Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3189 - lunedì 26 giugno 2017

Sommario
- Comunali 25 giugno: il dibattito nel centrosinistra
- Comunali 25 giugno: Toti, Maroni e Zaia
- Comunali 25 giugno: i risultati
- Immigrazione: Rapporto annuale SPRAR
- Terremoto: per ricostruzione fondi Ue al 95% e da Bei un miliardo di euro
- Atti della Conferenza Unificata dell'8 giugno

+T -T
Comunali 25 giugno: Toti, Maroni e Zaia

(Regioni.it 3189 - 26/06/2017) Le elezioni amministrative del 25 giugno rappresentano uno spartiacque per il centrodestra. I risultati ottenuti sono infatti un buon viatico e motivo di riflessione sul futuro della coalizione.
Il centrodestra unito - è questo il dato politico più rilevante - vince ai ballottaggi in 16 città, mentre il centrosinistra diviso prende 6 capoluoghi. Passano al centrodestra città come Genova e Pistoia.
Il presidente della regione Liguria, Giovanni Toti, sottolinea che “gli elettori ci vogliono uniti”. “L'altro messaggio – aggiunge Toti in un'intervista al quotidiano la Stampa - è che non abbiamo bisogno di uomini della Provvidenza, di personaggi come Calenda, i Montezemolo e Draghi di turno. Le risorse e le energie li abbiamo al nostro interno".
“Io sono per il maggioritario", afferma Toti a proposito della legge elettorale, “per un premio alla coalizione, occorre dire agli elettori prima del voto cosa vogliamo fare".
“Si vince tutti insieme, - ribadisce Toti - con Meloni, Salvini, Fitto, e Alternativa popolare. Non possiamo essere la retroguardia rispetto agli elettori che vogliono un nostro profondo rinnovamento".
Per il presidente della regione Veneto, Luca Zaia, “la vittoria del centrodestra è limpida e testimonia ovunque la bocciatura di quanto realizzato finora da questo governo”. Per Zaia il risultato dei ballottaggi delle amministrative "è un ottimo auspicio lungo il cammino verso il referendum sull'autonomia del 22 ottobre". Per quanto riguarda il Veneto, “mi sembra che la grande vittoria di Federico Sboarina, a Verona, sia uno dei dati piu' significativi a livello nazionale”. La sconfitta di Padova, invece, è dovuta alla "logica dei numeri", e non al candidato Massimo Bitonci che "ha portato a casa un grande risultato".
“Il modello Lombardia, il modello Liguria, è il modello del centrodestra che vince”. E’ questa la prima considerazione del presidente della regione Lombardia, Roberto Maroni.
“Tutti uniti si vince, l'unione fa la forza”, sottolinea Maroni, in quanto in “Lombardia, e non solo, abbiamo vinto quasi ovunque”.
“Chi ha perso, - aggiunge Maroni - faccia mea culpa e pensi a dove ha sbagliato”.
“Quindi – conclude Maroni - mi auguro si parli di più e si trovi un'intesa sulla legge elettorale”.
Per Toti “occorre pensare a un centrodestra 4.0 che guardi al futuro. Credo che ci sia la benzina del motore per farlo dopo questa vittoria”.
“Il rapporto tra Lega e Forza Italia – afferma Toti - è solido, sano, serio e basato su programmi e obiettivi comuni. Lo stiamo portando avanti qui in Liguria da due anni, da oltre decennio in Lombardia e Veneto credo non sia un rapporto da inventare ma, semmai, sistemare, tarare, da fargli un tagliando, da organizzare meglio, ma questo vale anche nel rapporto con Fratelli d'Italia e con tutte le anime civiche e centriste che fanno parte a pieno titolo della coalizione".
Per Zaia il risultato “rappresenta un ottimo auspicio lungo il cammino verso il referendum sull'autonomia del 22 ottobre, data che segnerà un vero e proprio rinascimento per il Veneto ma anche per tutte quelle regioni che vorranno intraprendere lo stesso percorso”.
Anche Maroni sottolinea di essere concentrato “sul referendum, di cui si è parlato tanto anche in campagna elettorale, e questo mi fa ben sperare sull'esito e la partecipazione”.



( Giuseppe Schifini / 26.06.17 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top