Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3176 - mercoledì 7 giugno 2017

Sommario
- Vaccinazioni: Saitta su tempi e modalità
- UE: Conferenza Regioni e Confindustria su politica di coesione
- Conferenza Regioni giovedì 8 giugno
- Un Paese in via di sviluppo sostenibile
- Rapporto dell'Agenzia europea delle droghe
- Ocse: ripresa Italia moderata
- Gazzetta Ufficiale: la rassegna di Maggio

+T -T
Un Paese in via di sviluppo sostenibile

Bonaccini conferma per l'8 giugno la firma del patto delle regioni del nord contro lo smog

(Regioni.it 3176 - 07/06/2017) Dopo il G7 di Taormina al quale e' emersa la volonta' degli Usa di Trump di chiamarsi fuori dagli Accordi sul clima di Parigi "io rivendico il fatto che da parte nostra, da parte italiana insieme alla Francia e Germania, abbiamo preso una posizione che non e' solo di conferma degli accordi di Parigi ma e' anche importante perche' sottolinea l'impegno a non rinegoziare gli accordi. Questa sarà la sfida dei prossimi mesi". Paolo Gentiloni, presidente del Consiglio, lo dice al convegno Asvis 'Italia 2030: un Paese in via di sviluppo sostenibile' in corso alla Camera. Al summit di Taormina "sì, sono state ribadite parole importanti nei documenti ufficiali sull'Agenda 2030 e sull'empowerment femminile e sull'action plan innovazione e lavoro, ma sulla trincea piu' tosta dei temi ambientali, quella del clima- avverte Gentiloni- si e' verificata una divisione fra i 6 paesi da una parte e gli USA dall'altra". Con Francia e Germania "non siamo solo a un si' o un no agli accordi ma siamo a un si' o a un no alla partecipazione al Green fund che sostiene i Paesi piu' poveri" nell'impegno salvaclima, dice il capo del Governo, "Italia, Francia e Germania hanno detto non solo che restiamo negli accordi ma che siamo contrari a una rinegoziazione di quegli accordi e di quegli impegni".  L'Italia, conclude Gentiloni, "fara' la sua parte nel delineare e assumere nelle prossime settimane a livello di governo la nostra strategia di sviluppo sostenibile"
Si è dunque concluso, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il primo Festival dello Sviluppo Sostenibile, organizzato dall’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS). Nel corso dell’evento, che si è svolto nell’Aula dei Gruppi della Camera dei Deputati, sono stati presentati alle istituzioni i principali messaggi emersi durante i 221 eventi organizzati in tutta Italia nel corso dei 17 giorni del Festival, tanti quanti sono gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile sottoscritti dall’Italia nel settembre del 2015 all’Assemblea Generale dell’ONU.
Il Presidente del Consiglio dei Ministri Paolo Gentiloni Silveri, la Vicepresidente della Commissione europea Federica Mogherini, il Direttore generale della Banca d’Italia Salvatore Rossi, il presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini, del Consiglio Nazionale dell’ANCI Enzo Bianco e della Conferenza dei Rettori Gaetano Manfredi sono intervenuti per commentare i risultati del Festival e indicare la direzione da intraprendere per portare l’Italia su un sentiero di sviluppo sostenibile.
Il primo Festival italiano dello sviluppo sostenibile, attraverso convegni, presentazioni di libri, spettacoli, laboratori, flashmob, attività sportive e molto altro ancora, ha coinvolto decine di migliaia di persone di tutte le età nelle diverse aree del Paese. Nel corso del Festival sono stati 2.300 i relatori che hanno animato gli eventi, tra cui otto Ministri (Alfano, Calenda, De Vincenti, Fedeli, Franceschini, Galletti, Martina, Poletti).
“L’agenda politica internazionale delle ultime settimane, dal G7 alla posizione di Trump sul clima – sottolinea Pierluigi Stefanini, Presidente dell’ASviS – ha mostrato come le politiche per lo sviluppo sostenibile non riguardino solo la dimensione ambientale, ma anche quella economica e sociale. E l’Italia può e deve essere tra i paesi leader in questo campo, ma deve mettere questi temi al centro del dibattito culturale e politico”.
Per questo l’ASviS (www.asvis.it) ribadisce le sue proposte sia per varare con urgenza la Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile, visto anche l’impegno assunto per la sua presentazione all’High Level Political Forum dell’Onu di luglio prossimo, sia per rafforzare la governance delle politiche per lo sviluppo sostenibile, attraverso:
