Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3226 - lunedì 11 settembre 2017

Sommario
- Maltempo Livorno: Rossi, 3 milioni per interventi urgenti
- Fondo non autosufficienze 2017: raccomandazioni per l'intesa
- Bonaccini: serve federalismo a perimetro variabile
- Al via il nuovo anno scolastico
- Vaccinazione obbligatoria: l'informazione nelle Regioni
- Oliverio su sanità e lavoro in Calabria

+T -T
Vaccinazione obbligatoria: l'informazione nelle Regioni

(Regioni.it 3226 - 11/09/2017) Come già evidenziato in un precedente articolo (cfr. Regioni.it dell'8 settembre) le Regioni hanno predisposto delle linee guida rispetto alle norme sull’obbligo della vaccinazione dei bambini nelle scuole, con l'obiettivo di facilitare l’informazione sui servizi che si svolgono sul territorio e sugli adempimenti che servono.
La Basilicata ha pubblicato “Vaccinazioni obbligatorie in pillole” sulla home page del sito istituzionale, spiegando che da quest'anno per frequentare la scuola, in base a quanto stabilito dalla legge 119, è obbligatorio essere vaccinati: “Le certificazioni previste per l’iscrizione ai nidi e alle scuole dell’infanzia devono essere presentate entro il 10 settembre, mentre quelle per la scuola dell'obbligo (scuola primaria, scuola secondaria di primo grado, scuola secondaria di secondo grado, centri di formazione professionale regionale) entro il 31 ottobre. L'obbligo riguarda i ragazzi fino ai 16 anni”.
Anche la Provincia autonoma di Bolzano ha raccolto in un portale web - all'indirizzo www.provincia.bz.it/salute - le linee guida: “Grazie ad un nuovo layout più chiaro e semplice - commenta l'assessore Martha Stocker - riusciamo a dare maggiore visibilità anche alle nostre campagne di sensibilizzazione, come ad esempio quelle sulla donazione degli organi, sulla lotta alla dipendenza dall'alcool e su uno stile di vita sano”.
Il Veneto ha pubblicato due documenti riguardanti l’argomento dell’obbligatorietà dei vaccini, in particolare la lettera del presidente Luca Zaia nella quale si comunica al Governo la richiesta di parere al Consiglio di Stato sull’articolo 3 bis comma 5 della legge 119. Si tratta: 1) Lettera del Presidente della Regione del Veneto alle Ministre Lorenzin e Fedeli in data di oggi con la quale si comunica l’opportunità di richiedere al Consiglio di Stato il parere in merito al contenuto dell’articolo 3 bis comma 5 della legge nazionale nr. 119; 2) Schema di richiesta di parere al Consiglio di Stato.
La regione Puglia e l'Ufficio scolastico regionale sono impegnati per rendere semplice e agevole la produzione della documentazione, che “già a partire dai prossimi mesi sarà resa disponibile nei reciproci sistemi informativi. Con la collaborazione dei dipartimenti di prevenzione delle Asl e della società che gestisce l'anagrafe vaccinale regionale, si sta mettendo a punto un sistema che, incrociando gli elenchi degli alunni iscritti con i dati presenti nel sistema informativo regionale, darà immediata indicazione degli alunni in regola (codici verdi) degli alunni che devono completare la profilassi (codici gialli) e degli alunni che non sono in regola con gli obblighi vaccinali (codici rossi)”.
In Pimeonte saranno direttamente le Asl ad avvisare le famiglie non in regola con gli obblighi vaccinali, inviando una lettera contenente la prenotazione delle sedute, la data e l’ora della convocazione. Sarà a disposizione anche il numero verde regionale 800.333.444. “Intendiamo rassicurare le famiglie piemontesi sul fatto che, nell’attuazione del decreto vaccini, disagi e difficoltà burocratiche saranno ridotti al minimo – spiega l’assessore regionale alla Sanità, Antonio Saitta - e non sarà necessario rivolgersi di persona ai centri vaccinali, ma saranno le Asl ad effettuare automaticamente le prenotazioni per le sedute vaccinali da recuperare, mentre per chi è già in regola basterà una semplice dichiarazione”.
L'assessore al Welfare della regione Lombardia, Giulio Gallera, ha sottolineato come sia stata messa in moto “la macchina per promuovere una corretta informazione sul tema delle vaccinazioni e per agevolare le modalita' di accesso alla documentazione di idoneita' vaccinale che a partire dal prossimo mese di settembre deve essere obbligatoriamente presentata per l'iscrizione all' anno scolastico 2017/2018, ad asili nido, scuola dell'infanzia e scuola dell'obbligo, di minori da 0 a 16 anni. Posso, infatti, già annunciare che dal mese di gennaio 2018 sara' possibile scaricare il certificato vaccinale, che avra' valore legale, in tempo con la scadenza fissata per il 10 marzo, accedendo automaticamente al fascicolo sanitario elettronico, attraverso la propria tessera sanitaria Cns o quella dei propri figli".
In Calabria il presidente Mario Oliverio ha sottoscritto il protocollo d'intesa “Rilascio certificazioni per obbligo vaccinale”. “Ciascun Asp – è scritto nel Protocollo d'Intesa – procederà alla verifica della situazione vaccinale di ogni iscritto e si attiverà in via prioritaria, per i bambini di fascia di età 0-6 anni, contattando le famiglie di coloro che risulteranno non in regola, al fine della loro regolarizzazione ai sensi della Circolare n. 25233 del 16/08/2017 del Ministero della Salute”. Alla fine di questo percorso Le Asp comunicheranno alle strutture scolastiche ed educative interessate i nominativi dei bambini ancora non in regola.

[Basilicata] LEGGE NAZIONALE SULL'OBBLIGO VACCINALE

[Bolzano] Salute, online il nuovo portale web della Provincia

[Veneto] VACCINI: LETTERA PRESIDENTE REGIONE A LORENZIN E FEDELI E RICHIESTA DI PARERE AL CONSIGLIO DI STATO SU ARTICOLO 3 BIS COMMA 5 DELLA LEGGE 119.

[Puglia] VACCINI OBBLIGATORI DA 0 A 16 ANNI. COSA FARE PRIMA CHE INIZI LA SCUOLA

[Lombardia] VACCINAZIONI, GALLERA: A SETTEMBRE PER ISCRIZIONE A SCUOLA SUFFICIENTE AUTOCERTIFICAZIONE

[Piemonte] DECRETO SULL’OBBLIGO DEI VACCINI LA REGIONE SEMPLIFICA LE PROCEDURE PER LE FAMIGLIE

[Calabria] Stop ai certificati vaccinali. Acquisizione diretta delle Scuole attraverso le Asp. Siglato protocollo d'intesa Regione-Ufficio Scolastico Regionale



( Giuseppe Schifini / 11.09.17 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top