Regioni.it

n. 3278 - martedì 28 novembre 2017

Sommario

+T -T
Ocse: Italia in crescita se continua sulla strada delle riforme

(Regioni.it 3278 - 28/11/2017) L’Ocse indica che il Pil in Italia è in crescita: arriverà all'1,5% nel 2018 e scenderà all'1,3% nel 2019. I dati provengono dalle prospettive economiche 2018 dell'Ocse, ma l’Italia comunque non deve abbandonare le riforme per non rallentare la ripresa. Aumentano infatti i consumi privati con effetti positivi anche su investimenti ed export. Rallentare il ritmo delle riforme strutturali e il consolidamento dei conti pubblici dopo le elezioni programmate nella prima parte del 2018 “ridurrebbe la fiducia e farebbe deragliare una ripresa duratura”.
Le riforme contenute nella Manovra 2018 "rafforzeranno la crescita inclusiva e la riduzione del debito" in Italia. Ma anche all'estensione dei bonus fiscali per le imprese e i "miglioramenti" nell'edilizia. Bene anche l'introduzione da parte del governo di bonus permanenti per l'assunzione di giovani under 30, "conservando comunque le risorse per aumentare i salari dei funzionari".
Inoltre secondo l'Ocse la prevista introduzione dell'obbligo di fatturazione elettronica tra privati “è un importante passo avanti per ridurre l'evasione fiscale. Ridurre la soglia di pagamento in contanti completerebbe questi sforzi”.
L'Ocse sottolinea che la strategia del Governo per affrontare i problemi legati alla debolezza delle banche sta "dando i suoi frutti" e i crediti deteriorati degli istituti di credito cominciano a "diminuire".
Tra le altre rilevazioni c’è anche quella sulla partecipazione delle donne al mercato del lavoro che risulta aumentata, “meno della metà delle donne in età lavorativa sono occupate. Rafforzare le strutture per l'infanzia amplierà le opportunità di occupazione per le donne”.
Inoltre se il nuovo reddito di inclusione adottato dalle autorità italiane "verrà ben finanziato, consentirà una riduzione della povertà, soprattutto tra i bambini". E’ anche chiesto di proseguire gli sforzi per "aprire i servizi pubblici locali alla concorrenza". Infine, per l'Ocse, il "turnover dovuto al pensionamento di una quota importante di dipendenti pubblici nel prossimo futuro è una opportunità di ristrutturare la pubblica amministrazione".



( gs / 28.11.17 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata


time
0.078s