Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3369 - mercoledì 2 maggio 2018

Sommario
- Istat: dati su Pil, occupazione e povertà
- Fedriga: non voglio una Regione che detiene tutto il potere
- Presidente Friuli Venezia Giulia: Massimiliano Fedriga, scheda biografica
- Toma: prima di tutto agevolare imprese e lavoratori
- Presidente Molise: Donato Toma, scheda biografica
- Associazionismo comunale: risorse regionali 2017
- Edilizia: odg per chiarimenti su classificazione sismica

+T -T
Fedriga: non voglio una Regione che detiene tutto il potere

(Regioni.it 3369 - 02/05/2018) Il 29 aprile si sono tenute le elezioni regionali in Friuli Venezia Giulia. 537.950 i voti validi, 307.118 (il 57,09%) quelli andati a Massimiliano Fedriga, il candidato (sostenuto da Forza Italia, Lega, Autonomia Responsabile, Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale, Progetto Fvg per una Regione speciale) eletto Presidente. Fermo al 28,64 % il candidato del Centrosinistra Sergio Bolzonello. Alessandro Fraleoni Morgera - sostenuto dal Movimento 5 stelle, ha ottenuto ill’11,67% e Sergio Cecotti, sostenuto dalla lista Patto per l’autonomia il 4,40 %.
I dati completi e dettagliati sono consultabili sul sito ufficiale della Regione www.regione.fvg.it
"Penso sia stato profondamente sbagliato umiliare i sindaci e i Consigli comunali, che sono eletti dai cittadini. E quindi noi toglieremo obbligatorietà e penalizzazioni e penseremo ad una nuova riforma degli enti locali che rappresenti le diverse entità dei territori e ridia finalmente ai cittadini la possibilità di scegliere da chi essere governati". Lo ha detto il neo eletto presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, il 30 aprile in Consiglio regionale rispondendo in merito ai primi impegni programmatici del nuovo esecutivo.
"Abbiamo ancora il vizio che ci piace la democrazia. E quando la gente sceglie è sempre una cosa positiva. Chi governa la cosa pubblica, i soldi pubblici, i servizi pubblici deve essere scelto dalla gente e mandato a casa se governa male", ha aggiunto, spiegando che "noi vorremmo degli enti di area vasta, non 18 come le Uti, che rappresentino le diverse identità territoriali; che siano elettivi e che prendano la gestione amministrativa perché la Regione deve rimanere ente legislativo e di grande programmazione. Ma deve essere il territorio ad amministrare. Non voglio una Regione che detiene tutto il potere in mano a poche mani".
"Mi piace decentrare - ha spiegato -. Io li avevo chiamati cantoni, per prendere esempio dal modello svizzero, perché l'idea del decentramento mi è sempre piaciuta e io credo fortemente nei territori".
Rispetto al tema della salute, il nuovo presidente ha affermato che "poi ovviamente dobbiamo intervenire sulla materia. Dovremo usare la massima cautela con un grande confronto con tutto il mondo sanitario, con chi opera nel settore; ricostruire mattone per mattone sapendo che la sanità non è un palazzo che uno abbatte in un giorno e ne costruisce uno nuovo, perché il diritto alla salute bisogna continuare a garantirlo".
"Sulla sanità io credo che dovremo fare un cambiamento pesante - ha puntualizzato - ma dobbiamo mettere la mano al settore con la dovuta saggezza, perché le cose devono essere cambiate profondamente, ma non possono essere stravolte in un giorno".
Per quanto riguarda la composizione della nuova giunta, Massimiliano Fedriga ha spiegato che "ho in mente persone capaci che possano lavorare bene. Sceglieremo confrontandoci con tutta la coalizione nei prossimi giorni". Per quanto concerne gli altri temi prioritari da affrontare, ha fatto riferimento a immigrazione e fiscalità "utilizzando le leve di carattere regionale".
In conclusione Fedriga ha sottolineato che è "un onore enorme poter rappresentare quel cambiamento che è stato espresso dal voto di domenica. Ci auguriamo di poter lavorare con la collaborazione di tutti. Ovviamente con le nostre idee, prendendo le nostre responsabilità, ma sapendo le sfide saranno importanti".

dal sito della Regione Friuli Venezia Giulia: ELEZIONI REGIONALI

[Messaggero Veneto] Sanità e Uti priorità di Fedriga [La Tribuna di Treviso] Fedriga: Vittoria schiacciante che ci carica [Il Piccolo di trieste] Fedriga: Risultato inimmaginabile Ora inizia il cambio di rotta [La Nuova Venezia] Fedriga: Vittoria schiacciante che ci carica [Il Gazzettino] Fedriga: I migranti illegali non devono vagare liberi [Corriere del Veneto] Zaia e il nuovo asse con l'amico Fedriga: Il voto in Friuli ci rende più forti [Il Mattino di Padova] Fedriga: Vittoria schiacciante che ci carica [La Repubblica] Fedriga: Alla guida del Nord, siamo il laboratorio per cambiare il Paese

( red / 02.05.18 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top