Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3235 - venerdì 22 settembre 2017

Sommario
- Istat: conti economici nazionali
- Saitta: detenuti abbiano un proprio medico di famiglia
- Crisi Catalogna: Pittella, Kompatscher, Pigliaru, Zaia e Maroni
- Beni culturali: "Piano grandi progetti", soddisfazione dalle Regioni
- "Cantiere Calabria": tre giorni su prospettive e scenari della Regione
- Femminicidio: impegni e proposte contro la violenza di genere
- Conferenza nazionale sulla famiglia: il 28 e 29 settembre a Roma

+T -T
Istat: conti economici nazionali

Draghi: giovani non vogliono vivere con i sussidi

(Regioni.it 3235 - 22/09/2017) L'indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche in rapporto al Pil è stato pari nel 2016 al -2,5%. Lo rileva l'Istat che fornisce alcuni dati economici del nostro Paese.
Altro dato rilevato dall’Istat è una pressione fiscale che nel 2016 è stata pari al 42,7% del Pil. Lo rileva l'Istat che così rivede in calo, in miglioramento, la stima precedente (42,9%).
Sempre nel 2016 il Pil ai prezzi di mercato risulta pari a 1.680.523 milioni di euro, con una revisione al rialzo di 8.085 milioni rispetto alla stima precedente. Per il 2015 il livello del Pil risulta rivisto verso l'alto di 6.714 milioni di euro. Quindi l'Italia nel 2015 ha registrato una crescita dell'1,0%, mentre nel 2016 la crescita del Pil in volume è stata pari allo 0,9% e il rapporto debito-Pil si è attestato al 132% da 132,6%.
L'Istat, intanto, rivede i dati sulla crescita negli ultimi due anni. Una revisione al rialzo per il 2015 (da +0,8% a +1,0%) e la conferma per il 2016, numeri che si consolidano grazie all'aumento dei consumi delle famiglie, molto meglio delle stime di marzo: da +1,5% a +2,0% per il 2015, da +1,3% a +1,5% per il 2016.
Il reddito disponibile delle famiglie è in crescita dell'1,6% sia in valore nominale, sia in termini di potere d'acquisto. Poiché i consumi privati sono aumentati dell'1,5%, la propensione al risparmio delle famiglie è aumentata all'8,6% dall'8,4% del 2015.
Il presidente della Bce, Mario Draghi, ha confermato l’andamento positivo dell’economia: “il Pil dell'Eurozona è in crescita da 17 trimestri consecutivi, creando nel complesso oltre 6 milioni di posti di lavoro”, e ha spiegato che "dal picco del 24% nel 2013, la disoccupazione giovanile è scesa intorno al 19% nel 2016 ma è ancora di circa 4 punti percentuali più alta rispetto all'inizio della crisi nel 2007”. Il presidente della Bce ha però puntualizzato che "nel 2016 circa il 17% dei giovani tra i 20-24 anni non studia, non lavora e non fa formazione”.
Draghi pertanto sottolinea che “i giovani non vogliono vivere con i sussidi. Vogliono lavorare ed allargare le proprie opportunità ed oggi, dopo la crisi, i governi sanno come rispondere alle loro richieste e come creare un ambiente in cui le loro speranze possano avere una opportunità”.





( Giuseppe Schifini / 22.09.17 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top