Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3520 - venerdì 21 dicembre 2018

Sommario
- Autonomia differenziata: Conte, verso il 15 febbraio la firma dell'intesa
- De Luca: dai tagli al fondo di coesione un altro colpo al Sud
- Istat: report sulle partecipate in Italia nel 2016
- Appalti: Itaca, Uni e Accredia firmano protocollo per una P.A. più competente
- Atti Conferenza Stato-Regioni del 13 dicembre
- Atti Conferenza Unificata del 13 dicembre

+T -T
Autonomia differenziata: Conte, verso il 15 febbraio la firma dell'intesa

(Regioni.it 3520 - 21/12/2018) Avviato in Consiglio dei Ministri il percorso sull'autonomia di Veneto, Emilia-Romagna e Lombardia. Il 15 febbraio il presidente del Consiglio Giuseppe Conte incontrerà "i Presidenti delle Regioni interessate". Ad annunciarlo lo stesso premier in conferenza stampa.
"Oggi abbiamo delineato un percorso cronologico. Lo abbiamo scandito e verso metà gennaio completeremo l'istruttoria delle varie materie. Poi ci sara' una fase finale per valutare le richieste dal punto di vista tecnico, giuridico e politico". Lo dice il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al termine del Consiglio dei ministri del 21 dicembre che aveva all'ordine del giorno, tra i vari provvedimenti, la bozza di intesa con Lombardia e Veneto sull'autonomia differenziata in base all'articolo 116 della Costituzione. "Vogliamo trovarci, verso il 15 febbraio - ribadisce Conte - a incontrare i presidenti delle regioni interessate e sottoscrivere con loro un'intesa", precisa.
"Un'altra scadenza rispettata. 5 mesi di lavoro tecnico tra ministero, tecnici e dirigenti con il contributo delle regioni. Oggi il primo importante passaggio in Consiglio dei ministri ". Lo dice Matteo Salvini al termine del consiglio dei ministri. "Dal 15 febbraio 2019 ci sarà una  proposta dello Stato sull'autonomia che sarà presentato alle Regioni.  Entro l'inverno potrà essere realtà". "Spero" che la legge Rafforzata  "venga accolta anche da alcune Regioni del Sud",  aggiunge il  ministro dell'Interno.
"Sull'autonomia c'è assoluta unanimità e pieno consenso delle forze politiche che sostengono il Governo, è un impegno che abbiamo assunto e che è nel contratto di Governo. I cittadini si sono espressi con un referendum, è un esercizio virtuoso di democrazia", precisa ancora Giuseppe Conte. "Da presidente del Consiglio sono garante della coesione nazionale, non sara' un percorso che arricchirà alcune Regioni e ne impoverirà altre - ha proseguito Conte -. Rispetteremo il principio di sussidiarieta'. Stiamo attuando un articolo della Costituzione, il 116, terzo comma".
"Le Regioni che hanno fatto richiesta di maggiore autonomia non sono solo Veneto, Lombardia ed Emilia-romagna, ma anche Piemonte, Liguria, Toscana Umbria e Marche. Il Piemonte proprio questa settimana mi ha portato il dossier che apre la fase delle trattativa. E' una opportunita' per tutte le Regioni italiane: nessuna esclusa", conclude il ministro per gli Affari regionali, Erika Stefani.

Conferenza stampa del Consiglio dei Ministri n. 33



( red / 21.12.18 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top