Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3311 - lunedì 29 gennaio 2018

Sommario
- Il 4 marzo elezioni regionali nel Lazio e in Lombardia
- Agroalimentare: Bonaccini e Oliverio esaltano l'export regionale
- Palermo Capitale italiana della cultura 2018
- Oms: aumentano casi antibiotico-resistenti nel mondo
- Conferenza Unificata il 31 gennaio
- Conferenza Stato-Regioni il 31 gennaio

+T -T
Palermo Capitale italiana della cultura 2018

(Regioni.it 3311 - 29/01/2018) Il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, in conferenza stampa al Teatro Massimo, poco prima della cerimonia di apertura di Palermo Capitale italiana della Cultura 2018 alla quale partecipera anche il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, e il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, ha annunciato che "La Regione ha deciso di istituire, a valere sul fondo per le autonomie, un contributo di un milione di euro, oltre al milione riconosciuto dal bando, al Comune di Palermo e a tutti quei Comuni che nei prossimi anni dovessero conquistare titoli a livello nazionale e internazionale per una specifica caratteristica. Penso ai Borghi, a eventuali competizioni per il miglior Barocco, per il miglior paesaggio, per il miglior patto di tradizione enogastronomica. Qui ci giochiamo la credibilità della nostra terra, tutto quello che potremo fare verrà fatto. Sono stato nella Valle dei Templi, mi dicevano che l'anno scorso hanno avuto 800 mila visitatori e ne erano contenti – ha aggiunto Musumeci -. Ma può un angolo così straordinario accontentarsi di 800 mila visitatori? La Valle dei Templi dovrebbe averne milioni... In Sicilia non abbiamo l'ambizione di guardare oltre, ci accontentiamo. Questa voglia di dover coniugare la rassegnazione all'egocentrismo dobbiamo superarla. Matera è diventata importante perche' la gente del luogo ha assunto piena consapevolezza della rinascita di quel luogo: questa è la scommessa che dobbiamo vincere ovunque in Sicilia".
Per questi motivi "La Regione siciliana non vuole restare spettatrice di fronte a un evento che è per Palermo riconoscimento ma anche straordinaria opportunità. Una prova generale perché il turismo culturale non si improvvisa".  E "A chi ci chiede se si mangia con la cultura noi dobbiamo rispondere sì, perché spendere sul fronte culturale non è mai un costo, è sempre un investimento e noi dovremmo trarre esempio da altre più fortunate reltà italiane straniere, noi abbiamo il dovere di giocarci tutte le carte di cui disponiamo".
Anche il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, durante la cerimonia di apertura al Teatro Massimo di Palermo Capitale italiana della Cultura 2018, ha sottolineato che l'oppotunità per il capoluogo siciliano  è in realtà "un'occasione per tutti gli italiani a cui sicuramente non sfugge la realtà di una città che ha sofferto e certamente non ha del tutto superato difficoltà sociali, che è stata anche al centro di lutti, minacce, che e' stata in qualche modo costretta a convivere con stereotipi a livello nazionale e internazionale. E' una città che sta cambiando, che va verso il futuro: questa è un'occasione per noi per dire grazie a Palermo da parte di tutti gli italiani che sono orgogliosi di questa città".
"La Sicilia, dal G7 di Taormina a Palermo capitale italiana della cultura, rinasce cercando di far fronte ai propri problemi, alle proprie difficoltà. Ci stiamo occupando in queste ore delle emergenze legate all'acqua, ai bacini idrici, stiamo lavorando con le autorità regionali e comunali sulla questione dei rifiuti all'insegna di quella che deve essere la leale collaborazione tra Governo nazionale e istituzioni locali. Non siamo impazziti. Non siamo qui a celebrare Palermo non rendendoci conto dei disagi e delle difficoltà che dobbiamo affrontare, questo però è un modo per rispondere alle difficoltà e per rilanciare la città e la Sicilia intera. Se non lo facciamo investendo sulle nostre qualita' in quale altro modo possiamo rilanciare questa straordinaria città e tutta l'Isola?".
Secondo il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, "Palermo e' una citta' che sa stare al mondo. Guai a chi pensa che si possa rinunciare a questa storia, a queste radici, e guai a immaginare che le radici possano essere utilizzate per chiuderci, per alzare muri: è la forza delle nostre radici che ci consente di dialogare senza chiusure e protezionismi. E' una lezione di questa città, che sarà esaltata dal ruolo di Capitale italiana della Cultura: sarà un modo per dire ancora una volta che il tesoro su cui molte delle nostre citta' puo' contare, che abbiamo ereditato, è un tesoro su cui dobbiamo investire, considerandolo rendita, ricchezza. Nel prossimo Cipe sarà previsto uno stanziamento del ministero ai Beni culturali per una grandissima biblioteca a Palermo di studi islamici dedicata a Giorgio La Pira. Il Mediterraneo non è mai stato forse come in questo momento parte del mondo in cui l'ordine, garantito un tempo da grandi superpotenze, sembra traballare, ma - ha aggiunto - contemporaneamente il Mediterraneo, per vari fattori, è una zona del mondo assolutamente fondamentale per il nostro destino. Dobbiamo essere in grado di dare un contributo al dialogo nel Mediterraneo".
"Sono certo  - ha detto il ministro dei beni e delle attivita' culturali e del turismo, Dario Franceschini - che l'anno europeo del patrimonio, nel corso del quale in tutta Europa ci saranno iniziative concentrate sul patrimonio culturale, contribuira' a far si che la cultura, e il Presidente del Consiglio sta lavorando molto su questo perche' l'Italia e' un paese guida su questi temi, diventi uno dei pilastri della costruzione europea". 

www.palermocapitalecultura.it






( sm / 29.01.18 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top