Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3368 - venerdì 20 aprile 2018

Sommario
- Edilizia: documento su programma "20.000 abitazioni in affitto"
- Farmacie: Intesa su sperimentazione nuovi servizi 2018-2020
- Segreteria Conferenza delle Regioni incontra Agenzia Brasiliana Cooperazione
- Conferenza delle Regioni: i documenti approvati il 19 aprile
- Presentato il Rapporto Osservasalute 2017
- Fmi: priorità per Italia l'avvio di un risanamento di bilancio

+T -T
Fmi: priorità per Italia l'avvio di un risanamento di bilancio

Confindustria: il Paese sotto le attese a inizio 2018

(Regioni.it 3368 - 20/04/2018) “Crescono i rischi per l'economia mondiale. Le tensioni internazionali originate dallo scontro sui dazi tra USA e Cina generano incertezza”. Cosi' il centro studi di Confindustria che per l'Italia segnala “una possibile frenata del Pil nel 1° trimestre" anche se "il trend resta positivo",  rilevando che il nostro Paese è  "sotto le attese a inizio 2018", inoltre “crescono i rischi per l'economia mondiale e l'Italia rallenta nel primo trimestre”. Dopo la produzione industriale che "ha sorpreso al ribasso a febbraio" e la "lieve flessione" degli ordini per l'industria", "rimane il trend di crescita" ma "ciò – avverte Confindustria - potrebbe determinare una frenata del Pil nel primo trimestre dopo il +0,3% nel quarto del 2017”.
Indicatori che l’Istat conferma a febbraio, in questo mese anche se cresce il fatturato dell'industria calano ancora gli ordini. Si stima un aumento del fatturato dello 0,5% su gennaio, dopo la flessione del mese precedente (-2,9%). Rispetto a febbraio 2017. Per gli ordinativi c’è un lieve calo congiunturale (-0,6%), secondo consecutivo dopo il -4,6% di gennaio, e un aumento tendenziale del 3,4% nei dati grezzi.
Il Fondo monetario internazionale avverte sul pericolo dei rischi associati all'aumento dei tassi di interesse dopo anni di basso costo del denaro e bassa volatilità. Per l'Fmi la “priorità per l'Italia dovrebbe essere l'avvio di un risanamento di bilancio credibile e ambizioso per incanalare il debito in una traiettoria di calo”. Secondo Fmi l'Italia può seguire diverse vie per raggiungere l'obiettivo, ovvero può aumentare le spese di capitale, spostare la tassazione verso i ricchi e le proprietà e ampliare la base imponibile”.
Infine secondo gli ultimi dati Istat l'Italia è penultima in Ue per il livello di occupazione, con 62,3% nel 2017. Solo la Grecia è dietro l’Italia, con 57,8%. Siamo ultimi anche per lo scarto occupazionale tra uomini e donne con 19,8%, dove ad avere una differenza maggiore è solo Malta con 26,1%. L'Italia è infatti anche il penultimo Paese Ue per donne occupate, appena il 52,5%: solo in Grecia l'occupazione femminile è inferiore, con il 48%.

Fmi: debiti record nel mondo, risparmiare per quando piovera'


( gs / 20.04.18 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top