Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3508 - mercoledì 5 dicembre 2018

Sommario
- Liste d'attesa: predisposto un piano per ridurle
- Bonaccini convoca la Conferenza delle Regioni il 6 dicembre
- Sanità: Toma, ministro Grillo chieda scusa ai molisani
- Rifondare l'Unione Europea: summit Regioni a Bucarest, 14 e 15 marzo
- Dissesto idrogeologico: Costa conferma piano da 6,5 mld, in più anni
- Agenzia Giovani: 12.000 biglietti per viaggiare in Europa
- 40 anni di servizio sanitario: convegno il 7 dicembre a Torino

+T -T
Liste d'attesa: predisposto un piano per ridurle

In Emilia-Romagna ridotti sensibilmente i tempi per i ricoveri chirurgici programmati

(Regioni.it 3508 - 05/12/2018) "Ho trasmesso alle Regioni il nuovo Piano Nazionale di Governo delle Liste di Attesa per riportare la salute dei cittadini nelle priorità dell'azione politica. Il piano mancava da quasi 10 anni e conteneva generiche azioni di governo. Ora mettiamo regole certe e stanziamo fondi per dire basta alle attese infinite per una visita medica o un esame diagnostico". Ad annunciarlo il ministro della salute Giulia Grillo in una nota.
"Presto- continua- insieme alle Regioni garantiremo tempi certi per ogni prestazione. Grazie ai 350 milioni previsti in Legge di Bilancio per il triennio 2018-20 aiuteremo i territori a potenziare i servizi di prenotazione implementando i Cup digitali e tutte le misure per rendere piu' efficiente il sistema. Non erano mai state stanziate risorse dedicate specificatamente alle liste d'attese. Noi lo stiamo facendo. A Sud e a Nord, le regole saranno uguali per tutti, questo servira' a ridurre le diseguaglianze. È un primo passo concreto verso un cambiamento reale. La sanita' del Paese deve ritornare in cima alle priorità dell'agenda politica".
Secondo il ministro, "pur lasciando l'autonomia alle Regioni, il ministero della Salute garantirà il monitoraggio dei percorsi diagnostico-terapeutici, ma anche delle prestazioni ambulatoriali in regime libero-professionale.
Sembrano concetti tecnici, ma riguardano la vita di tutti noi cittadini. Questo nuovo Piano e' diretto innanzitutto ai pazienti, specialmente a quelli che in questi anni si sono sentiti abbandonati". L'Osservatorio Nazionale sulle Liste di Attesa del ministero della Salute "sarà la cabina di regia che assicurerà ai cittadini un monitoraggio effettivo sui servizi sanitari e quindi sull'applicazione concreta del diritto alla salute, ma sarà anche uno stimolo per le Regioni. Le aziende sanitarie dovranno competere per offrire i servizi migliori, attivando un circolo virtuoso con ricadute positive sulle persone, ma anche sui lavoratori del Ssn, che devono sentirsi maggiormente valorizzati.
I direttori generali delle aziende sanitarie- conclude il ministro- saranno valutati anche in base al raggiungimento degli obiettivi di salute connessi agli adempimenti dei Lea: questo significa che chi non mette l'efficienza delle liste d'attesa al primo posto del suo mandato, potra' essere rimosso dall'incarico".
Sul tema delle liste d'attesa si registrano comunque passi in avanti significativi in alcune realta regionali. In Emilia-Romagna, ad esempio l'assessorato alle politiche per la salute, nel pomeriggio del 4  dicembre, ha fatto il punto con le Aziende sanitarie sui risultati raggiunti e su quanto rimane da fare per migliorare le performance in  tutto il territorio. Si sono ridotti sensibilmente, in  Emilia-Romagna, i tempi d'attesa per i ricoveri chirurgici  programmati: a ottobre 2018, l'84,9% era garantito entro i tempi  previsti a livello nazionale, con un +10% rispetto all''anno precedente (75% a ottobre 2017 e 70,7% a ottobre 2016). Prosegue anche lo  smaltimento delle liste di attesa pregresse, già eliminate per l''80% a livello regionale, con le rimanenti che riguardano solo casi di  medio-bassa criticità. E resta garantito l'intervento immediato nelle situazioni d'urgenza. Per le patologie neoplastiche, l''87,9% degli interventi è assicurato  entro 30 giorni dalla prenotazione. Risultati migliori di quanto  richiede la normativa nazionale per il tumore della mammella (a  livello regionale, sempre da ottobre 2017 a ottobre 2018, si è passati dall''87,4 al 96,8%), per il tumore al colon retto (dall''89,8% al  94,8%), all''utero (dal 73,5% al 94,6%) e per il tumore al polmone  (dall''85,2% al 95,2%); per tutte queste prestazioni oncologiche la
normativa nazionale fissa come soglia il 90%.
Inoltre, un'importante novità riguarda i cittadini dell''Emilia-Romagna che devono sottoporsi a un intervento chirurgico programmato: entro il 2019, tramite il Fascicolo sanitario  elettronico, potranno verificare la propria posizione in lista
