Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3490 - venerdì 9 novembre 2018

Sommario
- Costa: piano contro il dissesto idrogeologico entro l'anno
- Farmaci: al Senato emendamento al decreto fiscale sul payback
- Consulta: sì a rilievo Corte conti su illegittimità legge regionale
- Sanità: Agenas, focus sul programma nazionale esiti
- Cnel: Comuni, dal 2013 al 2015 spesa ridotta del 6%
- Lolli: mobilitazione il 12 a Roma per spostamento stazione bus per l'Abruzzo
- Si lavora sulla riforma dei pronto soccorso

+T -T
Farmaci: al Senato emendamento al decreto fiscale sul payback

(Regioni.it 3490 - 09/11/2018) Al Senato si lavora per trovare una soluzione all'annoso problema del payback farmaceutico. Il meccanismo di ripiano del payback nasce per venire incontro all'esigenza di una maggiore flessibilità del mercato farmaceutico, consentendo da un lato l'erogazione di risorse economiche alle Regioni a sostegno della spesa farmaceutica di ciascuna, e dall'altro l'opportunità per le aziende farmaceutiche di effettuare le scelte sui prezzi dei loro farmaci, sulla base delle proprie strategie di intervento sul mercato. E' stato previsto con norma della Finanziaria 2007 e permette alle aziende farmaceutiche di chiedere all'Agenzia italiana del Farmaco (Aifa) la sospensione della riduzione dei prezzi del 5%, a fronte del contestuale versamento in contanti (pay back) del relativo valore su appositi conti correnti individuati dalle Regioni.
Un emendamento della Lega al decreto fiscale depositato in commissione Finanze del Senato prevede che le transazioni con le aziende farmaceutiche per il ripiano della spesa farmaceutica (payback) "sono valide per la parte pubblica con la sola sottoscrizione di Aifa e sono efficaci a decorrere dalla data di entrata in vigore del decreto" fiscale.
L'emendamento - secondo quanto riportato da Quotodiano sanità  - sarebbe frutto di un lungo confronto che ha visto impegnati in questi ultimi mesi il Ministero dell'Economia e la stessa Agenzia del farmaco, e risponderebbe all'esogenza di  velocizzare le procedure. Ad oggi, infatti, per dar seguito alle transazioni erano necessarie più firme da parte di Ministero dell'Economia, Ministero della Salute ed Aifa. Una delle condizioni di stallo era dovuta al fatto che, di fronte ad un eventuale danno erariale, ne rispondessero tutti i soggetti attuatori della transazione. Con questo emendamento - si legeg sempre su "Quotidiano sanità" -  Aifa diventa l'unico garante del processo accorciando di molto i tempi d'attesa. Questo anche perché, secondo l'Ente regolatorio, non potrebbe sussistere un'ipotesi di danno erariale di fronte ad una norma che autorizzi le stesse transazioni.  
L'intera norma dovrebbe essere funzionale a consentire l'erogazione alle Regioni di 372 milioni di euro a cui si aggiungerebbero le ultreriori risorse non oggetto di contenzioso, per 133 milioni di euro, per la cifra complessiva di 505 milioni di euro.
Nel frattempo il nuovo  direttore generale di Aifa, Luca Li Bassi, in un'intrevista allop stesso "Quotidiano Sanità" indica tra le priorità dell'Agenzia quella di  "Migliorare l’accesso ai farmaci. L’impegno è quello di fornire più salute possibile per ogni euro di risorse disponibili. Il diritto alla salute di ogni cittadino non può dipendere dal luogo di nascita o dalla residenza all’interno dello stesso territorio nazionale. Un accesso, a mio avviso, può essere definito equo solo se il farmaco arriva a tutti coloro che ne hanno bisogno, indipendentemente dalle condizioni socio-economiche, geografiche o culturali".
E sotto questo profilo sarà determinante anche il ruolo delle Regioni, "ritengo sia importante rafforzare la sinergia con le Regioni. Un rapporto che si dovrà ispirare al principio di flessibilità, intesa come riconoscimento della diversità delle esigenze territoriali. Ogni Regione ha le proprie peculiarità di tipo epidemiologico, demografico, economico. Ogni Regione ha dunque la sua domanda di salute e Aifa deve essere in grado di poterne tenere conto".



Da "Quotidiano sanità":
- Decreto fiscale. Emendamento Lega propone snellimento procedure per ripiano del payback. Aifa unica garante delle transazioni con le aziende. In ballo oltre 500 milioni per le Regioni
- Aifa. “Obiettivo migliorare l’accesso ai farmaci e rafforzare sinergia con Regioni”. Parla il nuovo Dg Luca Li Bassi
 



( red / 09.11.18 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top