Regioni.it

n. 3268 - martedì 14 novembre 2017

Sommario

+T -T
14 novembre: giornata mondiale del diabete

Iniziative in tutte le Regioni

(Regioni.it 3268 - 14/11/2017) Oltre 400 milioni di persone adulte nel mondo  e le stime per il futuro non sono incoraggianti: entro il 2040 ci saranno quasi 650 milioni di malati. Una malattia spesso subdola, molto conosciuta nel nome ma poco nella vita reale, e per questo a volte curata male o in ritardo.
Anche per questi motivi il diabete è al centro di una Giornata Mondiale, istituita nel 1991 dall'International Diabetes Federation e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che si celebra ogni anno il 14 Novembre. Per la Giornata Mondiale del Diabete 2017 dal 6 al 18 novembre saranno almeno un migliaio in tutta Italia le iniziative legate alla conoscenza e alla prevenzione della patologia. La Giornata ha il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero del lavoro e delle Politiche sociali, del Ministero della Salute, del Coni, della Croce Rossa Italiana, dell’Anci, e di Iapb, Onda e Sia, con la media partnership di Rai – Responsabilità sociale.
“Il tema della Giornata Mondiale del Diabete del 2017, così come indicato dalla IDF, è ‘Le donne ed il Diabete: il nostro diritto ad un futuro più sano’ – spiega Giovanni Lamenza, presidente di Diabete Italia Onlus, organizzazione che dal 2002 si occupa della campagna della GMD in Italia. Per tale motivo al centro della campagna ci sarà infatti il diabete gestazionale, ovvero quello che insorge durante una gravidanza. Un bambino su sette nasce da una madre cui è stato diagnosticato il diabete gestazionale. Inoltre le donne che soffrono di diabete sono circa 199 milioni nel mondo e due donne su cinque di quelle con diabete sono in età riproduttiva e pertanto intraprendono una gravidanza da diabetiche”. “Per le donne in gravidanza, sia che soffrano già di diabete sia che lo manifestino durante l’attesa – dichiara Concetta Suraci, diabetologa e coordinatrice della Giornata – è necessario assicurare un migliore accesso alle cure e a percorsi educativi adeguati dato che il diabete durante la gravidanza può causare vari problemi, sia alla donna che al feto. Promozione della salute e diagnosi precoce del diabete devono far parte di ogni visita preconcezionale, ed è necessario effettuare lo screening per il diabete gestazionale in tutte le donne a rischio secondo i tempi e le modalità previsti dalle linee guida. Con la prevenzione e corretti stili di vita si può affrontare serenamente la gravidanza senza rischi per la salute della madre e del bambino”. La maggior parte delle donne che ha presentato un diabete gestazionale alla fine della gravidanza ritorna alla normalità ma circa il 35% continua a presentare un elevato rischio di sviluppare un diabete di tipo 2 entro cinque – dieci anni; questa probabilità si riduce con un attento monitoraggio (la donna deve effettuare un test da carico dopo 6 settimane dal parto ed eventualmente ripeterlo nel tempo), con una corretta alimentazione e con l’attività fisica e se la mamma allatta il suo bambino. “Il diabete gestazionale – afferma Stefano Cianfarani, Presidente della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica – è pericoloso anche per i figli: i bimbi nati da una madre che ha presentato questa patologia in gravidanza possono andare incontro a sovrappeso e obesità e se non seguono stili di vita adeguati potrebbero sviluppare un diabete di tipo 2 anche in giovane età. In ambito di prevenzione: è necessario educare i più piccoli ad uno stile di vita sano, abolendo le merendine e sostituendole con cibi sani e abituandoli fin da piccoli a svolgere attività fisica in modo regolare e combattendo la sedentarietà, ed in questo la scuola deve essere un alleato”. Buone abitudini che devono però restare anche una volta adulti. “Un corretto stile di vita – ricorda Alessandro Palmieri, Presidente Società Italiana di Andrologia – può essere determinante per contrastare il diabete di tipo 2, che a differenza del tipo 1, una patologia cronica che colpisce indipendentemente dal sesso e dall’età, è maggiormente presente in età adulta e la sua incidenza aumenta con l’età anagrafica. La prevenzione quindi deve far parte della vita di ciascuno, nessuno si senta al sicuro”. “Il diabete è una malattia in aumento, ma non tutti sanno che le donne sono particolarmente vulnerabili. Le Farmacie Comunali italiane, - afferma il presidente di Assofarm, Venanzio Gizzi - nel loro impegno di prossimità alla salute dei cittadini hanno accolto con entusiasmo la richiesta di collaborazione di Diabete Italia Onlus per la Giornata Mondiale del Diabete”. “Crediamo che le farmacie – continua il presidente Gizzi – debbano mettere la loro presenza sul territorio a disposizione di tutte quelle iniziative che mirano a rendere i cittadini più consapevoli e attenti ai corretti stili di vita. In alcuni casi