Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3516 - lunedì 17 dicembre 2018

Sommario
- Istat: mobilità interna e migrazioni internazionali in Italia
- Conferenza Unificata il 20 dicembre
- Conferenza Stato-Regioni il 20 dicembre
- Fontana: definire autonomia e questioni finanziarie per competenze
- Editoria: Toma e Zingaretti su blocco finanziamenti
- Relazioni Istituto Superiore di Sanità 2017 e 2018: presa d'atto
- Agricoltura: tutte le Regioni con Agea hanno raggiunto obiettivo finanziario

+T -T
Editoria: Toma e Zingaretti su blocco finanziamenti

(Regioni.it 3516 - 17/12/2018) "Mi ero impegnato affinché la Conferenza delle Regioni intervenisse sul governo per indurlo ad un ripensamento sulla norma contenuta nel milleproroghe che penalizza, di fatto, le emittenti televisive e radiofoniche locali, ma anche per  chiedere al governo stesso di rivedere la sua posizione relativa ai contributi all''editoria che, secondo quanto annunciato, nel prossimo
triennio verrebbero ridotti progressivamente fino all''azzeramento", lo ha ricordato il presidente della Regione Molise, Donato Toma, commentando le iniziative che la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha deciso di intraprendere a sostegno delle emittenti locali e dell''editoria, chiedendo di "trattare con il governo".
Il 14 dicembre (vedi Regioni.it n. 3515) "il presidente Bonaccini, su mandato della Conferenza, ha chiesto ufficialmente un incontro con il ministro Di Maio e il sottosegretario Crimi - ha continuato Toma - Sarà l''occasione per comunicare ai referenti governativi i diversi criteri, da me indicati e condivisi in Conferenza delle Regioni, che proponiamo per il riparto delle risorse del Fondo per il pluralismo e l''innovazione dell''informazione in favore delle emittenti televisive e radiofoniche locali, riparto che, in forza della nuova normativa, ora avviene in base al numero dei dipendenti e ai dati di ascolto Auditel. In sede di Conferenza delle Regioni abbiamo convenuto, invece, che i parametri di valutazione non possono non tener conto del bacino demografico di riferimento delle emittenti e che, pertanto, devono essere rapportati al numero di abitanti di ciascuna regione in cui operano le aziende radio-televisive", ha sottolineato Toma. "In merito all''altra questione, quella riguardante la riduzione e la paventata soppressione dei contributi all''editoria, si dovrà necessariamente aprire un tavolo di confronto con il governo - ha concluso - al fine di scongiurare il pericolo che molte testate, in assenza dell''intervento statale, finiscano sul lastrico e siano costrette a chiudere".
Sullo stesso tema è intervenuto, con una nota, il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, che associandosi "all'appello lanciato dalla File, Federazione Italiana Liberi Editori" ha invitato Il governo a ritirare subito l'emendamento sui finanziamenti alla stampa" perché "mette a rischio la libertà di tutti, oltre che il futuro di migliaia di lavoratori. Dietro la norma presentata nei giorni scorsi c'è un pensiero molto pericoloso: l'idea che la vita di una democrazia possa fare a meno di una pluralità di voci critiche e che lo Stato possa disinteressarsi alla loro esistenza". 
"Spegnere radio e tv, cancellare testate locali, ridurre la rete dell'informazione libera oggi è un rischio reale. Ancora piu' grave e inquietante - ha aggiunto il presidente della Regione Lazio - se pensiamo ai ripetuti attacchi alla libertà di stampa, soprattutto da parte di esponenti del M5s. Oggi che i gialloverdi sono al governo, affondano l'attacco con una legge che affosserebbe testate storiche nel Paese e una rete di piccole realtà editoriali indispensabili per uno sguardo critico e attento su ciò che ci accade. Anche sulla condotta di chi ci governa. La norma in questione, in soli tre anni, metterebbe in crisi il tessuto diffuso dell'informazione libera e getterebbe nell'assoluta incertezza migliaia di lavoratori. Mi unisco quindi -ha concluso Zingaretti -  al grido d'allarme lanciato e all'appello perche' questa norma, che colpisce al cuore il pluralismo dell'informazione e la stessa qualita' della nostra democrazia, sia fermata".




( red / 17.12.18 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top