Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3329 - giovedì 22 febbraio 2018

Sommario
- Servizio civile: Toti, semaforo verde a programmazione finanziaria 2018
- Marini: politica di coesione resti misura per tutte le Regioni UE
- 112 numero unico emergenze: intesa Marche-Umbria e accordo con Toscana
- Ue: Rossi preoccupato per tagli ai fondi europei
- Comitato meteorologia: i rappresentanti delle Regioni
- Emergenza avicola: via libera al riparto del fondo

+T -T
Ue: Rossi preoccupato per tagli ai fondi europei

(Regioni.it 3329 - 22/02/2018) Il presidente della regione Toscana, Enrico Rossi, è “molto preoccupato" per i possibili tagli ai fondi europei: le regioni del centro-nord, ma in generale tutte le regioni italiane, potrebbero essere costrette dopo il 2020 a dire addio ai fondi strutturali Ue a causa dei possibili tagli alla politica di coesione.
E’ il tema di una lettera inviata da Rossi al presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni. Siamo alla vigilia del vertice Ue che affronterà proprio il tema del bilancio pluriennale europeo post-Brexit e in cui quindi si discuterà delle singole voci future di bilancio. Nella lettera a Gentiloni, Rossi ricorda che la Commissione europea, la scorsa settimana, ha proposto un "ambizioso innalzamento del bilancio europeo volto a sostenere le nuove sfide che l'Ue ha dinanzi come la sicurezza, la difesa e l'immigrazione" e per compensare il mancato contributo del Regno Unito.
Non possono essere le politiche di coesione e i fondi destinati alle Regioni - rileva Rossi – a pagare il prezzo della Brexit e delle nuove sfide che sono dinanzi alla Ue, dalla sicurezza alla difesa all'immigrazione.
Sono possibili scenari che possono portare a tagli molto drastici per i fondi strutturali, con diminuzioni ipotizzate del 15 o del 30 per cento agli aiuti alle Regioni.
“Per l'Italia si tratterebbe di circa 40 miliardi di risorse in meno su sette anni. – evidenzia Rossi - Una prospettiva davvero pesante, se si pensa che con un taglio del 30 per cento continuerebbero a ricevere i fondi strutturali solo le Regioni dell'Est, della Grecia e del Portogallo (quindi anche il Mezzogiorno sarebbe fuori), mentre tagli al 15 per cento comporterebbero l'esclusione di tutte le Regioni più sviluppate: per l'Italia, tutto il Centro-Nord, e quindi anche la Toscana”.
Un bilancio europeo - scrive il presidente della Toscana, anche nella sua veste di vicepresidente della Conferenza delle Regioni periferiche marittime (CRPM) con delega alla coesione - con una tale perdita di risorse destinate alla coesione, che è l'unica politica di investimento e crescita, non farebbe altro che alimentare l'euroscetticismo e gli egoismi con effetti nefasti sui territori colpiti.
Di qui l'appello rivolto al premier perché difenda con fermezza un bilancio europeo sempre più ambizioso e con una dotazione finanziaria destinata alla politica di coesione almeno pari ai livelli attuali: una battaglia che potrà contare sul pieno supporto politico della Regione Toscana.


( gs / 22.02.18 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top