Regioni.it

n. 3208 - lunedì 24 luglio 2017

Sommario

+T -T
Centri per l'impiego: interventi in alcune Regioni

(Regioni.it 3208 - 24/07/2017) La Toscana è in prima fila per cercare di risolvere il problema dei Centri per l’impiego, essendo passata la loro gestione dalle Province alle Regioni.
Sono in arrivo dalla Toscana oltre 12 milioni di euro destinati a progetti volti a rafforzare la capacità dei servizi sociali, come avviare misure formative personalizzate progettate insieme ai Centri per l'impiego. In tal senso è stato dato anche il via libera al rinnovo della convenzione tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e la Regione Toscana, che fa seguito all'Accordo Stato-Regioni Province Autonome dello scorso dicembre, per la proroga per il 2017 dell'attività dei Centri per l'impiego.
La convenzione regola i relativi rapporti e gli obblighi in relazione alla gestione dei servizi per il lavoro e delle politiche attive del lavoro. Son così stabiliti anche gli impegni di carattere finanziario: in particolare è stabilito che il costo del personale a tempo indeterminato e delle spese di funzionamento sia per due terzi a carico del ministero e per un terzo a carico della Regione Toscana.
“Confidiamo che la firma della convenzione costituisca un ulteriore passo in avanti per uscire dalla fase di transitorieta' e instabilita' in cui si trova il mercato del Lavoro – spiega l'assessore regionale Cristina Grieco, coordinatrice della commissione Istruzione e lavoro della Conferenza delle Regioni - Ora siamo giunti al punto in cui e' necessario superare la fase transitoria e dare stabilità al sistema italiano dei servizi e delle politiche attive per il lavoro sin dal 2018". "Per poter procedere in maniera compiuta alla riorganizzazione dei CPI – afferma Grieco - occorrerà affrontare e risolvere alcune questioni cruciali: il trasferimento del personale a tempo indeterminato, ancora alle dipendenze delle Province, alle Regioni, sostenere i Lep (livelli essenziali di prestazioni equivalenti), attraverso risorse e nazionali stabili. E ancora, l'approvazione del Piano di rafforzamento dei servizi e delle misure di politica attiva, come quadro di riferimento per orientare l'utilizzo delle risorse legate verso obiettivi concordati per il miglioramento e la qualificazione dei servizi per l'impiego”.
La regione Liguria ha invece fatto un accordo con il Ministero del Lavoro per il riconoscimento di tutti i dipendenti del Centri per l’impiego. L’assessore della regione Liguria al Lavoro, Gianni Berrino, spiega che “il ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha finalmente riconosciuto, per il 2017, alla Regione Liguria, tutti i 205 dipendenti, a tempo indeterminato, dei Centri per l’impiego, sanando i difetti del 2015 e del 2016, anni in cui lo stesso ministero ci aveva riconosciuto solo 156 dipendenti”.
“Conseguentemente al riconoscimento del numero corretto dei dipendenti – aggiunge Berrino – saranno erogati 6,2 milioni di euro per il funzionamento dei servizi per l’impiego, un importo superiore a quelli dei due anni precedenti visto che erano parametrati solo su 156 dipendenti. La decisione, molto attesa e frutto di un lungo lavoro di dialogo col ministero, consente di dare continuità alle attività dei Centri per l’impiego e quindi ai servizi ai cittadini, su una tematica così nevralgica e sentita come il lavoro”.
Infine nelle regioni Marche ed Umbria si sono svolti degli incontri con i sindacati per fare il punto sulle criticità derivanti dalla necessità di un finanziamento pluriennale e strutturale da parte nazionale per il funzionamento dei Centri per l’impiego oltre che la prospettiva della riorganizzazione nel contesto regionale.
Nelle Marche è pronta la riorganizzazione ed i collegamento alla rete telematica regionale dei Centri per l’impiego: 13 sedi e 20 distaccamenti sparsi sul territorio con  risorse dedicate attraverso il Fondo sociale europeo 2014-2020 per 20,8 milioni di euro utilizzati anche per i piani di rafforzamento. L’Intesa prevede un tavolo permanente di confronto che rafforzi il comune impegno a ricercare convergenze per la promozione, il miglioramento e l’efficientamento dei Centri per l’impiego marchigiani. I temi portanti sono: il finanziamento delle politiche del lavoro, i livelli essenziali delle prestazioni e stabilizzazioni dei lavoratori precari.
La programmazione della regione Marche prevede interventi e azioni a sostegno delle politiche attive del lavoro con 288 milioni di risorse provenienti dal Fondo sociale europeo.
In particolare sono prioritari gli interventi nelle aree del sisma a favore della ricostruzione, riorganizzazione dei centri per l’impiego, utilizzo sinergico dei fondi europei, massimo sostegno alla formazione attraverso il sistema duale scuola lavoro, ricollocazione lavorativa con incentivi all’assunzione per le imprese.

[Toscana] Centri impiego, convenzione Regione-Ministero e proroga dei contratti a termine

[Friuli Venezia Giulia] Formazione: Panariti, impegno Regione per favorire inclusione

[Toscana] Assegno di ricollocazione al via, ecco il bando e le scadenze per richiederlo

[Toscana] Alla Toscana 12 milioni per il rafforzamento delle misure di contrasto alla povertà

[Liguria] LAVORO: REGIONE LIGURIA, OK DEL MINISTERO DEL LAVORO AL RICONOSCIMENTO DI TUTTI I DIPENDENTI A TEMPO INDETERMINATO DEI CENTRI PER L’IMPIEGO.

[Abruzzo] GARANZIA OVER: GEROSOLIMO, FINANZIATE AD OGGI 743 ASSUNZIONI

[Trento] Iscrizioni ai "gruppi di sostegno attivo alla ricollocazione", termine prorogato al 31 luglio

[Toscana] Grieco: "Avanti con la formazione. Efficace contro disoccupazione". Irpet presenta "Esiti occupazionali della formazione professionale'

[Toscana] Voucher formativi e di ricollocazione, via lbera al nuovo avviso. Grieco:"Ampliati i beneficiari"  

[Umbria] centri per l’impiego, precisazioni circa incontro con sindacati

[Lazio] REGIONE LAZIO: VALENTE, AL VIA CONTRATTO DI RICOLLOCAZIONE GENERAZIONI PER INOCCUPATI TRA 30 E 39 ANNI

[Marche] CENTRI PER L’IMPIEGO: INTESA REGIONE SINDACATI PER LA RIORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI

[Umbria] centri per l’impiego, a palazzo donini incontro tra regione e organizzazioni sindacali

[Marche] LAVORO: PROGRAMMAZIONE INTERVENTI 2017 CONDIVISA CON SINDACATI E CATEGORIE. RISORSE PER 288 MILIONI  

 

 



( Giuseppe Schifini / 24.07.17 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata


time
0.062s