle Regioni e delle Province autonome sia indispensabile per rendere il PNR uno strumento di governance multilivello, richiesto come standard europeo.
Il ruolo delle Regioni è essenziale, in quanto canale di implementazione, adeguamento e completamento del Programma Nazionale di Riforma, affinché lo stesso costituisca un effettivo strumento di sviluppo strategico regionale, nazionale ed europeo.
Roma, 30 marzo 2017

Contributo delle Regioni e delle Province autonome
al Programma Nazionale di Riforma 2016 (PNR 2017)

PNR 2017 - Riepilogo best practices

 
PNR 2017 – Griglia consuntiva degli interventi


Documento Approvato - PNR 2017: POSIZIONE REGIONI SUL PROGRAMMA NAZIONALE DI RIFORMA PER IL DEF

 



( red / 21.04.17 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top