Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3260 - lunedì 30 ottobre 2017

Sommario
- Legge di bilancio: Conferenza delle Regioni il 2 novembre
- Sanità: via libera ad intese su risorse per il servizio sanitario nazionale 2017
- Istat: dati sul turismo nel 2016
- Emergenza incendi in Lombardia e Piemonte
- Dibattito su autonomia: Maroni, Bonaccini, Toti, Chiamparino, Viérin e Zaia
- Consiglio dei Ministri del 27 ottobre esamina alcune leggi regionali
- Si rafforza la collaborazione fra Assia ed Emilia-Romagna

Documento della Conferenza delle Regioni del 26 ottobre

+T -T
Sanità: via libera ad intese su risorse per il servizio sanitario nazionale 2017

Avviso favorevole anche per l'accordo sulle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi di carattere prioritario e di rilievo nazionale

(Regioni.it 3260 - 30/10/2017) Tre intese e un accordo della Conferenza Stato-Regioni del 26 ottobre suggellano il quadro finanziario del servizio sanitario nel 2017, già definito da un accordo che le Regioni avevano concluso  sin dal febbraio di quest'anno (cfr. "Regioni.it" n. 3108).
Si tratta nello specifico di:
- riparto delle disponibilità finanziarie per il servizio sanitario nazionale per l’anno 2017;
- ripartizione delle quote premiali per l’anno 2017;
- assegnazione delle quote vincolate alla realizzazione degli obiettivi del piano sanitario nazionale per l’anno 2017;
- accordo Governo-Regioni sulle linee progettuali per l’utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi di carattere prioritario e di rilievo nazionale per l’anno 2017.
L’intesa sui tre provvedimenti e l'avviso favorevole all’accordo sono stati espressi  con alcune considerazioni e richieste contenute in un documento (approvato dalla Conferenza delle Regioni e consegnato al Governo) riportato di seguito integralmente.
Intesa, ai sensi dell’articolo 115, comma 1, lettera a) del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112
Punto 1) O.d.g. Conferenza Stato-Regioni
- sullo schema di decreto del ministro della salute, di concerto con il ministro dell’economia e delle finanze, di ripartizione delle quote premiali per l’anno 2017
Intesa, ai sensi dell’articolo 2, comma 67 bis, della legge 23 dicembre 2009, n. 191
Intesa, ai sensi dell’articolo 1, comma 34bis, della legge 23 dicembre 1996, n. 662
Accordo, ai sensi dell’articolo 1, commi 34 e 34bis, della legge 23 dicembre 1996, n. 662
Punto 4) O.d.g. Conferenza Stato-Regioni
La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome esprime l’intesa sui primi tre provvedimenti in oggetto e avviso favorevole all’accordo sull’ultimo provvedimento, con le seguenti considerazioni e richieste.
Per l’anno 2017 il livello del finanziamento del fabbisogno sanitario nazionale standard cui concorre lo Stato è stato determinato, all’articolo 1, comma 392, della legge di bilancio n. 232 del 2016, in 113.000 milioni di euro.
Il Decreto 5 giugno 2017 "Rideterminazione del livello del fabbisogno sanitario nazionale" ha previsto una riduzione del livello di finanziamento del SSN di € 423.000.000 per l'anno 2017 e a decorrere dall'anno 2018 di € 604.000.000. Tale rideterminazione deriva dalla mancata sottoscrizione dell'accordo tra Governo e Autonomie speciali relativo al contributo delle stesse al risanamento dei conti pubblici.
Detto importo viene ridotto di € 325.000.000 e di € 500.000.000 per consentire il finanziamento, rispettivamente, del Fondo per il concorso al rimborso alle Regioni per l’acquisto dei medicinali innovativi e del Fondo per il concorso al rimborso alle Regioni per l’acquisto dei medicinali oncologici innovativi.
Pertanto il livello del finanziamento del Servizio Sanitario Nazionale è di 111.751,99 milioni di euro.
La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome nella riunione del 23 febbraio 2017 ha definito l’Accordo politico per la ripartizione delle risorse per il SSN per l’anno 2017 e nella riunione del 9 marzo 2017 e ha approvato le Matrici anno 2015 ai fini della predisposizione della tabella relativa alla mobilità sanitaria interregionale del riparto delle risorse per il Servizio Sanitario Nazionale anno 2017.