- l’inserimento nella Costituzione del principio dello sviluppo sostenibile, come già fatto in Francia e Svizzera, a tutela delle future generazioni;
‑l’assunzione da parte del Presidente del Consiglio della responsabilità delle politiche economiche, sociali e ambientali necessarie per attuare la Strategia italiana per lo sviluppo sostenibile, come già fatto nei principali paesi europei;
‑la trasformazione del Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE) in Comitato interministeriale per lo sviluppo sostenibile, così da orientare gli investimenti pubblici a questo fine;
‑il coinvolgimento delle Regioni e dei Comuni nelle politiche per lo sviluppo sostenibile, attraverso la Conferenza Unificata;
‑la costituzione di un organismo di consultazione della società civile, come fatto in Germania, Francia e altri paesi europei, per l’attuazione della Strategia nazionale di sviluppo sostenibile.
Il successo del Festival e della sua formula innovativa (www.festivalsvilupposostenibile.it) ha confermato l’attenzione crescente alla cultura dello sviluppo sostenibile – in senso ambientale, economico, sociale e istituzionale - che caratterizza il nostro Paese.
Inoltre, durante il Festival, rilevanti aree della società italiana, dalle scuole alle università, dal mondo delle imprese e della finanza a quello della pubblica amministrazione, hanno assunto impegni concreti per cambiare l’attuale paradigma di sviluppo e i propri comportamenti. In questo senso vanno:
1)la dichiarazione congiunta firmata da sei delle più importanti confederazioni imprenditoriali nazionali (Alleanza Cooperative Italiane, Confederazione Italiana Agricoltori, Confcommercio, Confindustria, CNA e Federazione Banche, Assicurazioni e Finanza), nella quale sono stati presi impegni precisi per far crescere la cultura dello sviluppo sostenibile in tutti i settori di attività economica. 
2) La proposta di “Agenda per lo sviluppo urbano sostenibile”, a curadi Urban@it e ASviS, che verrà sottoposta all’ANCI in autunno, dopo una  consultazione pubblica;
3) il manifesto per il consumerismo sostenibile nel quale le associazioni dei consumatori e delle imprese della distribuzione aderenti a Consumers’ Forum si impegnano per far crescere la cultura del consumo responsabile;
4) le centinaia di eventi del ForumPA 2017, dedicato al tema della pubblica amministrazione per lo sviluppo sostenibile, cui hanno partecipato circa 17mila visitatori; il primo evento pubblico organizzato dalla Rete delle Università per lo sviluppo sostenibile nel corso del quale è stato elaborato un “manifesto delle università per la sostenibilità”, per individuare strumenti e obiettivi da proporre a livello nazionale e internazionale.
Il presidente della regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini, partecipando al seminario ha confermato che l'8 giugno "con Chiamparino, Maroni e un assessore di Luca Zaia firmeremo un accordo per la riduzione dell'inquinamento atmosferico nella parte piu' inquinata del paese, la pianura padana, dove vivono 23-24 milioni di persone. In quella sede renderemo note le misure che concordiamo di adottare". Del resto, aggiunge Bonaccini,  "lo smog non ha colore politico e nemmeno confini geografici. E' venuto il tempo di prenderci responsabilita' e fare politiche che vadano nella direzione dello sviluppo sostenibile".

Dal canale web Tv della Camera dei Deputati:
CONVEGNO - "Italia 2030: un Paese in via di sviluppo sostenibile" - Presenti Mattarella e Boldrini
Dal canale youtube di Regioni.it
https://youtu.be/Zdc4PCs_pmQ
https://youtu.be/p0b2CRvekHU
https://youtu.be/gA96qv7Gg0U
Link:
dichiarazione congiunta firmata da sei delle più importanti confederazioni imprenditoriali nazionali
http://www.asvis.it/public/asvis/files/Patto_Ass_Impr_1-6_finale.pdf
proposta di “Agenda per lo sviluppo urbano sostenibile
http://www.asvis.it/public/asvis/files/Agenda-sviluppo-urbano-sost-02.pdf
manifesto per il consumerismo sostenibile
http://www.consumersforum.it/files/ricerche/CF_Pieghevole_sostenibilita_def.pdf



( red / 07.06.17 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top