abbiamo agito anche in prima persona, come ad esempio la recente campagna sui vaccini. Tutto ciò è in linea con la nostra idea di farmacia del futuro: un luogo in cui la distribuzione del farmaco è sempre più integrato con servizi di consulenza sanitaria, di cui la comunicazione preventiva è parte essenziale”. Durante la Giornata Mondiale del Diabete e nei giorni che vanno dal 6 al 18 Novembre verranno coinvolte 500 città d’Italia con migliaia di attività. Nelle piazze, nei gazebo e nei banchetti organizzati dai volontari sarà possibile per i cittadini valutare il rischio di sviluppare il diabete nei prossimi anni compilando un semplice questionario e ricevere suggerimenti e materiale informativo dedicati alla prevenzione e alla corretta gestione del diabete. Inoltre, molti servizi di diabetologia ed ambulatori di Medici di Medicina Generale saranno disponibili ad effettuare lo screening nei soggetti a rischio, lo stesso faranno più di 200 Farmacie Comunicali aderenti ad Assofarm. Saranno inoltre effettuati incontri di sensibilizzazione ed informazione presso diversi consultori; ed ancora saranno attivi i servizi di Diabetologia Pediatrica. A livello locale verranno organizzati moltissimi eventi collaterali: conferenze stampa, convegni, dibattiti pubblici, incontri con le autorità locali, spettacoli e, come in altre parti del mondo, illuminazione in blu di numerosi monumenti; grande spazio anche alla prevenzione con passeggiate, mini-maratone, fit-walking, ed altre attività sportive. Anche gli animali soffrono per il diabete e non sempre i padroni lo sanno e intervengono in tempo. “In Italia – sottolinea Marco Melosi, Presidente dell’Associazione Nazionale Medici Veterinari – si stima che vengano colpiti fino a un gatto o un cane ogni 100/200. Di solito si ammalano di diabete cani e gatti adulti o anziani, spesso sovrappeso: nel cane le femmine affette risultano essere il doppio rispetto ai maschi. Nel gatto invece risultano più colpiti i gatti castrati”. Anche per loro la prevenzione e le cure eseguite correttamente sotto la guida del veterinario, possono garantire una vita praticamente normale.
“La Regione Lazio è all’avanguardia nelle politiche per fronteggiare il diabete. Già nel 2015, per primi in Italia, abbiamo sviluppato un Piano regionale sulla malattia diabetica con il concorso delle associazioni dei pazienti. Nell’anno in corso, sulla base del piano, abbiamo avviato un monitoraggio delle politiche regionali sul diabete che prevede la partecipazione attiva dei cittadini”, ad affermarlo è Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio.
Ha preso il via anche in Umbria, durante la Giornata mondiale del diabete, il "Diaday", ovvero la campagna di screening nazionale del diabete in farmacia promossa da Federfarma. Fino al 20 novembre ci si potrà così recare in farmacia (121 quelle umbre che hanno aderito, 81 in provincia di Perugia e 40 in quella di Terni) per misurare gratuitamente l'indice glicemico e scoprire il grado di rischio. L'obiettivo è riconoscere chi è affetto da questa patologia senza saperlo e identificare i soggetti a rischio di contrarla, per tracciare anche un profilo terapeutico. "Siamo orgogliosi che questa campagna sia partita dall'Umbria e che Federfarma ne abbia fatto una campagna nazionale", ha detto  la presidente della Regione, Catiuscia Marini, in una conferenza stampa a Perugia.
La Regione Molise ha annunciato una capillare campagna di screening. . “Consapevoli – dichiara il presidente Paolo di Laura Frattura - del valore e della necessità della prevenzione come per altre patologie, anche per il diabete, una delle malattie purtroppo più diffuse nel nostro Molise, abbiamo deciso di potenziare le attività di screening indirizzate a tutti i nostri cittadini”.  Il
14 novembre è “Un’occasione importante per riflettere sulla prevenzione e sui nuovi percorsi che a breve avvieremo”, sottolinea il presidente che così annuncia: “Nelle prossime settimane rafforzeremo le attività di screening previste allo scopo di sensibilizzare e informare l’opinione pubblica sulla malattia, sui rischi che comporta per la nostra salute, sulla prevenzione e sulla gestione. Grazie all’impegno di tanti operatori del nostro Servizio sanitario regionale, offriremo ai nostri cittadini un’opera completa di prevenzione e indagine clinica di assoluta importanza. Con la nostra Asrem e l’iniziativa del Consultorio in piazza abbiamo già sperimentato e registrato la bellissima partecipazione dei molisani alle attività loro garantite per quanto riguarda la cura della persona e della salute".
Maggiori informazioni sulla Giornata, sulle iniziative correlate e sugli screening nelle varie regioni sono consultabili sul sito dedicato http://www.giornatadeldiabete.it/  e su Facebook https://www.facebook.com/giornatadeldiabete/
 


( red / 14.11.17 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata


time
0.062s