Vengono proposte dal Ministero della Salute tre intese per il riparto dei Fondi, rispettivamente per la Quota indistinta, per le Quote premiali e per gli Obiettivi di carattere prioritario del PSN e un accordo sulle linee progettuali per l’utilizzo delle risorse vincolate agli obiettivi prioritari di PSN.
Il Decreto Ministeriale sulle modalità di ripartizione dei due Fondi dedicati ai farmaci innovativi è stato recentemente inviato alle Regioni per una valutazione ai fini dell’iscrizione in una prossima seduta della Conferenza Stato Regioni.
Si evidenzia in questa sede l’eccessiva frammentarietà delle risorse.
Il superamento del frazionamento delle risorse, con la confluenza di tutti i fondi nell’ambito del riparto della quota indistinta del fabbisogno sanitario standard, da effettuarsi entro i primi mesi dell’anno, darebbe certezza alla programmazione in ambito regionale. Inoltre, il sistema di verifica degli adempimenti regionali di cui al Tavolo e al Comitato istituiti a seguito dell’Intesa tra lo Stato e le Regioni 23 marzo 2015 già costituisce un robusto e articolato strumento di valutazione sull’erogazione e sulle condizioni di erogazione dei Lea nelle singole Regioni. Il Nuovo Sistema di Garanzia, la cui predisposizione è in fase finale, costituisce un ulteriore livello di misurazione dei servizi sanitari regionali.
Approvare in chiusura d’anno le linee progettuali per l’utilizzo delle risorse vincolate agli obiettivi di piano dell’anno in corso costituisce mera formalità, ma avvio di un lavoro burocratico-amministrativo per le Regioni (predisposizione dei progetti e loro successiva rendicontazione) e per il Ministero (approvazione dei progetti e finale approvazione dei risultati, per lo svincolo del 30% delle risorse). Ad oggi la liquidazione finale è ferma all’anno 2012.
Si chiede pertanto al Ministero della Salute di snellire le procedure e di ancorare la liquidazione del 30% alla chiusura del processo di verifica degli adempimenti regionali.
Inoltre, coerentemente con quanto riportato nel documento della Conferenza delle Regioni e Province autonome per la riunione monotematica con il Ministro della Salute del 22 giugno 2017, sì chiede di aprire una riflessione sul superamento dell'istituto degli obiettivi di PSN che, così come attualmente configurato e organizzato, porta dubbi benefici al SSN, a fronte di ingenti aggravi procedurali.
Sotto il profilo tecnico, il riparto relativo alla Quota indistinta, pari a € 108.948.660.735, comprende, tra l’altro, le risorse per la cura dalla dipendenza dal gioco d’azzardo, per il concorso al rimborso alle Regioni per l’acquisto di vaccini ricompresi nel Nuovo Piano Nazionale Vaccini e per il concorso al rimborso alle Regioni degli oneri derivanti dai processi di assunzione e stabilizzazione del personale del Servizio Sanitario Nazionale.
Congiuntamente al riparto della Quota premiale, pari a € 281.442.500, il riparto ministeriale è sovrapponibile al riparto oggetto dell’Accordo politico tra i Presidenti del 23 febbraio (ripartiti nella proposta ministeriale 10 mln in più circa).
Il riparto relativo alle quote vincolate alla realizzazione dei progetti per il perseguimento degli obiettivi di carattere prioritario e di rilievo nazionale – totale complessivo € 1.500.000.000 - è pari a € 1.233.784.000.
La differenza viene destinata per 175 milioni alla costituzione del Fondo farmaci innovativi e per 91,216 alla costituzione di accantonamenti (compresi 10 milioni da ripartire a favore delle Regioni colpite dal terremoto).
Degli accantonamenti, 32,5 milioni sono destinati a "finalizzazioni da definirsi a seguito di autorizzazione legislativa"; ad oggi, la finalizzazione è operata dal decreto-legge 16 ottobre 2017 n. 148 per 21,5 milioni; le risorse non finalizzate da disposizioni legislative entro l’anno, dovranno riconfluire nel riparto delle Regioni.




( sm / 30.10.17 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top