Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3517 - martedì 18 dicembre 2018

Sommario
- Sindacati dirigenza medica: due giornate di sciopero a gennaio 2019
- Istat: Rapporto su economia e benessere
- Sanità: confronto con il ministro su commissariamento e avvio "Patto salute"
- Educazione ambientale: sostenere sistema Infea
- “Pacchetto trasporti”: posizione su Direttiva e Regolamento Ue
- Infrastrutture: osservazioni per intesa su reti stradali Piemonte e Venezia
- Le eccellenze della Toscana ospiti dell’OSCE a Vienna

+T -T
Sanità: confronto con il ministro su commissariamento e avvio "Patto salute"

(Regioni.it 3517 - 18/12/2018) Risolvere il nodo del personale sanitario e mettere a punto forme alternative al commissariamento, sono queste le priorità delle Regioni per il nuovo Patto per la Salute, "i cui lavori inizieranno a gennaio, subito dopo le festività". A spiegarlo all'Ansa è il presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanita', Sergio Venturi, al termine dell'incontro tenutosi il 17 dicembre al ministero della Salute tra esponenti delle Regioni (Oltre a Venturi hanno partecipato Antonio Saitta, assessore della Regione Piemonte e coordinatore della commissione Salute della Conferenza delle Regioni, Vincenzo De Luca, Presidente della Campania e , in collegamento telefonico, il Presidente del Molise, Donato Toma) e il ministro Giulia Grillo.
"Abbiamo posto le basi della discussione sul nuovo Patto per la Salute", ha detto l'assessore alle politiche per la Salute della Regione Emilia-Romagna, "su cui inizieremo a lavorare in modo organico a partire da gennaio. Il ministero aveva già delineato gli obiettivi e allo stesso modo anche noi abbiamo descritto un percorso e dei punti, che in buona parte erano già alla base del Patto della Salute precedente".
"Le priorità - ha spiegato Venturi - sono quelle di risolvere il nodo del personale e poter operare nuove assunzioni. Per farlo dobbiamo superare il limite di spesa per il personale sanitario fissato al livello 2004 decurtato dell'1,4%. Si tratta per noi di rispondere complessivamente solo sull'equilibrio di bilancio e non sui singoli capitoli del bilancio".
Accanto al nodo del personale, conclude Venturi, "c'è quello di valutare strumenti alternativi rispetto ai commissariamenti", e fra le ipotesi inc ampo anche quella "dell'affiancamento di regioni virtuose" accanto "a quelle con risultati di salute meno efficaci".
Il presidente del Molise, Donato Toma, secondo quanto riportato da Primo Piano Molise, ha messo sul tavolo "le discrasie che contiene la delibera di nomina dei commissari. La Regione - ha spiegato il Presidente - viene esclusa dalla partecipazione, la direzione Salute è come se mi venisse sottratta. Io intanto, in base alle competenze che mi restano in capo, vado alla Conferenza delle Regioni e tratto i riparti con i colleghi, delibero in giunta i finanziamenti per la sanità, anche la programmazione resta in capo alla Regione. È evidente - sintetizza il presidente - che il commissario non può agire senza confrontarsi con me".  "La ministra ha dato la disponibilità ad approfondire la delibera del Consioglio dei Ministri. Presto avremo un altro incontro e sarà bilaterale", ha concluso Toma.
Il presidente della Giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca, parlando a margine del confronto svoltosi il 18 dicembre ad Ariano Irpino (Avellino) sui temi della sanità nelle zone interne (dopo la recente "promozione" a Dea di primo livello del locale ospedale "Frangipane") ha difeso quanto fatto finora dalla Regione: Abbiamo fatto un lavoro eccellente che ci ha consentito di presentarci al governo a testa alta con un piano ospedaliero rispettoso dei parametri nazionali ma rispettoso anche delle esigenze dei territori e vicino alla domanda di salute dei nostri concittadini. Abbiamo evitato tagli drammatici alle strutture ospedaliere del nostro territorio e in Irpinia abbiamo costruito una rete di grande qualità che valorizza Ariano Irpino, Sant'Angelo dei Lombardi e Bisaccia, nonostante qualche imbecille cerchi di mettere il cappello su decisioni che prende la Regione". Alla sanità irpina, il Presidente ha riconosciuto "una storia di buona amministrazione". "Alla provincia di Avellino va riconosciuta una correttezza amministrativa che aiuta a fare programmazione sanitaria".


( red / 18.12.18 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top