Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3231 - lunedì 18 settembre 2017

Sommario
- Regionalismo: dibattito in corso fra referendum e richieste di autonomia
- I numeri del cancro in Italia: Rapporto Aiom-Airtum
- Mattarella inaugura anno scolastico a Taranto
- Turismo all'aria aperta: audizione Regioni il 19 settembre
- Femminicidio: 19 settembre, le Regioni alla Commissione d'inchiesta
- Emergenza cinghiali: le dichiarazioni di Pepe, Mai e Fava
- 40° Confederazione agricoltori italiani a Roma il 20 settembre

+T -T
Emergenza cinghiali: le dichiarazioni di Pepe, Mai e Fava

(Regioni.it 3231 - 18/09/2017) il 14 settembre la Commissione politiche agricole della Conferenza delle Regioni, che riunisce i soli assessori all'agricoltura, ha lanciato un vero e proprio allarme rispetto all'emergenza fauna selvatica (cfrr. Regioni.it n.3229). Un problema che secondol'assessore della Regione Abruzzo, Dino Pepe, "Non è più rinviabile, in quanto ha ormai travalicato il confine dei danni causati alle colture agricole, per trasformarsi in una problematica anche di interesse pubblico e di sicurezza. Il proliferare delle popolazioni di alcune specie, in particolare del cinghiale, rappresentano un pericolo concreto per l'incolumità pubblica e, in molti casi, ha avuto risvolti drammatici con la perdita di numerose vite umane".
Il Liguria si è aperta  domenica 17 settembre, nelle zone consentite, la caccia al cinghiale. In base alle analisi effettuate dall’Università di Genova, è stato determinato in 28.838 capi il contingente massimo abbattibile, su scala regionale. A livello provinciale, suddivisi per ambiti territoriali e comprensori alpini, i contingenti sono: 5.220 a Imperia, 9.350 a Savona, 9.860 a Genova e 4.408 alla Spezia. “Il prelievo venatorio – spiega l’assessore regionale alla Caccia Stefano Mai – è sicuramente un’azione importante per prevenire lo spostamento nelle aree urbane da parte degli ungulati. Stiamo studiando anche altre misure per stroncare questo pericoloso fenomeno, ad esempio attraverso il foraggiamento dissuasivo nelle aree extraurbane e, come nel caso del Comune di Genova, facendo una seria manutenzione alle recinzioni nelle zone di confine con le aree boschive”. Anche l'assessore Mai, come già aveva fatto il cooordinatore della commissione , Leonardo Di Gioia, ha sottolineato che “È prioritario che il governo doti le Regioni di strumenti normativi idonei per affrontare un fenomeno che, come è emerso anche nella commissione politiche agricole del 15 settembre, è un’emergenza nazionale. Come Regione Liguria – continua l’assessore Mai - siamo stati “apri pista” per una revisione normativa che vada incontro alle legittime istanze del mondo agricolo. Purtroppo è ancora disatteso, da parte del governo, l'ordine del giorno che abbiamo approvato in Conferenza delle Regioni, e da noi fortemente voluto, sulla richiesta di modifica all'articolo 19 della legge 157/1992 sul controllo della fauna selvatica. Pertanto, continueremo a sollecitare, insieme ai colleghi delle altre Regioni, un intervento deciso, in tutte le sedi competenti, perché siano tutelate le nostre imprese agricole da questo che ormai è un fenomeno fuori controllo”. 
In merito alla decisione del Consiglio dei ministri di impugnare la legge regionale lombarda numero 19 del 17 luglio 2017 sulla gestione faunistico-venatoria del cinghiale e il recupero degli ungulati feriti, è intervenuto l'assessore all'Agricoltura della Lombardia, Gianni Fava: c'è la "presunta pretesa che, come riportato da alcune agenzie di stampa, alcune norme in materia di prelievo venatorio violino la competenza esclusiva dello Stato in materia di tutela dell'ambiente e dell'ecosistema". A questo punto, secondo Fava, "corre l'obbligo di dichiarare che ancora una volta il governo sceglie di coprirsi di ridicolo, arrecando gravi disagi ai cittadini e agli agricoltori facendosi scudo di un centralismo patetico, antistorico, figlio della più farraginosa burocrazia borbonica". E "Ancora una volta succede, come per le nutrie, che il governo si opponga alle soluzioni individuate da Regione Lombardia". "Ora - conclude Fava - i fanatici di questo governo imbalsamato abbiano il coraggio di spiegare ai cittadini come intendono contenere le popolazioni di cinghiali e ungulati presenti allo stato selvatico e come pensano di salvaguardare le colture agricole e la biodiversita' e, ancora, quali illuminati piani hanno per tutelare l'incolumita' delle persone e la sicurezza dei trasporti".

 


( red / 18.09.17 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top