Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3231 - lunedì 18 settembre 2017

Sommario
- Regionalismo: dibattito in corso fra referendum e richieste di autonomia
- I numeri del cancro in Italia: Rapporto Aiom-Airtum
- Mattarella inaugura anno scolastico a Taranto
- Turismo all'aria aperta: audizione Regioni il 19 settembre
- Femminicidio: 19 settembre, le Regioni alla Commissione d'inchiesta
- Emergenza cinghiali: le dichiarazioni di Pepe, Mai e Fava
- 40° Confederazione agricoltori italiani a Roma il 20 settembre

+T -T
I numeri del cancro in Italia: Rapporto Aiom-Airtum

(Regioni.it 3231 - 18/09/2017) Nel Rapporto “I numeri del cancro in Italia 2017” sull’incidenza dei tumori nel nostro Paese – pubblicato da AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica) e AIRTUM (Registri Tumori) - si segnala un significativo aumento dei casi di tumore in Italia: sono 369 mila quelli stimati nel 2017 contro i 365.800 del 2016. E se al Nord sono più numerosi i casi di tumore, al Sud si sopravvive di meno. Si registra un vero e proprio "boom"di diagnosi di cancro del polmone fra le donne: 13.600 nel 2017 (+49% in 10 anni), dovuto alla forte diffusione del fumo.
In generale aumentano i tumori a pancreas, tiroide e melanoma, diminuiscono le neoplasie allo stomaco e al colon-retto. Si rileva anche come “oggi oltre 3 milioni e trecentomila cittadini (3.304.648) vivono dopo la diagnosi, addirittura il 24% in più rispetto al 2010”.
Nel 2014 sono stati 177.301 i decessi attribuibili al cancro. Le neoplasie rappresentano la seconda causa di morte (29% di tutti i decessi) dopo le patologie cardio-circolatorie (37%). Il tumore che ha fatto registrare nel 2014 il maggior numero di decessi è quello al polmone (33.386), seguito da colon-retto (18.671), mammella (12.330 decessi), pancreas (11.186) e stomaco (9.557).
I cittadini che si sono ammalati nel 2005-2009 hanno una sopravvivenza migliore rispetto a chi è stato colpito dalla malattia nel quinquennio precedente sia negli uomini (54% vs 51%) che nelle donne (63% vs 60%).
Le percentuali più alte a 5 anni si registrano in Emilia-Romagna e Toscana sia negli uomini (56%) che nelle donne (65% donne). Si spiega quindi che i migliori stili di vita al Sud hanno comportato, ad esempio, un numero di casi inferiore del 41% al Sud per tumore al seno, al polmone tra le donne e alla prostata.
Le 5 neoplasie più frequenti nel 2017 nella popolazione sono quelle del colon-retto (53.000 nuovi casi), seno (51.000, in crescita solo nelle fasce di età dove si è avuto un ampliamento dello screening, cioè fra i 45-49 anni e nelle over 70), polmone (41.800), prostata (34.800) e vescica (27.000).
“Emerge una forte difformità tra il numero di nuovi casi registrati al Nord rispetto al Centro e Sud sia negli uomini che nelle donne – spiega Lucia Mangone, presidente AIRTUM -. In particolare, al Nord ci si ammala di più rispetto al Sud. Il tasso d’incidenza tra gli uomini è più basso dell’8% al Centro e del 17% al Sud/Isole rispetto al Nord e per le donne del 5% e del 18%. Alla base di queste differenze vi sono fattori protettivi che ancora persistono al Sud, ma anche una minore esposizione a fattori cancerogeni (abitudine al fumo, inquinamento ambientale ecc). Per contro, al Sud si sopravvive di meno: nelle regioni meridionali, dove gli screening oncologici sono ancora poco diffusi, non si è osservata la riduzione della mortalità e dell’incidenza dei tumori della mammella, colon-retto e cervice uterina”.
Scrive il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, nella prefazione del volume 'I numeri del cancro in Italia 2017': “E' necessario continuare a promuovere campagne di sensibilizzazione perchè il 40% dei casi di tumore può essere evitato seguendo uno stile di vita sano, e con la prevenzione si possono inoltre generare risparmi e liberare risorse che potrebbero essere indirizzate alla promozione di progetti di ricerca e alla disponibilità di nuove terapie”.
 

 



( Giuseppe Schifini / 18.09.17 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top