Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3500 - venerdì 23 novembre 2018

Sommario
- Sciopero medici: Saitta, Regioni si stanno battendo per incremento Fsn
- Istat: indagine sui servizi dei Centri antiviolenza
- Conferenza delle Regioni il 29 novembre
- Giornata mondiale contro la violenza sulle donne: iniziative regionali
- Sanità: Oliverio, serve atto interruttivo del commissariamento
- Sanità: Agenas, confronto con altre agenzie europee sulla qualità delle cure
- Turismo: Regioni italiane protagoniste al WTM di Londra

+T -T
Istat: indagine sui servizi dei Centri antiviolenza

(Regioni.it 3500 - 23/11/2018) Domenica 25 novembre è la Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza sulle donne, istituita dall’Onu nel 1999. Quello della violenza di geenre è purtroppo un fenomeno diffuso anche nel nostro Paese. L'Istat ha svolto un'indagine sui servizi offerti dai Centri antiviolenza, in collaborazione con il Dipartimento per le Pari opportunità, le Regioni e il Consiglio nazionale della ricerca ed è merso che le donne che si sono rivolte ai Centri antiviolenza nel 2017 sono 49.152, di queste 29.227 hanno iniziato un percorso di uscita dalla violenza. Il 26,9% delle donne che si rivolgono ai centri sono straniere e il 63,7% ha figli, minorenni in più del 70% dei casi.
L’indagine è stata effettuata nei mesi di giugno – luglio 2018 e sono stati contattati 281 centri antiviolenza rispondenti ai requisiti dell’Intesa del 2014 ed attivi al 31/12/2017. Tra questi 253 hanno completato il questionario. Sono mediamente 115,5  le donne prese in carico in media dai centri a livello nazionale, il valore massimo si riscontra nel Nord-est con 170,9 donne in media ed è minimo al Sud con 47,5 donne. Il 26,9% delle donne è straniera e il 63,7% ha figli, che sono minorenni in più del 70% dei casi.
Circa 4.400 le operatrici che nel 2017 hanno lavorato presso i centri antiviolenza, di queste il 56,1% è stato impegnato esclusivamente in forma volontaria. All’offerta dei centri antiviolenza rilevati dall’indagine Istat va aggiunta l’offerta di 89 servizi/centri antiviolenza che non rispettano i criteri dell’Intesa Stato-Regioni, ma sono comunque presenti nell’archivio del servizio di pubblica utilità 1522 e che sono stati invece contattati dal Consiglio Nazionale della Ricerca (Cnr – Irrps).
Le donne che hanno iniziato un percorso di uscita dalla violenza presso questi servizi/centri sono 3.755 nel complesso; di queste, le straniere sono 958 (pari al 25,5% del totale) e le madri con figli minori 2.224 (pari al 59%).
Le operatrici e gli operatori impegnati in questi servizi/centri antiviolenza ammontano a 1.024 unità; la maggior parte è costituita da volontarie/i (68%).





( gs / 23.11.18 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top