Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3249 - venerdì 13 ottobre 2017

Sommario
- Gentiloni su legge di bilancio: dobbiamo incoraggiare la ripresa
- Bonaccini all'Assemblea Anci: più risorse per gli investimenti
- Mercato Interno Ue: posizione sulla proposta di Regolamento
- Legge elettorale: le analisi di De Luca, Toti e Rossi
- Sanità: monitoraggio 2015 sui livelli essenziali di assistenza
- Agricoltura: firmata la Carta del Biologico di Bergamo

+T -T
Legge elettorale: le analisi di De Luca, Toti e Rossi

(Regioni.it 3249 - 13/10/2017) Dopo il via libera alla Camera, la nuova legge elettorale denominata “Rosatellum” dal nome del relatore, passa ora al vaglio del Senato. Alcuni presidenti di regione hanno commentato l’andamento di questi passaggi politici.
Critico il presidente della regione Toscana, Enrico Rossi, che ritiene un' umiliazione del Parlamento la fiducia: "Gli comoda così e chi se ne frega della democrazia. Chiude alla Camera una legislatura con una maggioranza composta da Pd, Forza Italia, Lega, alfaniani e verdiniani. Hanno pensato che gli comodasse così, soprattutto per le larghe intese di domani. Non essendo sicuri di se stessi, mettono la fiducia umiliando il Parlamento e facendo una schifezza di legge elettorale”. Rossi è tra i fondatori di Articolo Uno – Mdp. “Noi di Articolo Uno - afferma Rossi - continueremo a dare battaglia in Senato e nel Paese. Non abbiamo ancora perso e comunque lotteremo in difesa della democrazia, come sinistra, seria e responsabile. Non permetteremo che si riduca la politica ad arrogante 'abuso di potere e ribellismo populista' scavando ancora di più il fossato tra cittadini e istituzioni democratiche”.
“Ora facciamo il passaggio in Senato – afferma il presidente della regione Liguria, Giovanni Toti – e portiamo a casa una legge elettorale soddisfacente, poi parleremo di programmi e collegi". Il Rosatellum "favorisce nei collegi le aggregazioni. Chi saprà costruire delle coalizioni sufficientemente vaste sarà avvantaggiato. Per governare occorre costruire programmi condivisi e coalizioni. Mi auguro che produca un effetto positivo e cioè aggregazione a destra e a sinistra e un confronto serio sui programmi”. Toti quindi aggiunge che “il Rosatellum non sarà la migliore legge possibile ma è la miglior legge sulla quale si è trovata una convergenza parlamentare sufficientemente vasta da approvarla”. Questa legge elettorale, evidenzia infine Toti "ha alcuni aspetti assolutamente positivi: l'introduzione di una quota maggioritaria che ci auguriamo dia stabilità e governabilità alla prossima legislatura anche se non è scontato, perché la quota maggioritaria non è enorme" e "i collegi che sono uno strumento di riconoscibilità dell'eletto nei confronti dell'elettore. Quando si trovano le mediazioni si lascia tutti un po' contenti e un po' scontenti ma siccome il meglio è nemico del bene e il 'benaltrismo' è un esercizio retorico molto diffuso in Italia quindi meglio il Rosatellum che andare a votare con due leggi scollegate e incoerenti”.
Per il presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca, il “Rosatellum” è un distillato di mediazioni: “Realizza un equilibrio tra diverse forze politiche. Per essere approvata, una legge ha bisogno di una maggioranza e per trovarla occorre mediare, il distillato di queste mediazioni è il Rosatellum”. “Uno schema di legge elettorale serio avrebbe comportato altre scelte – afferma De Luca - per me doveva essere con la soglia di sbarramento al 5% in Germania è al 7% e con voto maggioritario, si vota nei collegi chi prende più voti viene eletto e il riparto si fa su base nazionale". “Questo sistema - aggiunge De Luca - garantirebbe maggioranza certa e la trasparenza su chi deve governare, nessun sistema elettorale è perfetto, ma sicuramente garantisce un livello minimo di governabilità e di semplificazione della vita democratica". "Stiamo andando verso un periodo che ci regalerà trattative e riunioni interpartitiche – sottolinea De Luca - perché nessuno può governare da solo. Per fare un altro sistema ci vogliono i voti che non c'erano e dunque beccatevi il Rosatellum”.





( gs / 13.10.17 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top