Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3314 - giovedì 1 febbraio 2018

Sommario
- Ferrovie regionali isolate: arrivano 440 milioni per la sicurezza
- Servizi trasfusionali: via libera al Decreto
- Enea: proposte regionali per il polo sulla fusione nucleare
- Via libera alla riforma dell’ordinamento penitenziario
- Sicurezza nelle città: Accordo nella Conferenza Unificata del 24 gennaio
- Contratti pubblici per stazioni appaltanti: formazione straordinaria
- Atti Conferenza Stato-Regioni del 24 gennaio

+T -T
Enea: proposte regionali per il polo sulla fusione nucleare

(Regioni.it 3314 - 01/02/2018) Per il polo nazionale sulla ricerca della fusione nucleare sono state presentate dalle regioni nove proposte all’Enea - Abruzzo, Campania, Emilia-Romagna con un sito in tandem con la Toscana, Lazio, Liguria (con due siti), Piemonte, Puglia e Veneto -  al fine di avere la possibilità di ospitare la Divertor tokamak test facility (Dtt), il più grande polo nazionale di ricerca sulla fusione nucleare che prevede investimenti per 500 milioni di euro. Con queste risorse si stima che la DTT potrà avere un ritorno nel tempo sul territorio ospitante di circa 2 miliardi di euro e avrà la possibilità di impiegare oltre 1.500 addetti, tra diretti e indotto.
Le regioni interessate si candidano quindi ad entrare ora nella fase della valutazione per individuare l'area che, sulla base di criteri oggettivi e di analisi costi/benefici, presenta le migliori caratteristiche tecniche, scientifiche ed economiche.
L’Enea spiega che la Commissione di esperti ora dovrà esaminare le proposte e valutarne la rispondenza ai requisiti essenziali del bando – come ad esempio un'estensione tra 4 e 6 ettari, la compatibilità con il piano regolatore urbanistico, le certificazioni ambientali, la presenza di infrastrutture e aree industriali e le eventuali sinergie con queste - e poi elaborare una graduatoria.
Il polo sulla fusione nucleare dovrà, ad esempio, rispondere a gestire i grandi flussi di potenza prodotti dal plasma combustibile e testare nuovi materiali, come i metalli liquidi, a prova di temperature elevatissime.
La regione Emilia-Romagna spiega il sostegno anche dalla regione Toscana e dai comuni dell'Appenino bolognese e toscano e sintetizza la poratta delle previste attività sperimentali che per 25 anni che attrarranno 250 ricercatori. Tra cantieri, forniture e impiantistica 1.600 nuovi posti di lavoro. La Regione quindi, oltre a candidare il centro Enea bolognese ha deciso di stanziare, nel caso in cui l’assegnazione venga attribuita all’Emilia-Romagna, 25 milioni di euro per supportare un’iniziativa che ha in sé forti ricadute scientifiche, economiche e occupazionali, dirette ed indirette sia per il territorio montano che per l’intera regione.
A sostegno della candidatura vi è anche anche la Regione Toscana (che investirà 3 milioni di euro), le amministrazioni e le comunità locali.





( gs / 01.02.18 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top