d''attesa. I miglioramenti ottenuti seguono l''azzeramento o quasi dei tempi di  attesa per le visite specialistiche e gli esami: a fine novembre 2018, oltre il 98% è assicurato entro i termini previsti (era al 58% a  inizio legislatura, nel 2015). Poco più di un anno fa, infatti, la  giunta ha messo a punto un piano per ridurre le liste relative ai  ricoveri chirurgici programmati. "Abbiamo iniziato un nuovo percorso, estremamente complesso, ponendoci obiettivi ambiziosi - ricorda  l'assessore alle Politiche per la salute, Sergio Venturi -,  consapevoli che l''abbattimento delle liste d''attesa è uno dei punti  che qualificano maggiormente il servizio sanitario pubblico". In questi mesi - prosegue - sono stati fatti importanti passi avanti nella gestione delle liste, nella programmazione  dell'attività chirurgica e nel monitoraggio dei tempi d''attesa, che  peraltro estendiamo. Tempi che si sono ridotti ovunque, con  miglioramenti anche di 10 punti percentuali in un anno. Per alcune  patologie, peraltro importanti come quelle tumorali, i risultati sono  eccellenti. Certo - aggiunge Venturi - occorre fare ancora meglio e  continuare a lavorare assieme alle Aziende sanitarie, che ringrazio  per quanto hanno fatto finora. Ma i dati dimostrano che la strada imboccata è quella giusta".
Le prestazioni oggetto di monitoraggio (dalla coronarografia,  all''angioplastica, alla biopsia percutanea del fegato, al bypass) sono assicurate entro i tempi indicati per le relative classi di priorità.  In particolare, per l''angioplastica, si è passati nell''ultimo anno dal 94% al 95,7%, per le coronarografie dal 96,3% al 97,3%, per la biopsia percutanea del fegato dall''88,6% al 95,5% e per il bypass dal 79,1% al 91,7% delle operazioni garantite entro i termini. Migliorano anche i  dati sulla riparazione dell''ernia inguinale (dal 65,8% all''80,3%),  della emorroidectomia (passata dal 64,3% al 78,8%) e della  tonsillectomia (dal 54,5% all''82,5%). Per le protesi d'anca, nell''87%  dei casi l''intervento avviene entro 180 giorni (erano l''83,1% a  ottobre 2017).
Per quanto riguarda il tumore alla prostata, a ottobre  2018 il 53,5% dei pazienti è stato ricoverato entro i tempi massimi  previsti, rispetto al 44% dello stesso periodo dello scorso anno. Sono state infatti recentemente introdotte nuove indicazioni per  l'inserimento in lista di queste neoplasie che hanno un livello di  rischio e un''evoluzione diversa da quella degli altri tumori. Le  Aziende e i professionisti stanno quindi aggiornando i livelli di  priorità assegnati al nuovo protocollo, che consentirà di adeguare il  tempo di attesa all''effettivo livello di rischio, riservando la  risposta più tempestiva ai casi più urgenti.
E' utile chiarire che l''obiettivo del 90% degli interventi eseguiti  entro i tempi assegnati (e non del 100%) è fissato perché occorre  tener conto di una quota di pazienti che - per caratteristiche  particolari legate alla loro patologia - necessitano, prima  dell''intervento, di trattamenti o approfondimenti specifici che  allungano il tempo d''attesa per il ricovero. Per il conseguimento di  questi risultati e per avviare nuovi programmi di utilizzo razionale  ed efficiente delle piattaforme chirurgiche, a inizio 2018 la Regione  Emilia-Romagna - unica in Italia- ha avviato un nuovo sistema  regionale di controllo informatizzato delle liste di attesa dei  ricoveri: il ''Sigla'' (Sistema integrato di gestione delle liste di  attesa), attraverso cui è possibile garantire un censimento ed un  monitoraggio sempre aggiornato della maggior parte degli interventi  chirurgici. Informazioni che permetteranno alle Aziende sanitarie e  alla Regione di valutare in modo tempestivo le criticità per avviare  da subito azioni di potenziamento o rimodulazione dell''attività, per  un pieno conseguimento dell''equità dell''accesso e della trasparenza  verso il cittadino. Inoltre, sono stati fatti consistenti investimenti  mirati al reclutamento di professionisti (oltre 5.000, nell''ultimo  biennio, le persone assunte in sanità a tempo indeterminato, di cui  1.450 precari stabilizzati, per un costo complessivo di 24 milioni di  euro) e altri strumenti definiti dal Piano regionale: la creazione, da parte di ogni Azienda sanitaria, del responsabile unico aziendale,  garante della corretta gestione delle liste di attesa; l'utilizzo  delle sale operatorie, tramite l'integrazione delle procedure di  prenotazione con quelle di programmazione delle attività chirurgiche;  la gestione delle prenotazioni totalmente informatizzata con criteri  di priorità per l''accesso definiti in modo chiaro e coerente e il  ricorso anche a strutture private convenzionate.
"Un ulteriore sforzo dovrà essere compiuto, a livello nazionale -  sottolinea la Regione Emilia-Romagna in una nota -, per rispondere  alla persistente difficoltà di reperire figure chiave, a partire dagli anestesisti: esigenza che rende ancora più importante la richiesta da  parte delle Regioni, Emilia-Romagna in testa, di aumentare il numero  di posti nelle scuole di specializzazione".



( red / 05.12.18 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top