Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3250 - lunedì 16 ottobre 2017

Sommario
- Legge di Bilancio: via libera dal Consiglio dei Ministri
- Elezioni Austria: dalle istituzioni regionali commenti su vittoria Kurz
- Sicurezza nel lavoro per vigili del fuoco e polizia: parere sul decreto
- Forum "CompraVerde-BuyGreen": premi per le buone pratiche
- Valle d'Aosta: nuova Giunta, Laurent Vièrin è il Presidente
- Laurent Vièrin, presidente Valle d'Aosta: la scheda biografica

+T -T
Valle d'Aosta: nuova Giunta, Laurent Vièrin è il Presidente

Intervista al quotidiano “laVallée”

(Regioni.it 3250 - 16/10/2017) Nel corso della riunione del Consiglio regionale della Valle d’Aosta di venerdì 13 ottobre 2017 si è insediata la nuova Giunta regionale, presieduta da Laurent Viérin.
La nuova Giunta della Valle d’Aosta è così composta:
- Presidente della Regione: Laurent Viérin (Union Valdôtaine Progressiste)
- Vicepresidente e Assessore all’istruzione e cultura: Emily Rini (Union Valdôtaine)
- Assessore alle attività produttive, energia, politiche del lavoro e ambiente: Jean-Pierre Guichardaz (PD – Sinistra VdA)
- Assessore al bilancio, finanze, patrimonio e società partecipate: Ego Perron (Union Valdôtaine)
- Assessore all’agricoltura e risorse naturali: Alessandro Nogara (Union Valdôtaine Progressiste)
- Assessore alle opere pubbliche, difesa del suolo e edilizia residenziale pubblica: Mauro Baccega (Edelweiss Popolare Autonomista Valdostano)
- Assessore alla sanità, salute e politiche sociali: Luigi Bertschy (Union Valdôtaine Progressiste)
- Assessore al turismo, sport, commercio e trasporti: Aurelio Marguerettaz (Union Valdôtaine).
Il nuovo presidente Laurent Viérin, che è stato assessore all’Agricoltura della precedente Giunta, ha rilasciato un’intervista al quotidiano “laVallée” nella quale spiega che “Questa legislatura è iniziata con una contrapposizione di 18 a 17, frutto della legge elettorale approvata nel 2006, che non ha certamente favorito la governabilità, condizionando pesantemente l'azione amministrativa e la stabilità politica di questi ultimi anni. Ed è anche a seguito di questa ingovernabilità che abbiamo, ad un certo punto, abbandonato il muro contro muro e cercato delle soluzioni che dessero delle risposte ai bisogni della gente. Il governo Marquis era un governo di scopo costituitosi per risolvere alcune urgenze, in primis la legge elettorale. Sin dall'inizio dell'estate ne avevamo peraltro denunciato la mancanza di coesione e le visioni diverse su troppi temi. L'approvazione della legge elettorale, la messa in sicurezza finanziaria del Casinò de la Vallée e il rilancio dell'agricoltura sono stati portati a compimento. Si trattava, secondo noi, di lavorare durante l'estate per costruire un nuovo progetto politico che superasse le divisioni e che unisse i valdostani. E questo per andare ad elezioni sì, ma superando la frammentazione dell'area unionista ed autonomista, confrontandosi su programmi e contenuti, alla luce anche della nuova legge elettorale che prevede un premio di maggioranza se si raggiunge la soglia del 42 percento, legge votata da tutti i gruppi consiliari, tranne L'Altra Valle d'Aosta e i Cinque Stelle. Un progetto innovativo per asssicurare quella governabilità e la coesione indispensabili per attuare i processi di riforma necessari per modernizzare la Valle d'Aosta e salvaguardarne le prerogative statutarie, evitando di ritrovarci nella medesima situazione di questa legislatura. Purtroppo hanno prevalso altre logiche e alcuni non hanno colto la bontà di questo progetto, che oggi altri elementi però confermano”.
Quindi il presidente Laurent Viérin spiega il progetto politico che ha portato alla nuova Giunta della Valle d’Aosta: “Abbiamo proposto in Consiglio regionale il progetto del Rassemblement, progetto nel quale credo con tutto me stesso, quale valore innanzitutto e poi quale strumento per unire le forze dei valdostani, dopo aver chiaramente indicato e concordato in un documento il cambiamento che era a tal fine necessario, e ci abbiamo lavorato tutta l'estate. Peccato che qualcuno abbia banalizzato e altri abbandonato tale progetto, perché oggi rimane indubbiamente l'unico in grado di riunire i valdostani”.



( gs / 16.10.17 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top