Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3273 - martedì 21 novembre 2017

Sommario
- Autonomia: a Milano incontro tra Governo, Lombardia ed Emilia-Romagna
- La sede dell'agenzia europea del farmaco sarà ad Amsterdam
- Istat: ultimi dati su Pil e disoccupazione
- Sistema nazionale anti-tratta: contributo delle istituzioni regionali
- Linee guida per la gestione dello spazio marittimo: parere sul decreto
- Scuola: educazione 0-6 anni, osservazioni per l'intesa sul fondo

+T -T
Autonomia: a Milano incontro tra Governo, Lombardia ed Emilia-Romagna

(Regioni.it 3273 - 21/11/2017) Si è svolto a Milano il secondo incontro istituzionale tra il Governo e le Regioni - Lombardia, Emilia-Romagna - che hanno chiesto maggiore autonomia su alcune materie.
Alla riunione hanno partecipato il sottosegretario agli Affari regionali, Gianclaudio Bressa, il presidente della Lombardia, Roberto Maroni e la delegazione dell'Emilia-Romagna.
Maroni ha spiegato che si discute di “istruzione, di grandi reti di trasporto, di coordinamento della finanza pubblica e di rapporti internazionali”, quindi poi il Governo “valuterà le richieste nel giro di due settimane e ci darà una risposta. A quel punto inizierà la trattativa vera e propria che mi auguro si concluda entro fine dicembre. A gennaio invece la trattativa sarà sulle risorse, da chiudere entro la fine di gennaio con un accordo che eviti la contaminazione della campagna elettorale”.
“Puntiamo a chiudere l'accordo - dichiara Bressa -. Siccome è una legge che deve essere approvata a maggioranza assoluta da Camera e Senato è difficile che possa avvenire da qui ai primi di gennaio. Però nel momento in cui noi da qui ai primi di gennaio abbiamo siglato l'accordo è importante”.
Comunque per Bressa “è assolutamente impossibile" che la Lombardia possa ottenere tutte le 23 materie trasferibili, nell'ambito della trattativa con il Governo per la maggiore autonomia. “Questo – spiega Bressa - è impossibile da un punto di vista Costituzionale così come è impossibile la richiesta del Veneto di trattenere i nove decimi delle tasse”.
“Stiamo parlando di un regionalismo differenziato – aggiunge Bressa - che è su singole materie e competenze" mentre "se fosse su tutte sarebbe una Regione a statuto speciale, cosa che non è possibile perché le regioni a statuto speciale sono definite dalla Costituzione”.
Bressa chiarisce inoltre che in questa fase “la sfida è per l'efficienza, per la maggiore qualità e capacità di incidere nella gestione dei servizi. Non è che alla fine di questo ci saranno delle risorse in più”.
Per l'assessore al Riordino istituzionale della Regione Emilia-Romagna, Emma Petitti - delegata dal Presidente Stefano Bonaccini, in missione istituzionale in Cina - all’uscita dall’incontro istituzionale spiega che “seguendo le impostazione che ci eravamo dati, sono stati affrontati i temi del coordinamento della finanza pubblica, della ricerca scientifica, della cultura e dell'Istruzione, delle infrastrutture, della rigenerazione urbana e anche il ruolo delle Regioni nelle politiche internazionali ed europee. A breve con il governo definiremo nello specifico competenze e risorse necessarie”.
"Come abbiamo sempre detto - afferma Petitti- questo nostro percorso si snoda assolutamente all’interno di un quadro di unità nazionale, con l’obiettivo di essere volano per una crescita dell’intero sistema-Paese. Abbiamo definito 12 materie sulle quali chiediamo maggiore autonomia, ma non escludo che, sulla base di un confronto con l'Assemblea legislativa, in sede di Commissioni, se ne possano aggiungere altre 4-5 relative a cultura, sport e agricoltura”.
Il vicepresidente dell'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna, Fabio Raineri, sottolinea che “il Governo, attraverso il sottosegretario Bressa, ha ribadito la volontà di andare in fondo con un documento da lasciare in eredita' al prossimo Governo in modo tale che si possa poi semplicemente passare alle Camere per l'approvazione".
“Qui l'appartenenza politica c'entra poco - afferma Raineri - perchè io sono in rappresentanza del Consiglio regionale, poi il fatto che io sia della Lega agevola la situazione, nel senso che sono assolutamente d'accordo con quello che si sta facendo in questi tavoli”.
“Ho visto molta sinergia tra Emilia-Romagna e Lombardia e altrettanta buona predisposizione da parte del Governo, - rileva Raineri - credo dunque si possa arrivare al più presto a un ottimo documento”.
Il prossimo incontro si dovrebbe svolgere a Roma tra il 30 novembre e i primi di dicembre.
Raineri quindi spiega come a Roma "si concluderà la prima parte politica dando spazio ai tavoli tecnici per poi riprendere il documento dopo il lavoro degli stessi tavoli tecnici. La strada è quella giusta – dichiara Raineri - anche con altre Regioni come Toscana e Puglia che stanno vedendo di buon occhio la cosa e stanno seguendo da vicino la trattativa”.
Intanto la regione Veneto ha chiesto al Governo di "avviare sin da subito" il negoziato per l'autonomia. Per il presidente Luca Zaia, dopo la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della proposta di legge statale per l'autonomia del Veneto, questa è “la base e l'oggetto del programma di negoziati che la regione del Veneto chiede di poter avviare sin da subito con il Governo”.



REGIONI. GOVERNO PREPARA MEMORANDUM AUTONOMIA PER POST ELEZIONI
 
 

Riferimento Newsletter precedente:
N. 3271 venerdì 17 novembre 2017
Autonomia: Emilia-Romagna e Lombardia al tavolo con il Governo

( gs / 21.11.17 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top