Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3408 - martedì 26 giugno 2018

Sommario
- Istat: più di 5 milioni in povertà, 1,2 milioni sono minori
- Corte dei conti: rendiconto generale dello Stato 2017
- Sanità: Corte dei conti, finora "tagli spesso troppo lineari"
- Vaccinazione antinfluenza: copertura del 52,7% degli over 65
- Trasporto pubblico locale e costi standard: tavola rotonda il 27 giugno
- La governance economica europea e le raccomandazioni per l'Italia

+T -T
Istat: più di 5 milioni in povertà, 1,2 milioni sono minori

(Regioni.it 3408 - 26/06/2018) Più di 5 milioni di italiani vivono nella povertà assoluta. L’Istat nel dare questo dato rende noto che si tratta del livello più alto dal 2005, quando le famiglie in povertà assoluta erano stimate in 1.778.000. Di questi 5.058.000 individui, 1,2 milioni sono minori. L'aumento della povertà assoluta colpisce soprattutto il Sud, dove una persona su 10 vive in questa condizione.
Per il presidente della regione Toscana, Enrico Rossi  "questa su tutte debba essere la priorità. Occorrono altri 5 miliardi, in più ai 2 messi dal precedente governo”.
L'assessore alle Politiche sociali, Abitative e Disabilità della Lombardia, Stefano Bolognini,  sottolinea che la Regione sta lavorando per fronteggiare il fenomeno crescente della povertà, puntando soprattutto sul rafforzamento della prevenzione, promuovendo azioni mirate, favorendo la collaborazione inter-istituzionale e sperimentando interventi di innovazione sociale".
L’incidenza della povertà assoluta aumenta, come si è detto, prevalentemente nel Mezzogiorno sia per le famiglie (da 8,5% del 2016 al 10,3%) sia per gli individui (da 9,8% a 11,4%), soprattutto per il peggioramento registrato nei comuni Centro di area metropolitana (da 5,8% a 10,1%) e nei comuni più piccoli fino a 50mila abitanti (da 7,8% del 2016 a 9,8%). La povertà aumenta anche nei centri e nelle periferie delle aree metropolitane del Nord.
Si confermano le difficoltà per le famiglie di soli stranieri: l’incidenza raggiunge il 34,5%, con forti differenziazioni sul territorio (29,3% al Centro, 59,6% nel Mezzogiorno).
Nel 2017 l’incidenza di povertà assoluta si mantiene più contenuta, e al di sotto del valore medio, tra le famiglie di soli italiani (5,1%), sebbene in aumento (era 4,4% nel 2016), soprattutto nel Mezzogiorno (da 7,5% nel 2016 a 9,1% nel 2017).
Per un adulto (di 18-59 anni) che vive solo, la soglia di povertà è pari a 826,73 euro mensili se risiede in un’area metropolitana del Nord, a 742,18 euro se vive in un piccolo comune settentrionale, a 560,82 euro se risiede in un piccolo comune del Mezzogiorno.
Nel 2017, si stima siano 3 milioni 171mila le famiglie in condizione di povertà relativa (con un’incidenza pari a 12,3% tra tutte le famiglie residenti), per un totale di 9 milioni 368mila individui (15,6% dell’intera popolazione). Di questi, 4 milioni 669mila sono donne (15,1%), 2 milioni e 156mila sono minori (21,5%) e quasi 1 milione e 400mila anziani (10,5%)
Valle d’Aosta (4,4%), Emilia-Romagna (4,6%), Trentino Alto Adige (4,9%), Lombardia (5,5%), Toscana (5,9%), Veneto (6,1%), Piemonte (6,8%), Friuli Venezia Giulia (6,9%), Trento (7,8%), Lazio (8,2%), Liguria (8,5%) e Marche (8,8%) mostrano i valori più bassi dell’incidenza di povertà relativa e inferiori alla media nazionale (Prospetto 16).
La Calabria si discosta significativamente dalle altre regioni del Mezzogiorno e dalla media di ripartizione, presenta il valore più elevato (35,3%), seguita da Sicilia (29,0%) e Campania (24,4%). La Puglia mostra un incremento dell’incidenza di povertà relativa rispetto al 2016 (da 14,5 a 21,6%), in linea con la ripartizione del Mezzogiorno (da 19,7 a 24,7%).
Come la povertà assoluta, la povertà relativa è più diffusa tra le famiglie con 4 componenti (19,8%) o 5 componenti e più (30,2%), soprattutto tra quelle giovani: raggiunge il 16,3% se la persona di riferimento è un under35, mentre scende al 10,0% nel caso di un ultra sessantaquattrenne.
L’incidenza di povertà relativa si mantiene elevata per le famiglie di operai e assimilati (19,5%) e per quelle con persona di riferimento in cerca di occupazione (37,0%), queste ultime in peggioramento rispetto al 31,0% del 2016.




( Gs-Sm / 26.06.18 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top