Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3390 - giovedì 31 maggio 2018

Sommario
- Giornata mondiale senza tabacco: i fumatori in Italia sono 12,2 milioni
- Economia circolare: l'Enea presenta la piattaforma italiana
- La "crescita lenta" del Sud: dati di Diste Consulting
- Campania: prima in Italia per rilancio centri per l'impiego
- Comparto funzioni locali e personale sanità: i testi dei due contratti
- Obesità infantile: al via la campagna "dammi il 5" in 10 Regioni
- Itaca: sostenibilità ambientale, un protocollo per valutarla

+T -T
Itaca: sostenibilità ambientale, un protocollo per valutarla

Strumento per fornire un giudizio sintetico sul livello di prestazione degli interventi a scala urbana di varia dimensione

(Regioni.it 3390 - 31/05/2018) Il Protocollo Itaca a scala urbana è stato selezionato  il 23 maggio nell’ambito del “Premio PA sostenibile 2018”, manifestazione realizzata dallo stesso ForumPA in collaborazione con ASviS con l’obiettivo di promuovere percorsi di innovazione volti a generare soluzioni per la costruzione di uno sviluppo equo e sostenibile.
L’iniziativa è finalizzata a raccogliere i migliori progetti o prodotti concreti su sette ambiti che richiamano i 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile definiti all’interno dell’Agenda 2030 dell’ONU. Nell’ambito della sezione del concorso “Ambiente, energia, capitale naturale”, Itaca, l'Istituto per l’innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilita’ ambientale, ha proposto il “Protocollo a scala urbana” quale strumento di valutazione in grado di fornire un giudizio sintetico sul livello di prestazione della sostenibilità ambientale degli interventi a scala urbana di varia dimensione, dall’isolato al quartiere fino all’intera città.
“Siamo orgogliosi di questo risultato – dichiara il Presidente di Itaca Anna Casini e vicepresidente della Regione Marche – a riconoscimento dell’intenso lavoro che il nostro Istituto, organo tecnico della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, sta portando avanti con le regioni al fine di elaborare strumenti che possano supportare le amministrazioni nello sviluppo e trasformazioni di aree urbane”. Aggiunge inoltre “La sostenibilità ambientale deve oggi rappresentare un modello di qualità in grado di rispondere ai bisogni dei cittadini. Il tema della rigenerazione urbana richiede che i soggetti pubblici giochino un ruolo forte nel governo di questi processi, in modo da rappresentare il necessario elemento di raccordo tra le politiche nazionali e regionali e la loro concreta attuazione a scala territoriale”. La Casini conclude “Devo ringraziare tutti i componenti del gruppo di lavoro interregionale Sostenibilità a Scala Urbana, che ha permesso il raggiungimento di questo importante risultato. Un particolare ringraziamento lo esprimo a Regione Toscana che ne ha coordinato l’attività”
Il Protocollo rappresenta, quindi, un dispositivo rivolto sia ai pianificatori degli enti pubblici sia agli operatori coinvolti nella trasformazione del territorio:
- in fase di progetto per definire le prestazioni di riferimento e come strumento di supporto alla decisione;
- per verificare in fase di realizzazione delle opere il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità;
- per monitorare in fase di esercizio, il livello di sostenibilità complessivo.
Il Protocollo Itaca a scala urbana è, in sintesi, un sistema di analisi multi-criteria con una struttura modulare che comprende tutti quei parametri materiali ed immateriali, necessari a caratterizzare e a valutare la sostenibilità degli interventi alla scala della città o delle sue parti significative, attraverso un approccio olistico. Il Protocollo fornisce un punteggio di prestazione finale, indicativo del livello di sostenibilità dell’intervento a scala urbana, partendo da un serie di criteri che facciano riferimento, oltre agli aspetti legati al recupero edilizio e funzionale, anche ad altri elementi legati al concetto di sostenibilità. Nella fattispecie: il miglioramento energetico ed ambientale dell’organismo urbano; la qualità degli spazi pubblici; le connessioni ecologiche; la sicurezza; l’accessibilità materiale ed immateriale; il sistema della mobilità pubblica; la flessibilità degli spazi; la complessità funzionale; l’integrazione sociale.
La metodologia di calcolo del sistema permette la contestualizzazione del Protocollo allo specifico ambito geografico di applicazione attraverso la possibilità di tarare la scala di prestazione ed il peso relativo dei singoli criteri al sistema di norme e leggi locali e ai background specifici del territorio.

Dal sito di Itaca:
ASSEGNATO AL PROTOCOLLO ITACA A SCALA URBANA IL “PREMIO PA SOSTENIBILE, 100 PROGETTI PER RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI DELL’AGENDA 2030”


Dal sito di Forum PA:
Protocollo ITACA a scala urbana. Performance urbanistiche e ambientali per la città contemporanea. Nuovi standard, valutazioni, compensazioni ecologiche.



( red / 31.05.18 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top